Riserva Naturale Orientata “Bosco Rubbio” – Basilicata

Fonte @Raggruppamento Carabinieri Biodiversità

La Riserva Naturale Orientata “Bosco Rubbio”, costituisce un significativo relitto delle foreste a faggio ed abete bianco che originariamente rivestivano le pendici del Monte Pollino. Il territorio della Riserva è stato successivamente classificato anche come Zona di Protezione Speciale (ZPS) nell’ambito della Rete Natura 2000 dell’Unione Europea, in virtù della presenza di avifauna dal consistente valore naturalistico (falco pecchiaiolo, nibbio reale, picchio nero, nibbio bruno, biancone, picchio rosso mezzano). L’abete bianco presente nel sito, secondo gli studi botanici effettuati, sembrerebbe appartenere sia ecologicamente che morfologicamente ad una varietà appenninica differente dalle provenienze settentrionali, costituente un ecotipo locale.

Tale specie, in passato molto diffusa in Italia meridionale, occupa oggi un’area molto limitata per motivi climatici e antropici. La Riserva di Rubbio è uno dei pochi siti dove la specie vive allo stato spontaneo, in consociazione naturale con il faggio. L’importanza della conservazione dell’abete bianco, in relazione alle specie di uccelli presenti, è legata alla necessità di disporre di piante mature per la nidificazione e per le esigenze trofiche degli stessi. Caratteristica è la presenza di un laghetto stagionale, il “Lago d’erba”, originatosi naturalmente presso l’ingresso inferiore della Riserva, ove crescono rigogliose piante tipiche delle zone umide visibili solo in alcuni periodi dell’anno.

Habitat

Faggeta montana termofila termofila (habitat protetto dalla Direttiva Habitat, prioritario, 9220* Faggete degli Appennini con Abies alba).

Flora

Consociazione principale con faggio (Fagus sylvatica) e abete bianco (Abies alba) in posizione subordinata. Sono presenti nuclei di conifere introdotte nel passato artificialmente (douglasia – Psdeutsuga menziesii, pino laricio – Pinus laricio e cedri). Nnella porzione inferiore della foresta è presente un piccolo lembo di querceto mesofilo con cerro – Quercus cerris e roverella – Quercus pubescens  e qualche sporadico farnetto –  Quercus frainetto.

Fauna

Sono presenti esemplari di lupo, istrice, gatto selvatico, cinghiale, e martora. Lupo e gatto selvatico sono specie protette dalla Direttiva Habitat. Rilevante risulta la presenza di specie ornitiche di elevato significato naturalistico quali falco pecchiaiolo, nibbio reale, picchio nero, nibbio bruno, nibbio reale, biancone, picchio rosso mezzano, cincia bigia, fringuello, cinciallegra, picchio muratore, scricciolo, poiana, picchio rosso maggiore, cincia mora, usignolo, capinera, pettirosso, tordela, ghiandaia, luì verde e averla capirossa.
 

­­­­­­­­­­­­­­­­­­Come arrivare

SS 653, uscita Francavilla in Sinni (PZ)

Norme di fruizione

Le visite guidate  sono effettuate  previa richiesta inoltrata  al  Reparto Carabinieri Biodiversità di Potenza . Ogni accesso per motivi di studio o altro  deve essere comunicato ed autorizzato dal Reparto.

Vedi Classificazione Aree Naturali Protette

Parco umido La Piana – Campania

La zona denominata “Parco umido la Piana” è costituita da un grosso appezzamento di terreno ubicato in località “La Piana” del Comune di Castel Volturno, con altitudine di pochi metri sul livello del mare. Occupa una superficie di circa 63 Ha ed è stato consegnato in uso governativo al Reparto Biodiversità di Caserta dal Demanio dello Stato…

Leggi di +

Riserva Naturale Fiume Ciane e Saline di Siracusa

Il fiume Ciane, il cui nome viene dal greco cyanòs che significa azzuro, nasce a Cozzo del Pantano, nella pianura alluvionale di Siracusa, dalle sorgenti Testa di Pisimota e Testa di Pisima, quest’ultima è principale ed appare come un laghetto di acqua di colore azzurro, sulle cui rive cresce il papiro.

Leggi di +

Riserva Naturale Biogenetica Gallopane – Calabria

La Riserva si trova in Sila Grande nell’omonima località ricadente nel Comune di Longobucco, poco distate dalla strada di Fossiata. Trattasi di una foresta tendenzialmente vetusta ubicata nel cuore, dell’antica “Silva Brutia” dei romani, nella quale sono presenti piante di pino laricio di dimensioni notevoli (diametro 140 cm e con altezza 40 m, età di…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *