Platano ibrido – Platanus x acerifolia

Caratteristiche botaniche:

Nome comune: Platano ibrido
Famiglia:
Platanaceae
Pianta monoica/dioica:
monoica
Portamento:
arboreo

Foglie: di tipo ‘palmato’ con 5 lobi triangolari e con margini dentati, di colore verde brillante

Fiori: unisessuali riuniti in capolini separati lungamente peduncolate, le infiorescenze maschili si trovano sui rami di un anno ed hanno colore giallastro, quelle femminili sono rossastre e sono posti all’ apice dei nuovi rametti

Frutti: infruttescenze sferiche diametro 3-4 cm raggruppate in n° di 3-6 su un lungo peduncolo. A maturità si liberano semi piumosi

Periodo di dispersione del polline: G F M A M G L A S O N D

Impollinazione: anemofila

Il Platano comune è un albero imponente che può raggiungere i 30 metri di altezza ed in certi casi arrivare anche a 40 m; ha una chioma ampia che rimane fino a terra negli esemplari isolati. Presenta un fusto dritto e cilindrico con corteccia che si desquama in placche asimmetriche lasciando visibili gli strati sottostanti di colore grigio – verdastro.

Ha una ramificazione simpodiale (la gemma apicale abscinde) e le gemme divergenti sono contenute nelle perule del picciolo fuse assieme. I rami dell’anno sono glabri. Le foglie hanno lamina grande e lungamente picciolate, simili a quelle del platano orientale con cinque o sette lobi acuti e dentati e stipole piccole.

Se hanno maggiormente i caratteri del platano occidentale hanno tre (cinque) lobi ottusi e stipole grandi. La pianta fiorisce nel periodo tra aprile e maggio ed i fiori sono riuniti in racemi di colore gialli e rossi e l’impollinazione è anemofila. I frutti, di forma sferica, sono portati su peduncoli molto lunghi e riuniti in racemi.

Questi maturano nel periodo autunnale e si disgregano in inverno; gli acheni vengono trasportati lontano dalla pianta per mezzo del vento (anemocoria) grazie a dei ciuffi che li sostengono.

Caratteristiche botaniche

Il Platanus x acerifolia è un ibrido ottenuto incrociando Platanus orientalis e Platanus occidentalis. Grande e maestoso albero a foglia caduca, con chioma da rotonda ad espansa, a crescita media, raggiunge i 40 metri di altezza. Fusto diritto e possente e ramificazioni principali che si inseriscono a 45° sul tronco, corteccia ornamentale bruno chiara poi grigia che si sfalda in larghe placche scoprendo zone bianco-crema sottostanti. Foglie grandi, palmate, con 3-5 lobi più o meno dentati di colore verde brillante, lucide. In autunno si colorano di giallo-bruno. Pianta monoica, con infiorescenze maschilie femminili separate ma sulla stessa pianta, in capolini sferici. Le infruttescenze sempre sferiche sono portate da lunghi peduncoli in gruppi di 2-4, prima verdi poi brune in autunno, rimangono a lungo sulla pianta.

Caratteristiche agronomico-ambientali

Predilige terreni profondi e fertili, freschi e ben drenati ma si adatta a tutti i terreni anche fortemente calcarei. Alta resistenza al ristagno idrico e all’inquinamento urbano.

Utilizzo

Il Platanus x acerifolia viene utilizzato in ambiente agricolo usato lungo i fossati per siepi da ceduo. Coltivato come pianta da ombra in città lungo i viali e nelle piazze. Anche per alberature stradali. In parchi e giardini come esemplare isolato, a gruppi o per creare zone a bosco.

Cipresso dell’Arizona, Cupressus arizonica

Secondo quanto riportato da PIGNATTI (1982), la flora italiana annovera 3 specie di cipresso, tutte di provenienza esotica. Tra queste C. sempervirens, archeofita proveniente dall’Oriente e comunemente diffusa dal livello del mare fino a circa 1200 m di quota, ormai da tempo naturalizzata in gran parte delle regioni della Penisola (CONTI & al., 2005). Sono…

Leggi di +

Ippocastano, Aesculus hippocastanum

Il termine Aesculus proviene da Aesculus, specie di quercia che cresce sui monti sacra a Giove (forse Quercus robur?), nome utilizzato da Linneo assegnandolo a questo genere. L’epiteto specifico hippocastanum deriva dal greco ἵππος híppos cavallo e da κάστανον cástanon castagno: castagno cavallino.

Leggi di +

Melo domestico, Malus domestica

Il frutto, detto pomo o mela comunemente, si forma per accrescimento del ricettacolo fiorale insieme all’ovario ed è perciò un falso frutto; ha forma globosa, generalmente di 5–9 cm di diametro, prima verde e a maturazione, estivo-autunnale, con colore variabile dal giallo-verde al rosso. Il frutto vero, derivato dall’accrescimento dell’ovario è in realtà costituito dal…

Leggi di +

Ginkgo, Eriobotrya japonica

La pianta è originaria della Cina, nella quale sono stati rinvenuti fossili che risalgono all’era paleozoica. La pianta è stata ritenuta estinta per secoli, ma recentemente ne sono state scoperte almeno due stazioni relitte nella provincia dello Zhejiang nella Cina orientale. Non tutti i botanici concordano però sul fatto che queste stazioni siano davvero spontanee,…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.