Palazzo Reale della Ficuzza Corleone (PA)

Le Ville Italiane ed i loro Giardini

La Real Casina di Caccia fu costruita all’interno della Riserva Reale della Ficuzza, a partire dal 1799 per il re Ferdinando III di Sicilia, che la volle come tenuta estiva per la caccia. Si caratterizza per la sua facciata rettangolare e severa.

Ferdinando di Borbone, in fuga dai tumulti di Napoli, vi visse ininterrottamente dal 1810 al 1812. Il progetto della palazzina venne redatto dall’architetto regio Carlo Chenchi prima affiancato da Venanzio Marvuglia, eminente neoclassicista, che chiamò a sé diverse maestranze per le decorazioni interne.

L’edificio, di stile neoclassico, ha pianta rettangolare si sviluppa su due piani più il seminterrato e una Cappella per le funzioni religiose, ancor oggi in uso. La facciata è decorata con il gruppo scultoreo del dio Pan e della dea Diana con al centro lo stemma borbonico.

La stanza reale è l’unico ambiente rimasto come in origine; nell’edificio si trovano inoltre camere, saloni di rappresentanza, cappella privata, cantina, oltre a stalle e magazzini “d’ordinanza”. Quando Ferdinando III tornò a Napoli iniziò la decadenza per il Palazzo Reale e anche per la zona intorno, infatti il mobilio originale fu distrutto con i vari passaggi di proprietà e soprattutto dalle truppe tedesche durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il patrimonio è gestito dal 1870 dall’Amministrazione Forestale; dal 2009 la Casina Reale è resa visitabile al pubblico. Dal 2013, il palazzo reale è sede del “Museo multimediale del bosco di Ficuzza”.

Riserva Naturale Bosco della Ficuzza, Rocca Busambra, Bosco del Cappelliere e Gorgo del Drago

La Riserva Naturale Regionale Orientata Bosco della Ficuzza, Rocca Busambra, Bosco del Cappelliere e Gorgo del Drago interessa una serie di ambienti naturali (lecceto, sughereto, bosco di querce caducifoglie, cerreto, arbusteti e cespuglieti, aree rupestri e semirupestri, aree umide, sia fluviali che lacustri, praterie e garighe pascolive); la superficie protetta è pari a 7.398,30 ettari e interessa i territori comunali di Corleone, Godrano, Mezzojuso, Marineo e Monreale (PA).

Descrizione

Il bosco della Ficuzza, già riserva reale di caccia, è il bosco più vasto della Sicilia occidentale; ospita numerose specie di querce. La riserva ospita l’80% delle specie animali, tra uccelli e fauna selvatica, dell’intera regione.
Tra i rapaci meritano una menzione particolare l’aquila reale, il falco pellegrino, il capovaccaio, il nibbio bruno e il nibbio reale. La Rocca Busambra (1.613 m) è il rilievo isolato più alto della Sicilia occidentale. Il versante settentrionale è caratterizzato da pareti verticali, a tratti strapiombanti, di circa 350 metri. Il versante meridionale digrada quasi dolcemente. Nei pressi della cima, protetti all’interno di ampie fratture, crescono sparuti aceri. A nord delle pareti calcaree si sviluppa il Bosco della Ficuzza.

Villa Marigola (Lerici)

Si deve tuttavia l’attuale impianto di Villa Marigola all’Architetto Franco Oliva, che dal 1926 al 1949 lavorò per il nuovo proprietario l’armatore Gio Batta Bibolini. L’architetto Oliva ridisegnò le sale della villa in stile razionalista, valorizzando la prospettiva sul Golfo dei Poeti. Mise mano anche al parco definendo che si collegasse in un unico asse…

Continua a leggere

Villa Saraceno Bettanin detta “delle Trombe”

Lungo la vecchia strada che dalla Riviera Berica porta a Vò sui colli Euganei, al crocevia di Finale, sorge questo complesso di edifici da cui la famiglia Saraceno controllava le sue estese campagne. La grande corte cinta da un muro è delimitata a nord-ovest dalla villa padronale, a est da alcuni rustici e da una…

Continua a leggere

TIVOLI, Villa d’Este

La Villa d’Este a Tivoli, con il suo palazzo e il giardino, è una delle più notevoli e complete illustrazioni della cultura rinascimentale nella sua forma più raffinata. Il suo design innovativo insieme alle componenti architettoniche del giardino (fontane, vasche ornamentali, ecc.) Ne fanno un esempio unico di giardino italiano del XVI secolo. La Villa…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.