Miacetto PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

miacet

Dolce a base di noci sgusciate, uva sultanina, mandorle sgusciate e tostate, pinoli, miele, zucchero, rumgiulen piuttosto farinoso (cruschello), scorza limone, scorze arancio, olio extravergine d’oliva, acqua e un pizzico di cannella e sale. Sciogliere il miele nell’olio, unire l’acqua tiepida e lo zucchero, sale, cannella, l’uva (ammollata e ben scolata), le noci tritate grossolanamente, mandorle, pinoli, scorze tritata di arance e limoni. Aggiungere il rumgiulen poco alla volta fino ad ottenere una consistenza tale per cui un cucchiaio di legno rimane “in piedi”. Ungere gli stampi (padelle larghe e basse) con abbondante olio d’oliva, versare il composto in modo che si spanda bene sul fondo e cuocere in forno caldissimo, preferibilmente dal fornaio.

Tradizionalità

Il miacetto è il tipico dolce della vigilia di Natale che si prepara solo a Cattolica, confezionato rigorosamente con ingredienti che non “rompono” l’astinenza richiesta dalla Chiesa nei tempi quaresimali, con tutta probabilità è da collegarsi al migliacito termine del gergo culinario veneziano usato ad indicare dolci realizzati con l’aggiunta di farine “leganti” (rumgiolèn, crusca, miglio brillato farina di castagna, ecc.) e descritto nella sua esecuzione già in un anonimo trattato di cucina del secolo XV.

Curiosità

Si fa solo a Cattolica, “Dal port a li culonie” (dal porto alle colonie). Maria Lucia De Nicolò, storico, scrive: “Il miacetto, la cui etimologia è stata spiegata da alcuni come torta formata da mille acini, da altri come derivazione di mnàcia, mosto, è il dolce della Vigilia di Natale”.

Referenze bibliografiche

  • Paolo Zacchia, “Il vitto quaresimale”, 1637.

Territorio di produzione

Comune di Cattolica, provincia di Rimini. 

Latte alla Portoghese PAT Emilia Romagna

Dolce a base di latte, uova, zucchero, vaniglia (o coriandolo), caffè. Fare bollire il latte per 20 minuti assieme agli aromi, aggiungere le uova sbattute e lo zucchero, poi filtrare. Caramellare uno stampo da budino con quattro cucchiai di zucchero, versarvi il composto e cuocere a bagnomaria per 60 minuti a forno caldo, a…

Continua a leggere

Gialletti PAT Emilia Romagna

Farina di mais e farina bianca, uova, burro, zucchero, un pizzico di vaniglia, una presa di sale e la scorza grattugiata di ½ limone. Mescolare sulla spianatoia, unire uvetta (ammorbidita in acqua), burro fuso (oppure strutto), zucchero semolato, poco sale, una bustina di vanillina, pinoli e scorza grattugiata di limone. Impastati i vari ingredienti preparare…

Continua a leggere

Loto di Romagna PAT Emilia Romagna

Il loto ha segnalato la propria presenza nei giardini di ville ed orti botanici di tutta Italia, conosciuto con lo pseudonimo di “cibo degli dei”, fino dalla fine del secolo scorso. Nel periodo fra le due guerre mondiali, il kaki ha trovato il suo primo utilizzo come coltura in frutteti commerciali dapprima in Campania, avendo…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *