Schiaccia alla campigliese PAT Toscana

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Toscana

La schiaccia alla campigliese è un dolce croccante di colore giallo chiaro e forma rotonda. Si consuma come dessert con vino bianco o con vin santo. Vengono impastati farina, uova, strutto, zucchero, pinoli e limone. Una volta ottenuta una pasta ben amalgamata, si dispone in una teglia circolare e poi viene cotta in forno a 180°C per circa mezz’ora.

Tradizionalità

Si racconta che nel 1448, in occasione dell’assedio posto a Piombino da Alfonso I Re di Napoli, anche Campiglia fu assediata in quanto roccaforte delle Repubblica Fiorentina. Venute a scarseggiare le provviste, alcune donne impastarono le poche uova rimaste con la farina e lo strutto (grasso di maiale estratto a caldo dalle parti grasse dell’animale). In passato, oltre ai pinoli si aggiungeva all’impasto altra frutta secca, che permetteva di ottenere una pasta più spessa. La sua tradizionalità è legata al sapore particolare ed alla consistenza conferitale dallo strutto. Per tradizione si dice che la schiaccia è perfetta, come fattura e cottura, quando dato un colpo con la mano, questa si spezza in molte parti.

Produzione: Sono 14 i produttori di schiaccia alla campigliese in tutto il territorio della provincia di Livorno, sparsi nei comuni di Piombino, Campiglia Marittima, Suvereto, Donoratico, Venturina e Castagneto Carducci. La produzione annua si aggira intorno ai 35-36 quintali, negli ultimi anni è stato riscontrato un aumento della produzione del 20%.La vendita avviene completamente in zona, buona parte del prodotto viene destinato alla vendita diretta, solo il 10% viene venduto a ristoratori e a negozi locali.Tutti gli anni a maggio si tiene la Festa di Campiglia con presentazione dei prodotti tradizionali; si ricorda che la schiaccia alla campigliese si può degustare anche alla Sagra del fungo in ottobre e in occasione della manifestazione “Castagneto a tavola” che si tiene a Castagneto Carducci a fine aprile, inizi di maggio. La schiaccia è stata presente anche all’edizione 2001 di VinItaly, a Verona.

Territorio di produzione

Campiglia Marittima, provincia di Livorno.

Castagna pistolesa PAT Toscana

La castagna pistolesa ha forma allungata e apice appuntito, colore scuro con tonalità più chiare verso l’ilo, che è piuttosto piccolo. L’episperma (pellicola interna) è di facile asportazione, non essendo infatti invaginato. La pezzatura è di circa 90-150 frutti per kg. Le castagne vengono raccolte nel mese di ottobre e poste a essiccare per 30…

Leggi di +

Pupporina PAT Toscana

Per celebrare san Bartolomeo la sera del 24 agosto, a Bozzano, l’usanza antichissima prevede che le donne del paese preparino un dolce rotondeggiante che ricordi, nell’immaginario collettivo un seno: la pupporina. Una volta pronto, il dolce viene consegnato ai bambini che lo portano, in processione, alla cappella di San Bartolomeo, dove verrà benedetto e poi…

Leggi di +

Biroldo di Lucca o della Versilia PAT Toscana

Il biroldo è un insaccato di media pezzatura (diametro di 5-7 cm), di forma tondeggiante e schiacciata (pagnotta), legato alle due estremità. È composto da frammenti ben visibili di grasso suino (lardelli) dispersi nella massa ematica rappresa; è profumato, di consistenza morbida e di colore rosso scuro. Il sapore è più o meno piccante, l’odore…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *