Olio extra vergine di oliva Arnasca PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della LIGURIA

Dalla prima spremitura delle olive monovarietali locali deriva l’olio extravergine di oliva di Arnasco con caratteristiche organolettiche particolari rispetto ad olii ottenuti da olive, sempre coltivate nelle zone limitrofe, ma di diversa varietà. Presenta un retrogusto che ricorda il pinolo (da qui infatti il sinonimo della cultivar, Pignola), la presenza di un leggero amarognolo, supportata da un’intensità di fruttato, di intensità maggiore rispetto ad altre qualità presenti nella zona da cui deriva. Il leggero amarognolo e il fruttato più intenso consentono agli oli ottenuti dalla varietà Arnasca una vita più lunga.

L’Olivo Arnasca o Pignola (Pignoa) presenta alberi di dimensioni inferiori alla Taggiasca. Il frutto è piuttosto piccolo, tondeggiante, di colore nero. La maturazione è tendenzialmente tardiva e la polpa del frutto risulta consistente. Questa cultivar viene apprezzata dagli olivicoltori per la resistenza al freddo, la costante produttività e la buona qualità dell’olio.

Zona di produzione: Arnasco – valle Arroscia

Lavorazione: Le olive vengono lavorate in frantoi la maggior parte dei quali presenta un tipo di lavorazione continuo. Dopo la fase di cernita e lavaggio, le olive passano, seguendo un ciclo continuo, in una prima fase di molitura (schiacciamento sotto mola) e gramolatura, dove si amalgama la pasta derivante da frantumazione del frutto. Infine il separatore conclude l’opera, dividendo definitivamente il pregiato olio dall’acqua di vegetazione.

Curiosità: La coltivazione della varietà di oliva Pignola è documentata già dal XVII secolo. Tipica di Arnasco, paese dell’entroterra ingauno, è nota con il nome di Arnasca ed è caratterizzata dal tipico gusto di pinolo. L’importanza di questo prodotto per il territorio appare chiara osservando lo stemma del paese che riproduce un ramo di olivo. La coltivazione dell’olivo è fondamentale nella valle, dove sono presenti numerosi frantoi, i gumbi, anche secolari. Sempre ad Arnasco esiste, all’interno dell’omonima coperativa di olivicoltori, un’interessante Museo dell’Olivo e della Civiltà Contadina.

Torrone di Dolcedo e della Fontanabuona PAT

Ebbene sì: anche in Liguria, dove non mancano le produzioni di miele e di nocciole, il torrone veniva confezionato, insieme al pandolce, per le festività natalizie. Dal colore che va dal bianco panna al bianco avorio, ha una consistenza morbida. Là dove si coltivava il nocciolo, la tradizione imponeva che sulla tavola natalizia fosse presente u…

Continua a leggere

TORCETTI PAT

Esiste un dolce fritto, leggermente alcolico, di antica tradizione che per la sua forma a treccina si chiama turcèt. È prodotto in Val Bormida, specialmente nel comune di Mallare, verdeggiante e tranquillo paese dell’entroterra di Savona, di origine preromana.

Continua a leggere

Tonnidi del Golfo Paradiso PAT

La tonnara di Camogli è, più precisamente, una tonnarella poiché non pesca solo tonni, oggi diventati molto rari, ma tutte le specie di pesci che incappano nella rete: palamiti e boniti innanzitutto e poi sardine, sgombri, sarpe, bisi, occhiate e a partire da giugno, leccie, o ricciole, anche di grosse dimensioni. Inferiore per dimensioni alle tonnare siciliane…

Continua a leggere

Tomaxelle PAT

Piatto a base di carne di vitello, cotto in umido nel caratteristico tocco alla genovese: la tomaxella è un involtino di carne ripieno e arrotolato di antica tradizione.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.