Olio extra vergine di oliva Colombaia Colombara Culombera PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della LIGURIA

L’olio di Colombaia si presenta alla vista di colore giallo dorato intenso, al naso si apre elegante ed armonico con sentori di frutta fresca ed erbacei marcati. In bocca è complesso ed elegante, fruttato con richiami di erbaceo ed infine retrogusto delicatamente amaro. Inoltre è un olio che potenzialmente può esprimere livelli davvero molto elevati di polifenoli (antiossidanti naturali) se l’intera filiera produttiva è gestita in modo ottimale. Caratteristiche Chimiche ottimali: acidità 0,25 , perossidi 4-8, polifenoli totali 350- 400

Zona di produzione: La Colombaia è una storica varietà autoctona, ormai presente e coltivata solo marginalmente in provincia di Savona fatto salvo alcune zone del finalese dove viene ancora coltivata e valorizzata.

Lavorazione: La pianta e i frutti della Colombaia sono molto delicati. Per questo, prima ancora del frantoio, è fondamentale aver gestito correttamente e con cura la coltivazione dell’oliveto, la raccolta manuale delle olive al punto giusto di maturazione, il trasporto delle olive e la lavorazione entro la giornata. All’interno del frantoio viene seguito con cura il tempo di gramola e limitato o meglio escluso l’utilizzo di acqua. Il pregiato olio così ottenuto filtrato o meglio decantato in modo naturale prima di essere imbottigliato viene conservato in contenitori inox in assenza di aria. Pregevolissimo e ricercato è anche l’olio di Colombaia ottenuto dalla sola polpa delle olive.

Curiosità: La coltivazione dell’olivo nel territorio del Finalese ed in particolare a Varigotti fu introdotta secondo lo storico Mabillon (Annales bénédictines, VI, n. 145) nel 1125 e la Colombaia pare fosse la varietà autoctona . La stessa varietà presente in alcuni oliveti storici giunti a noi quasi intatti ed ancora oggi coltivati lungo le terrazze delle pendici degradanti dall’altipiano delle Manie, appena sopra il paesino di Varigotti.

La Colombaia è una pianta molto delicata: teme il freddo e anche la siccità, è difficile da potare ed è soggetta ad una marcata alternanza di produzione. Inoltre ha una resa in olio bassa rispetto alle altre cultivar ragioni per cui pur producendo un olio eccellente e ricchissimo di antiossidanti naturali è stata per la maggior parte abbandonata dagli olivicoltori. Abbandono che continua tuttora ed infatti purtroppo la Colombaia è presente ancora e solo marginalmente in provincia di Savona fatto salvo alcune zone del finalese dove in contro tendenza viene ancora coltivata e valorizzata. La pianta e le olive di colombaia sono molto delicate e solo se curate in modo ottimale producono un olio superlativo sia dal punto di vista organolettico che chimico con valori di polifenoli totali spesso superiori a 350, la produttività e la resa rimane invece abbastanza bassa per esempio rispetto alla taggiasca.

Torrone di Dolcedo e della Fontanabuona PAT

Ebbene sì: anche in Liguria, dove non mancano le produzioni di miele e di nocciole, il torrone veniva confezionato, insieme al pandolce, per le festività natalizie. Dal colore che va dal bianco panna al bianco avorio, ha una consistenza morbida. Là dove si coltivava il nocciolo, la tradizione imponeva che sulla tavola natalizia fosse presente u…

Continua a leggere

TORCETTI PAT

Esiste un dolce fritto, leggermente alcolico, di antica tradizione che per la sua forma a treccina si chiama turcèt. È prodotto in Val Bormida, specialmente nel comune di Mallare, verdeggiante e tranquillo paese dell’entroterra di Savona, di origine preromana.

Continua a leggere

Tonnidi del Golfo Paradiso PAT

La tonnara di Camogli è, più precisamente, una tonnarella poiché non pesca solo tonni, oggi diventati molto rari, ma tutte le specie di pesci che incappano nella rete: palamiti e boniti innanzitutto e poi sardine, sgombri, sarpe, bisi, occhiate e a partire da giugno, leccie, o ricciole, anche di grosse dimensioni. Inferiore per dimensioni alle tonnare siciliane…

Continua a leggere

Tomaxelle PAT

Piatto a base di carne di vitello, cotto in umido nel caratteristico tocco alla genovese: la tomaxella è un involtino di carne ripieno e arrotolato di antica tradizione.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.