Miele friulano di alianto PAT Friuli Venezia Giulia

Il Miele di Ailanto, prodotto nelle colline del Friuli Venezia Giulia, è un miele unico ottenuto dal nettare dei fiori dell’ailanto (Ailanthus altissima), una pianta originaria dell’Asia. Questo miele si distingue per le sue particolari caratteristiche organolettiche e per il suo sapore esotico

Caratteristiche:

  • Colore: Giallo chiaro con riflessi dorati
  • Aroma: Intenso e floreale, con note di frutta matura e un leggero sentore speziato
  • Sapore: Dolce e delicato, con un retrogusto leggermente amaro e persistente

La produzione del miele di ailanto segue metodi tradizionali che rispettano la natura e garantiscono la massima qualità del prodotto finale. Le api raccolgono il nettare dai fiori di ailanto, un albero che fiorisce durante l’estate, permettendo la produzione di miele nei mesi caldi.

  • Raccolta del Nettare: Le api bottinatrici raccolgono il nettare dai fiori di ailanto.
  • Trasformazione in Miele: Il nettare viene trasformato in miele all’interno dell’alveare.
  • Estrazione: Il miele viene estratto dai favi mediante centrifugazione.
  • Filtrazione e Invasettamento: Il miele viene filtrato per eliminare impurità e successivamente invasettato.

Territorio di produzione: Colline e aree rurali dove l’ailanto è presente in abbondanza

Cjalzòns PAT Friuli Venezia Giulia

Nel volume “Vecchia e nuova cucina di Carnia”, Gianni Cosetti, cuoco di fama internazionale e punto di riferimento per qualunque ricerca sulla cucina carnica, racconta di un concorso da lui indetto tra le casalinghe nel 1973: 40 concorrenti, 40 ricette diverse. Si tratta di una “personalizzazione” della ricetta, attribuita in parte all’individualismo dei carnici, in…

Continua a leggere

Pedocio de Trieste, Cozza di Trieste PAT Friuli Venezia Giulia

Le prime notizie di allevamenti di mitili nel Golfo di Trieste sono risalenti al 1732 quale sottoprodotto delle più importanti e remunerative colture di ostriche. Più che un allevamento vero e proprio, si trattava di un attecchimento spontaneo dei molluschi su pali e rami infilzati sul fondo marino delle valli di Servola e Zaule. Certamente…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *