Porchetta di Selci PAT Lazio

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del Lazio

Porchetta selciana

La Porchetta di Selci è una gustosa preparazione alimentare ottenuta dalla cottura del suino intero (provvisto anche della testa), condita con sale ed aromatizzato con pepe nero, rosmarino, aglio fresco o essiccato. La fetta al taglio è omogenea di colore chiaro che tende al rosa nella parte centrale della fetta; il sapore è delicato ed aromatico. La crosta è croccante, di colore marrone dal caratteristico sapore sapido. Della Porchetta di Selci è prevista anche la tipologia del tronchetto di dimensioni minori (fino a un massimo di 25 kg.).

METODO DI PRODUZIONE

Presso lo stabilimento di lavorazione giungono le carcasse intere del maiale dal peso di circa 70 – 120kg, generalmente appartenenti alla razza Large White e proveniente da allevamenti nazionali. Le carcasse di suino, provviste di arti anteriori e posteriori e della testa, vengono lavorate subito e stoccate in cella frigo a 0°/+ 4°C per alcune ore. La prima operazione prevede il disossamento manuale al fine di asportare tutte le parti ossee e cartilaginee e successivamente avviene il condimento manuale con il sale fino, pepe nero, rosmarino, e aglio fresco o essiccato. Una volta conclusa la conciatura la porchetta viene lasciate a riposare per 3 – 4 ore al fine di favorire l’assorbimento del sale e degli aromi e conferire il caratteristico sapore di carne sapida e aromatizzata con le spezie. Segue la cucitura manuale con spago alimentare iniziando dalla parti interne precedentemente disossate (filetto, cosce, spalla ecc) e poi ricucita esternamente nella parte ventrale. La cottura può avviene con il forno a legna (legno di bosco locale), a gas o elettrico. In particolare con la cottura a legna, la Porchetta di Selci acquista un gradevole profumo di afumicato, molto apprezzato dal consumatore. Quando la temperatura del forno raggiunge il primo picco di temperatura a 250°C, la Porchetta di Selci viene fatta cuocere per 30 minuti circa e con il diminuire dei gradi a 200 – 180°C, la cottura continua per ulteriori 5/6 ore. La porchetta una volta sfornata viene fatta rafreddare per 2-3 ore a temperatura ambiente e successivamente viene conservata in cella frigo fino al raggiungimento di 8°C. La Porchetta di Selci (compreso il tronchetto) può essere commercializzata al banco o a fette conservate sottovuoto.

CENNI STORICI

Antico borgo della Bassa Sabina a pochi chilometri dal Santuario della Madonna di Vescovio (Forum Novum dal II secolo a.C.) in provincia di Rieti, il paese di Selci è conosciuto come la patria della famosa Porchetta, celebrata, già dal 1956 generalmente nel mese di agosto, con la Sagra della Porchetta. Nel territorio di Selci, di spiccata vocazione agricola e zootecnica, fin dal passato era molto difusa la coltivazione dell’olivo e della vite e l’allevamento ovino, bovino e suinicolo. Fin dalle antiche “contradum” gli animali erano fondamentali per l’impiego nei lavori agricoli, per il trasporto e per il sostentamento alimentare. In particolare dalle indagini storico-bibliografiche emerge che nell’ultimo secolo i Selciani hanno intensificato l’allevamento dei suini: il maiale dal II° dopoguerra significò ricchezza e fonte di guadagno. I Selciani iniziarono a dedicarsi alla trasformazione delle carni suine in prelibati salumi, ma il prodotto che prese subito piede risultò essere, fin dall’inizio, la Porchetta Selciana, la cui ricetta e preparazione si tramanda ancora oggi di generazione in generazione.

AREA DI PRODUZIONE

Selci (RI)

Prosciutto cotto al vino di Cori PAT Lazio

Il Prosciutto cotto al vino di Cori vanta un’antica tradizione. Una ricetta semplice e genuina, custodita gelosamente e tramandata di padre in figlio ha permesso di mantenere viva questa tradizione e di portare sulla nostra tavola questa specialità gastronomica tradizionale del Lazio, che racchiude in sé colori, profumi e sapori intrisi d’antica cultura. Non si…

Leggi di +

Zazzicchia di Patrica PAT Lazio

La “Zazzicchia” di Patrica è un salume a base di carne e grasso suino, prodotta nella tipologia fresca, stagionata e conservata sott’olio. Insaccata con budello naturale, presenta impasto a grana medio-grossa, dovuto al taglio a “punta di coltello” o con tritacarne a stampi a fori grandi, forma a catenella, peso che va da 100 a…

Leggi di +

Pancetta tesa stagionata alle erbe al maiale nero PAT Lazio

Preparata solo nella stagione invernale, nella tipologia “classica” a base di pepe e peperoncino e/o nelle tipologia “alle erbe” con pepe, finocchio, timo e rosmarino, la Pancetta tesa stagionata alle erbe al maiale nero, si presenta di forma rettangolare, con strati alternati di parti grasse e magre, più o meno sottili. La consistenza è compatta…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.