Polentina astigiana PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

La polentina astigiana è una vera e propria torta, di forma rotonda, spessa pochi centimetri e che si taglia a fette. La consistenza è quella di un pandispagna, molto arricchito negli ingredienti. È caratterizzata da alcuni ingredienti particolari, quali l’uva sultanina, le mandorle, o in certe versioni le nocciole, ma soprattutto da profumo del liquore che la inzuppa, il maraschino; questo è un liquore dolce ottenuto dalle “marasche”, una varietà di ciliegie amarene.

Il profumo del liquore si sposa ed esalta il delicato profumo del dolce. Si taglia a fette e si consuma come dolce da fine pasto o da merenda, è consigliabile gustarla sola, essendo molto ricca di gusti e di carattere. È un prodotto a diffusione locale e abbastanza limitata, ricercato dai turisti.

Caratteristiche

  • Consistenza: morbidissima e soffice, alveolatura fine di pasta montata, praticamente senza crosta.
  • Odore: predominante di liquore, poi di frutta secca e uvetta, note sfuggenti di burro e uovo.
  • Colore: giallo uovo uniforme, spolverata superficialmente di farina di mandorle o nocciole.
  • Sapore: molto complesso, dolce moderato, con intenso sapore di liquore alla ciliegia e uvetta. retrogusto lunghissimo di burro e frutta seccano.
  • Dimensioni: tortine rotonde di varia misura, da 300 fino a 1000 g, spessore circa 3 cm.

Metodiche di lavorazione

Gli ingredienti della versione originale della polentina astigiana sono: uova, zucchero, farina, burro, mandorle, maraschino e uvetta. Alcune versioni sostituiscono del tutto o in parte le mandorle con le nocciole. Molto importanti per la qualità finale del prodotto anche le caratteristiche del maraschino usato. Si montano uova e zucchero, poi si aggiungono farina e burro, si sbatte ancora in planetaria ed in ultimo si aggiunge l’uvetta. Il composto si versa nelle tortiere o stampi e si cuoce in forno per 15-20 minuti a seconda del formato. Dopo la cottura la polentina astigiana si toglie dalla forma e si lascia raffreddare. Si inzuppa generosamente nel maraschino e si mette in uno stampo pulito, in genere di alluminio, che la proteggerà dagli urti. Dopodiché si incarta subito.

ZONA DI PRODUZIONE

La polentina astigiana si produce in alcune pasticcerie di Asti e dei comuni vicini.

TRADIZIONALITÀ

La polentina astigiana è una specialità originale di Asti, e fu creata nel 1928 da un noto maestro pasticcere di Asti, da allora ricorre nella produzione pasticcera della città e dei suoi dintorni. Durante la “Giornata Dedicata Alla Gastronomia Piemontese”, organizzata dall’APT delle province piemontesi in collaborazione con l’ENIT di Nizza, a Marsiglia, la polentina astigiana fece ufficialmente parte dei dolci della cena tenuta all’Hotel de Noailles, la sera del 21 ottobre 1970

Bibliografia:

  • Sandro Doglio, Le cose buone del Piemonte, Unioncamere Piemonte.

Tomino del Talucco PAT

Il Tomino del Talucco è un formaggio a latte vaccino e caprino o in purezza di latte di capra. Il processo di caseificazione è asseribile nella tipologia cacioricotta, ovvero impiegando latte crudo sottoposto a un trattamento termico più elevato di quello di una normale pastorizzazione. Il motivo di tale tecnica è il recupero, nel futuro…

Leggi di +

Mica PAT

La Mica è un impasto macinato di carne e grasso di suino, pressato, ricoperto da uno strato di pepe e di farina di segale. La forma è cilindrica, con un diametro di 15-16 cm, un’altezza di 5 cm ed un peso di circa 900 g. Al taglio il colore è rosato frammisto al bianco del…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *