Vini del Molise
OSCO / TERRE DEGLI OSCI IGP

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE VINO OSCO / TERRE DEGLI OSCI IGP

Osco / Terre degli Osci IGP

L’Indicazione Geografica Protetta “Osco” o “Terre degli Osci” comprende vini bianchi (anche nelle tipologie frizzante e passito), rossi (anche nelle tipologie frizzante e novello), rosati (anche nella tipologia frizzante).

Uvaggio

L’IGP “Osco” o “Terre degli Osci” è riservata ai vini prodotti da vitigni idonei alla coltivazione in Molise. In caso di specificazione del vitigno, il vino deve essere prodotto utilizzando almeno per l’85% il vitigno corrispondente, mentre il rimanente 15% deve provenire da vitigno idoneo alla coltivazione in Molise.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10% vol.), anche frizzante, è di color giallo paglierino, con odore fruttato, fresco e sapore secco, armonico. La versione passito (13% vol.) si differenzia per il colore tendente all’ambrato con l’invecchiamento. Il rosso (10,50% vol.), anche frizzante (10% vol.) e novello (11% vol.), ha color rubino con riflessi violacei, emana un profumo caratteristico con gusto secco, non tannico, morbido. Il rosato (10% vol.), anche frizzante, presenta color rosa più o meno intenso, abbinato a odore fruttato, floreale e sapore secco, tipico, fresco. In caso di specificazione del vitigno, il titolo alcolometrico minimo è pari a 10% vol. per bianco, bianco frizzante, rosso frizzante, mentre è pari a 10,50% vol. per rosso, rosato, rosato frizzante, ed è infine dell’11% vol. per il novello.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è caratterizzata da rilievi montuosi e collinari, dalle cime strette e allungate, intervallati da valli profonde.

Specificità e note storiche

Il Paetrutianum, vino risalente all’epoca dell’antica Grecia, è considerato il genitore della tradizione vinicola molisana. Anche Plinio, nei suoi scritti, elogia le qualità dei vini nella zona di Isernia.

Vini del Molise
ROTAE IGP

Per i vini ad indicazione geografica protetta “Rotae” il titolo alcolometrico volumico totale minimo è pari a 10% vol. per il bianco ed il frizzante, 10% vol. per il rosso e il rosato, 11% per il novello. Per il passito, invece, la gradazione è del 14%.

Leggi di +

Vini del Molise
TINTILIA DEL MOLISE DOP

Il Tintilia del Molise rosso (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol) è un vino dall’intensa colorazione rubino, venata da riflessi violacei; ha un odore caratteristico, che si rivela vinoso, intenso e gradevole; il sapore è secco, armonico e morbido. La variante Riserva (13% vol) si differenzia per l’aspetto granato e i riflessi aranciati; ha…

Leggi di +

Vini del Molise
PENTRO / PENTRO DI ISERNIA DOP

L’uvaggio utilizzato per la vinificazione del Pentro di Isernia bianco deve provenire da vigneti composti dai vitigni Falanghina (80%) e Trebbiano toscano (dal 15% al 20%), a cui possono unirsene altri, a bacca bianca, idonei alla coltivazione in Molise (massimo 5%). Per il rosso, invece, sono necessarie una quota tra il 75% e l’80% di…

Leggi di +

Vini del Molise
OSCO / TERRE DEGLI OSCI IGP

Il bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10% vol.), anche frizzante, è di color giallo paglierino, con odore fruttato, fresco e sapore secco, armonico. La versione passito (13% vol.) si differenzia per il colore tendente all’ambrato con l’invecchiamento. Il rosso (10,50% vol.), anche frizzante (10% vol.) e novello (11% vol.), ha color rubino con riflessi…

Leggi di +

Vini del Molise
MOLISE / DEL MOLISE DOP

In linea generale, tutti i vini della denominazione Molise presentano una buona alcolicità e un’alta concentrazione fenolica, abbinate ad una bassa acidità. Sono estremamente freschi e il loro odore è impreziosito da note gradevoli, che lasciano traccia sia nell’olfatto che nel retrolfatto. Le altre caratteristiche organolettiche appaiono piuttosto variegate, con sensibili differenze tra le diverse…

Leggi di +

Vini del Molise
BIFERNO DOP

Il rosso base (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol.) ha un colore rubino più o meno intenso, con riflessi granati se invecchiato, l’odore è gradevole, caratteristico, con profumo etereo da invecchiato, il sapore è asciutto, armonico e vellutato. Il rosato invece (11,5% vol.) ha un colore rosa più o meno intenso, l’odore è fruttato…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.