Rapa di Verzegnis PAT Friuli Venezia Giulia

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del Friuli Venezia Giulia

La radice si presenta in larga parte di colore rosso-violaceo con un rapporto fra diametro equatoriale/polare di circa 1,46. La radice ha una colorazione bianca nel solo quarto inferiore. La radice presenta un peso variabile in funzione della fittezza d’impianto, delle caratteristiche pedologiche e della stagionalità ma in genere è compreso fra 600 ed 800 g. Il ciclo vegetativo, fra trapianto e raccolta, è di circa 70 giorni. La radice si sviluppa per oltre il 70% al di fuori della superficie del terreno. I semi sono sferici e di colore bruno. Il peso di 1000 semi oscilla fra 2,5 e 3,5 grammi.

Tradizionalità

La coltivazione della rapa (nome locale gnau) è testimoniata in diverse pubblicazioni locali di cui le più importanti: “La me Cjargna” di A.Ciceri  editore Società Filologica Friulana, Udine 1985 e “Gnaus, identità di  un paese chiamato Verzegnis” a cura del Comune di Verzegnis, editrice CO.EL, 2003, che riprende una ricerca eseguita dai ragazzi delle scuole elementari di Verzegnis negli anni scolastici 1980-1981. A testimonianza dell’importanza della coltivazione il soprannome degli abitanti di Verzegnis è appunto “Gnaus”, rape.

Territorio di produzione: Comune di Verzegnis (UD).

Cavolo cappuccio di Collina di Forni Avoltri PAT Friuli Venezia Giulia

La coltivazione del Cappuccio di Collina (nome locale: chiaput) è nota sin dai secoli scorsi. Il seme, tramandato da generazioni, è ancora quello originale e non se ne conosce la provenienza storica. Numerose sono le pubblicazioni sui giornali locali; inoltre, sono molteplici le indicazioni culinarie sull’utilizzo dei “crauti” ottenuti con questo ortaggio.

Continua a leggere
Castagna di Mezzomonte PAT Friuli Venezia Giulia

Il nome di questa cultivar, e quindi quello del relativo frutto (castagna), deriva dalla frazione di Mezzomonte di Polcenigo, indicando la sua antica presenza in zona e il suo forte legame con il territorio. Al pari di altre varietà coltivate nella stessa zona, ha trovato ottimali condizioni pedoclimatiche nella fascia prealpina in esame, grazie all’adeguata…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *