Pecorino di Maglie PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Formaggio grasso, derivato dal latte di pecora di breve, media e lunga stagionatura, a pasta semidura e dura. Il pastore è anche allevatore e casaro e il suo formaggio lo produce con la massima conoscenza del latte che le sue pecore producono. Non solo, anche il caglio se lo fa in modo artigianale, completando una caseificazione del tutto autoctona. Così è questo Pecorino a breve stagionata e a lunga stagionatura. Forma cilindrica a facce piane del diametro di 12-14 cm e scalzo leggermente convesso, alto 10-12 cm il formaggio fresco, 5-6 cm quello stagionato. Si consuma a breve stagionatura, dopo 60 giorni, oppure a lunga stagionatura, dopo 10 mesi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

TECNOLOGIA DI LAVORAZIONE

Il latte crudo di due munte consecutive viene riscaldato alla temperatura di 40° e addizionato con caglio di vitello liquido, prodotto in azienda. La cagliata, presamica, viene rotta alle dimensioni di una fava, poi estratta e posta in contenitori di giunco dove la pasta subisce una leggera pressatura a mano. La salatura è a secco.

CARATTERISTICHE DEL FORMAGGIO

Nel formaggio da consumarsi a breve stagionatura la crosta è molto sottile, abbastanza morbida, di colore paglierino, la pasta è morbida, di colore paglierino chiaro, con occhiatura di dimensioni fine medie irregolari. Nel formaggio a lunga stagionatura la crosta è dura, di colore marrone chiaro, con pasta dura, di colore paglierino anche scuro, con occhiatura di dimensione fine media, molto irregolare.

TRADIZIONALITÀ

Da quando il pastore durante la macellazione dell’agnello ne prelevava l’abomaso, il quarto stomaco, e lo trattava per fare il caglio, il formaggio è un alimento estremamente legato alla natura. Che si rafforza in questo formaggio, dove si sentono tutta la passione dei casari e i sapori del territorio.

Territorio

Puglia, provincia di Lecce, territorio del Salento compreso fra le Serre salentine e il triangolo Maglie, Otranto, Poggiardo.

Carota giallo viola di Tiggiano PAT

E’ seminata nel mese di luglio e raccolta nel tardo inverno. Colore bianco-giallastro, screziata di violaceo. Sapore dolce. Rispetto alla tradizionale carota “daucus carota” – di cui è una variante – presenta un maggiore contenuto di Beta-carotene (precursore della vitamina A) e di vitamina E, oltre che di potassio, calcio, ferro, fosforo.  Queste caratteristiche ne…

Leggi di +

Cicoria di Galatina e Cicoria “puntarelle” di Molfetta PAT

Le piante del gruppo “catalogna”, come le altre tipologie di C. intybus, sembrano provenire dall’Asia occidentale (Lucchin et al., 2008; Bianco e Calabrese, 2011); una delle aree di domesticazione pare sia la Puglia, con particolare riferimento alle province di Lecce e Brindisi. Nelle varie località del territorio pugliese vengono indicate con diversi nomi, tra cui…

Leggi di +

Bombette di Martina Franca PAT

Un piccolo e prezioso scrigno di gusto da assaporare nella sua più semplice essenzialità.

Le bombette di Martina Franca della Macelleria Centro Storico utilizzano solo carne di maiali pugliesi. Il taglio destinato a questa prelibatezza è il capocollo: compreso tra la testa e il lombo, inframmezzato da venature di grasso indispensabili per mantenerlo tenero e particolarmente…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.