Savoiardi PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

Biscotti a base di uova, zucchero, farina bianca. Montare benissimo lo zucchero con i tuorli d’uovo aggiungere la farina e a parte, montare a neve ben ferma gli albumi aromatizzati con succo di limone. Imburrare la placca del forno formare su di essa tanti bastoncini della lunghezza di circa 5 cm e della larghezza di un dito e cuocere.

Tradizionalità

Chi è alla ricerca dei veri Savoiardi, deve andare a Reggio Emilia. Nel 1909 Elico Alai mise a punto un’alternativa reggiana al Pan di Spagna, ingrediente utilizzato nella Zuppa inglese e in altri dolci tipici della città. Proprio perché si ispirò a un biscotto piemontese della sua infanzia, il dolce morbido e soffice si chiamò Savoiardo. Rimane segreta la ricetta originale dell’impasto che fuoriesce da un sacchetto di tela prendendo così la sua caratteristica forma ellittica.

Curiosità

Il Savoiardo ebbe grande successo, si prestava a completare, per le sue caratteristiche di impasto lievitato, qualsiasi tipo di dolce, compresa la famosa a ”Zuppa inglese” tanto diffusa ed apprezzata a Reggio Emilia.

Referenze bibliografiche

  • L. Bassi, “La cuciniera maestra. Ovvero metodo facile per cucinare esposto chiaramente con l’aggiunta di ricette per la compilazione di liquori e la conservazione dei cibi”, Reggio Emilia, 1984;
  •  Iori Galluzzi M.A.–Iori N., Breve manuale del mangiar reggiano, Reggio Emilia, N. Iori, 1985;
  • Sandra Montani- Anita Veroni- “La cucina della bassa padana: saba sugo e savoret”. Franco Muzzio editore. 1986 Padova.

Territorio di produzione

Provincia di Reggio Emilia.

Amaretti PAT Emilia Romagna

Dolce a base di zucchero, mandorle dolci e amare, albumi d’uovo. Tritare finemente le mandorle precedentemente spellatele e seccatele al sole o al fuoco. Lavorate col mestolo lo zucchero e le chiare per mezz’ora almeno, aggiungete le mandorle per formarne una pasta soda in modo da farne delle pallottole grosse quanto una piccola noce; se riuscisse…

Continua a leggere

Erbazzone di Reggio Emilia PAT Emilia Romagna

La tradizione contadina di tutta Italia vanta torte, salate o dolci, a base di erbe, formaggi, uova e altri ingredienti di ripiego, magari avanzi di altre preparazioni di cucina; la culinaria romana, diffusasi in breve ovunque, era ricca di ricette ottenute schiacciando erbe e ortaggi tra due strati di pani o schiacciate. Mastro Martino nel…

Continua a leggere

Tardùra o stracciatella PAT Emilia Romagna

Si faceva nelle grandi occasioni: Corpus Domini, Pasqua, cresime, battesimi, matrimoni. La minestra del paradiso, come anche tutte le altre minestre in brodo, era considerata un ricostituente di lusso che si preparava per darla da mangiare solo a quelli che in casa erano ammalati o convalescenti. La puerpera, ad esempio, con le galline ricevute in…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *