Proteggere il patrimonio naturale Europeo: il salmone atlantico Salmo salar

Il salmone atlantico: il maratoneta dei fiumi

I pesci, come gli uccelli, a volte intraprendono incredibili viaggi dalle zone di alimentazione fino ai siti di riproduzione per fare ritorno al punto di partenza, senza troppo badare ai confini nazionali o internazionali. Il salmone atlantico Salmo salar, ad esempio, può nascere in un corso d’acqua dolce nel cuore della Francia per ritrovarsi, qualche anno dopo, a 6 000 km di distanza a nutrirsi al largo delle coste della Groenlandia.

Salmo salar

Il salmone atlantico migra dal mare per riprodursi in acqua dolce. La riproduzione avviene in zone ghiaiose e poco profonde in fiumi e corsi d’acqua puliti, dove l’acqua scorre velocemente. Dopo un periodo di 1–4 anni i giovani salmoni migrano verso il mare scendendo la corrente, dove staranno per 1–3 anni a completare la crescita, prima di risalire nuovamente il fiume e tornare a deporre le uova nel luogo in cui sono nati.

A differenza dei cugini del Pacifico il salmone atlantico non muore automaticamente dopo la riproduzione: alcuni sopravvivono per fare ritorno al mare e riprendersi prima di ripetere la migrazione per deporre nuovamente le uova.

La propensione del salmone atlantico a tornare nel luogo d’origine ha portato alla formazione di stock geneticamente diversi in molti fiumi d’Europa. Col tempo alcuni si sono ritrovati addirittura isolati, poiché la normale rotta migratoria è stata bloccata dalla costruzione di grosse dighe e sbarramenti lungo il fiume.

È questo il caso del salmone del Danubio Hucho hucho, che oggi è presente solo in pochi fiumi di Austria e Germania. Grazie alla direttiva Habitat, molti dei fiumi che ospitano questo salmone unico nel suo genere sono ora protetti dalla rete Natura 2000; inoltre, sono state adottate misure per riportare i vari siti a condizioni più naturali: vengono tolte le barriere fisiche che ne impediscono la migrazione, installate scale di risalita e ricostruiti i banchi di ghiaia usati per la riproduzione.

Vengono inoltre effettuati rigorosi controlli sull’inquinamento delle acque, mentre la pesca con lenza è strettamente regolamentata per impedire l’eccessivo sfruttamento delle popolazioni esistenti. Nonostante ciò, l’eccessiva pesca in mare continua a essere fonte di grande preoccupazione.

Pur avendo imposto restrizioni su alcuni stock per garantire la sostenibilità della pesca del salmone atlantico, molti salmoni inferiori alla taglia minima rischiano comunque di essere catturati accidentalmente e rigettati in mare, e pochi sopravvivono.

FONTE @NATURA 2000 – Proteggere la biodiversità in Europa

Forsizia, Forsythia viridissima

Forsizia. Si tratta di arbusti a fogliame deciduo che raggiungono l’altezza di 1-3 m.
Fioriscono alla fine dell’inverno prima dell’emissione delle foglie, ricoprendosi di fiori di colore giallo-zolfo. I fiori sono gamopetali con una corolla di 4 lobi ed un calice ridotto, con incisure dei lobi molto profonde. Le foglie sono opposte, oblunghe o tondeggianti,…

Leggi di +

Sensibilità ecologica degli apoidei verso i seminativi!

Frumento duro, mais e frumento tenero sono coltivati in Italia prevalentemente in monosuccessione su vaste estensioni di territorio (seminativi), per lo più in ambito planiziario e collinare. Nei sistemi monocolturali, con presenza di una sola specie o varietà, prevalgono gli ambiti di paesaggio semplificati, caratterizzati dalla quasi completa eliminazione delle bordure, in grado di fornire…

Leggi di +

Albero del Paradiso, Ailanthus altissima

Il nome del genere Ailanthus deriva da un’alterazione del malese ‘ailant’ o ‘aillanitol’ (=‘albero che raggiunge il cielo’), nome con cui viene chiamato nell’arcipelago delle Molucche. L’epiteto specifico altissima deriva dal latino ‘altissimus, -a, um’, anch’esso in riferimento all’altezza che la pianta può raggiungere.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.