Report sul clima: Venezia rischia di sparire sott’acqua e con lei tante città costiere

C’è la data di scadenza: entro il 2100 piazza San Marco rischia di finire costantemente sott’acqua e Venezia – insieme ad altri centri urbani costieri – entra di diritto nelle città in via di estinzione. Il Mose, il sistema a paratie che tiene l’alta marea fuori dalla laguna, è progettato per eventi eccezionali, non per l’inesorabile aumento del livello del mare, legato ai cambiamenti climatici.

A Venezia le stime sono di un incremento di altri 50 centimetri entro la fine del secolo.

Georg Umgiesser, oceanografo al CNR-ISMAIR (l’Istituto di Scienze Marine del CNR che svolge ricerche in aree mediterranee, oceaniche e polari per studiare l’evoluzione degli oceani e dei margini continentali), sostiene che “un aumento di 50 cm sarebbe catastrofico per Venezia perché si avrebbe un livello medio del mare di 82 cm. Piazza San Marco è a 80 cm di livello medio, il che significa che avremmo sempre acqua a San Marco”.

Il report IPCC, emergenza coste

La conferma dell’emergenza, per Venezia ma più in generale per le città costiere, arriva dalla relazione inedita dell’Intergovernmental Panel on Climate Change, il principale organismo internazionale per la valutazione dei cambiamenti climatici. L’IPCC è stato istituito nel 1988 dalla World Meteorological Organization (WMO) e dallo United Nations Environment Programme (UNEP) allo scopo di fornire al mondo una visione chiara e scientificamente fondata dello stato attuale delle conoscenze sui cambiamenti climatici e sui loro potenziali impatti ambientali e socio-economici.

L’IPCC lancia un allarme chiaro: chi sta in prima linea – megalopoli, piccole isole, porti commerciali, delta e comunità artiche – è al conto alla rovescia. Il problema non è più se – dicono i ricercatori – ma quando avverrà il danno.

Il danno è ambientale ed economico

Una proiezione dello scenario peggiore per le 136 più grandi città costiere del mondo ha calcolato i danni attesi entro la metà del secolo tra 1,6 e 3,2 trilioni di dollari, a causa dell’aumento del livello del mare senza inversione di tendenza. Una stima che pesa, anche in considerazione del fatto che circa un decimo degli abitanti e dei beni del mondo si trova a meno di 10 metri (33 piedi) sopra il livello del mare.

Da Guangzhou a Mumbai, da Dhaka a Cape Town, il report avverte: senza tagli drastici alle emissioni, l’impatto sarà devastante, anche per il fatto che le città costiere continuano ad espandersi, mettendo in pericolo altri milioni di persone, soprattutto in Asia e in Africa.

Come possono proteggersi le città?

…..

Continua a leggere su Euronews.it

Lo slancio verso l’idrogeno

Le novità sono così numerose nell’“universo dell’idrogeno” che è difficile stare al passo con la sua evoluzione. A partire dalla diffusione dell’epidemia di Covid-19 nell’UE, si è assistito a un’ulteriore accelerazione dell’adozione di politiche a favore dell’idrogeno e della stipula di accordi internazionali. L’8 luglio l’UE ha lanciato la sua strategia sull’idrogeno, a seguito della…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *