One central Park Sidney

Il piano generale per Central Park è stato sviluppato dall’ Ateliers Jean Nouvel e Foster and Partners. Questo è stato ulteriormente sviluppato dal team di progettazione per creare ulteriore spazio pubblico aperto e migliorare i collegamenti pedonali.

Il brief per One Central Park includeva una serie di iniziative di “infrastrutture verdi” tra cui tetti verdi, facciate viventi, riciclaggio di materiali demoliti, riutilizzo adattativo degli edifici, estrazione di fognature, raccolta dell’acqua, ‘trigen’ e car sharing.

Il concetto iniziale era che alcuni dei quartieri verdi e variegati dell’adiacente Chippendale “invadessero” il sito, estendendosi attraverso Central Park e altre aree pubbliche, per avvolgere l’edificio One Central Park. Questo brief è stato espresso nei primi rendering architettonici e ulteriormente sviluppato per includere sia un numero di grandi giardini verticali (pareti verdi) di Patrick Blanc che la piantumazione di facciate a ciascun livello dell’edificio.

Lo sviluppatore Fraser Properties (e Sekisui House) ha assunto un rischio di sviluppo sull’idoneità per l’inverdimento di un edificio di così alto profilo per essere un punto di differenza di marketing e una nuova porta per la città, oltre a raggiungere la sostenibilità di obiettivi di vasta portata obiettivi.

Il successo di One Central Park in tutti questi aspetti sta ora diventando evidente.

Pianta
Prospetto Est

Influenza e innovazione

One Central Park pone l’importanza delle infrastrutture verdi nelle nostre città poste al centro dell’attenzione e mostrata alle migliaia di persone che vedono l’edificio ogni giorno dall’interno e dall’esterno. L’aspetto in continua evoluzione delle centinaia di specie vegetali fornisce anche un inestimabile legame con la natura, le piante e il cambiamento stagionale. Questo è un approccio del tutto originale per collegare il paesaggio all’urbanizzazione di alta densità.

ASPETTO | OCULUS ha svolto un ruolo importante nel progetto come parte del team di progettazione. Ciò includeva non solo le aree di cui eravamo direttamente responsabili, in particolare la selezione e la progettazione dell’impianto, ma anche l’input in tutti gli elementi costruttivi associati, tra cui il design della fioriera, il sistema di supporto delle piante, l’irrigazione, il drenaggio e l’illuminazione e anche i requisiti di manutenzione continua.

Fattori speciali

One Central Park è la più grande facciata verde in Australia con notevoli sfide microclimatiche. Per garantire il successo della semina, la progettazione della semina e lo sviluppo tecnico sono stati testati attraverso un processo rigoroso.

2.700 fioriere lineari per balconi e logge, creando circa 7 chilometri lineari di verde attorno a entrambe le torri che avvolgono tutte le facciate dal livello 2 al livello 33.

L’utilizzo dell’acqua era un grosso problema così come la conformità a una valutazione di 5 Green Star. È stato necessario irrigare utilizzando fognature bonificate e trattate (acque nere) dall’edificio stesso. Questo tipo di sistema di irrigazione automatizzato a questa scala non era mai stato implementato in precedenza.

Il cortile sommerso comprende una grande fioriera addossata alla struttura per gli alberi con pavimentazione appoggiata. Aria e acqua sono state fornite a questa fioriera utilizzando un sistema di tubi di aerazione e irrigazione.

Eccellenza

One Central Park è il progetto di “architettura vivente” più ambizioso in Australia e non ha precedenti in questo paese. È una combinazione di pareti viventi e facciate verdi (viti su supporti con piante a cascata).

Questa è la prima combinazione di questi due sistemi in Australia. Qualsiasi fertilizzazione aggiuntiva viene eseguita tramite un processo di “fertirrigazione” con sostanze nutritive aggiunte all’irrigazione, a un dosaggio attentamente monitorato.

Gli squilibri nutritivi e chimici possono essere corretti attraverso questo sistema. La manutenzione della facciata verde è un problema in corso a causa delle altezze e dell’esposizione. I requisiti di suolo per le fioriere erano necessari per garantire che il suolo avesse la durata più lunga possibile. Il mix di suolo, sviluppato appositamente per il progetto, ha somiglianze più vicine all’idroponica che al suolo convenzionale.

L’esposizione al vento e la selezione delle piante sono state testate in una galleria del vento per garantire l’idoneità del sistema di pareti verdi.

Le sfide progettuali ruotavano attorno a due cose: che il paesaggio si arrampicasse e precipitasse sull’edificio e realizzasse la visione del progetto; e che tecnicamente potesse essere raggiunto date le sfide ambientali difficili e varie, compresa l’esposizione al sole e al vento, i requisiti di acqua e nutrienti, il supporto e stabilità delle piante e manutenzione.

Queste sfide sono state affrontate da una serie di misure innovative, comprese nuove tecnologie, sviluppo tecnico e test. Il test del prodotto e la ricerca e lo sviluppo hanno giocato un ruolo importante nella progettazione. I sistemi di fioriere, la progettazione delle pareti viventi, il suolo, l’irrigazione, il drenaggio, lo strato di pacciamatura e l’accesso per la manutenzione erano tutti requisiti specifici del progetto e dovevano essere sperimentati.

Enfasi sulla sostenibilità

L’adattamento climatico e l’inverdimento urbano sono una questione fondamentale che sfida i progettisti della forma costruita. Un Central Park può ispirare i futuri progetti urbani a utilizzare l’inverdimento urbano anche per creare città più sostenibili dal punto di vista ambientale e sociale.

La progettazione del paesaggio di One Central Park doveva essere sostenibile dal punto di vista economico, nella selezione di materiali durevoli e nella piantumazione, nel riutilizzo delle acque reflue per l’irrigazione e nella facilità di manutenzione.

Insieme a una serie di altre iniziative, queste hanno aiutato il progetto Central Park a diventare un punto di riferimento in termini di pianificazione e progettazione di un nuovo distretto urbano. La nostra speranza è che questo progetto guiderà lo sviluppo di “architettura vivente” e infrastrutture urbane verdi che superino ulteriormente i suoi risultati in futuro.

L’area di Central Park nel suo insieme comprende una serie di iniziative di “infrastrutture verdi” tra cui tetti verdi, facciate viventi, riciclaggio di materiali demoliti, riutilizzo adattivo degli edifici, estrazione di fognature, raccolta dell’acqua, trigen e car sharing. Ciò comporterà i seguenti vantaggi ambientali:

Tutti gli edifici hanno un minimo di 5 Green Star

Il 93% dei materiali di demolizione è riciclato

Misurazione intelligente per le residenze

Riduzione dell’80% delle emissioni di gas serra

90% di neutralità del carbonio

L’acqua riciclata fornisce il 100% dell’irrigazione e il 100% del fabbisogno idrico per l’aria condizionata

Soddisfa tutte le esigenze di acqua non potabile e riduce il carico sulla rete fognaria pubblica

One Central Park ha ottenuto un punteggio di progettazione di 5 stelle verdi per le torri est e ovest (residenziali) e podio (vendita al dettaglio). Central Park si sforza di essere lo sviluppo urbano ad uso misto più verde e autosufficiente d’Australia, dove la sostenibilità è uno stile di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.