Le emissioni dei principali inquinanti atmosferici

Continuano a diminuire in tutta l’UE e la riduzione dell’ammoniaca rappresenta la sfida più grande.

Le emissioni dei principali inquinanti atmosferici monitorate ai sensi della normativa UE hanno continuato a diminuire nella maggior parte degli Stati membri dell’UE, mantenendo una tendenza dal 2005. Tuttavia, l’area più problematica rimane la riduzione delle emissioni di ammoniaca, emesse principalmente dal settore agricolo. Viene pubblicata oggi l’ultima analisi annuale dell’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) sui dati sull’inquinamento atmosferico forniti dagli Stati membri dell’UE.

Nel 2021, 13 Stati membri hanno rispettato i rispettivi impegni nazionali di riduzione delle emissioni per il periodo 2020-2029 ai sensi della direttiva sugli impegni nazionali di riduzione delle emissioni (NECD) dell’UE per ciascuno dei cinque principali inquinanti (ossidi di azoto, composti organici volatili non metanici, ammoniaca, biossido di zolfo e particolato fine) secondo la valutazione dell’EEA . Tredici Stati membri non lo hanno fatto per almeno uno dei cinque principali inquinanti atmosferici (e uno Stato membro non ha riferito quest’anno). La tendenza generale al ribasso dal 2005 arriva nonostante la crescita economica nello stesso periodo.

Il briefing dell’AEA si basa sugli ultimi dati disponibili comunicati dagli Stati membri nel 2023 per le loro emissioni del 2021. Descrive i progressi compiuti verso la riduzione delle emissioni dei cinque principali inquinanti atmosferici disciplinati dalla direttiva. Presenta una valutazione della performance degli Stati membri rispetto agli impegni di riduzione delle emissioni per il periodo 2020-2029, nonché i loro progressi verso il raggiungimento degli impegni di riduzione più ambiziosi che si applicheranno dal 2030 in poi.

Inquinamento atmosferico in Europa: stato di reporting al 2023 ai sensi della Direttiva nazionale sugli impegni di riduzione delle emissioni

Raggiungere ulteriori riduzioni per il 2030 e oltre sarà una sfida significativa per quasi tutti i paesi dell’UE per quasi tutti gli inquinanti, poiché il tasso di riduzione di alcune emissioni inquinanti si sta ora stabilizzando, secondo il briefing. Un’eccezione è il biossido di zolfo, per il quale molti paesi stanno già rispettando l’impegno di riduzione del 2030. Le emissioni di anidride solforosa contribuiscono all’acidificazione e sono responsabili di danni agli ecosistemi e agli edifici, oltre ad altri effetti dannosi.

La riduzione delle emissioni di ammoniaca rimane la sfida più grande. Le emissioni di ammoniaca sono motivo di preoccupazione poiché contribuiscono all’eccessiva presenza di azoto negli ecosistemi acquatici, portando al noto fenomeno dell’eutrofizzazione, oltre ad altri impatti negativi sull’ambiente. L’ammoniaca è anche un precursore delle polveri sottili, molto dannose per la salute. Dieci Stati membri dovranno ridurre le proprie emissioni di ammoniaca rispetto ai livelli del 2021 per rispettare gli impegni di riduzione 2020-2029. Il settore agricolo è la fonte principale, responsabile del 93% delle emissioni totali di ammoniaca nell’UE. Dal 2005, le emissioni di ammoniaca sono diminuite solo leggermente in molti Stati membri e in alcuni casi sono addirittura aumentate.

Queste informazioni si basano esclusivamente sui dati forniti dagli Stati membri e non costituiscono un controllo di conformità da parte della Commissione Europea. I numeri qui presentati potrebbero essere soggetti a modifiche in relazione al risultato della revisione dell’inventario della direttiva NEC.

Segnalazione ai sensi della Convenzione aerea dell’UNECE

Il rapporto annuale separato sull’inventario delle emissioni dell’UE 1990-2021, anch’esso pubblicato oggi dall’EEA, ha mostrato una continua tendenza al ribasso delle emissioni per la maggior parte dei principali inquinanti atmosferici, tuttavia le emissioni sono diminuite più lentamente dal 2007 al 2021. Il rapporto esamina le emissioni di inquinanti atmosferici segnalate da dell’UE ai sensi della Convenzione UNECE sull’inquinamento atmosferico transfrontaliero a lunga distanza (la Convenzione aerea) e comprende un’ampia gamma di sostanze. Questi includono i cinque principali inquinanti atmosferici (NO X , COVNM, SO 2 , NH 3 e PM 2,5 ), ma anche altri come i metalli pesanti, il nerofumo o gli inquinanti organici persistenti.

Rapporto sull’inventario delle emissioni dell’Unione europea 1990-2021

Ai sensi della direttiva 2016/2284 sugli impegni nazionali di riduzione delle emissioni (NEC), gli Stati membri dell’UE sono tenuti a rispettare gli impegni nazionali per ridurre le emissioni di questi cinque inquinanti atmosferici per fornire aria pulita per la salute umana e l’ambiente. L’analisi dell’EEA si basa sugli ultimi dati dell’inventario delle emissioni di inquinanti atmosferici, come riportato dagli Stati membri nel febbraio 2023 sia ai sensi della direttiva che della convenzione sull’aria dell’UNECE.

Fonte @European Environment Agency

04 Acqua in città trattamento delle acque reflue urbane

Quando lascia le nostre abitazioni, l’acqua è contaminata da rifiuti e sostanze chimiche, inclusi i fosfati usati nei prodotti per la pulizia. Le acque reflue vengono prima raccolte in un apposito sistema e quindi trattate in una struttura designata per rimuovere componenti dannosi per l’ambiente e la salute umana.

Leggi di +

Utilizzo delle risorse idriche in Italia

Il consumo d’acqua pro-capite vede l’Italia al primo posto in Europa ed al terzo mondo su scala globale dopo Stati Uniti e Canada, tuttavia con valori estremamente variabili sul territorio nazionale che spaziano da 150 a 400 litri al giorno. Ma il dato preoccupante riguarda le perdite delle reti di distribuzione, che purtroppo fa rilevare…

Leggi di +

Scarsità d’Acqua e siccità nell’Unione Europea

Informazioni su scarsità d’acqua e siccità La scarsità d’acqua e la siccità sono fenomeni diversi sebbene possano aggravare gli impatti reciproci. In alcune regioni, la gravità e la frequenza della siccità possono portare a situazioni di scarsità d’acqua, mentre l’eccessivo sfruttamento delle risorse idriche disponibili può esacerbare le conseguenze della siccità. Pertanto, occorre prestare attenzione…

Leggi di +

Frick Environmental Center

L’edificio e il suo sito di quattro acri fungono da porta d’accesso al Frick Park boscoso di 644 acri di Pittsburgh e incarnano l’ideale vicinanza alla natura che è servito da ispirazione per la formazione del parco più di 90 anni fa. Il centro esemplifica i principi di equità, apprendimento esperienziale e impegno pubblico ed…

Leggi di +

SINGAPORE: EFFICIENZA E CIRCOLARITÀ DELLE RISORSE

Per creare una città pulita, efficiente e vivibile e ridurre la dipendenza dalle importazioni di risorse naturali per le costruzioni, Singapore ha introdotto una serie di innovazioni dal 2005 per integrare la sostenibilità ambientale nella costruzione delle sue infrastrutture. Il “green buildings “(compresi uffici, edifici universitari, edifici di trasporto pubblico e altre strutture) hanno adottato…

Leggi di +

04 Cambiamenti climatici e acqua – Aumento di inondazioni, siccità e altri fenomeni meteorologici estremi

Molta attenzione è stata data a quello che sembra essere un aumento dei fenomeni meteorologici estremi in tutta Europa. Dal “vortice circumpolare” o “bestia dall’Est” dell’inverno 2017-2018, che ha portato venti artici insolitamente freddi in molte parti d’Europa, fino all’estate del 2017 con l’ondata di caldo “Lucifero”, gli europei possono aspettarsi altre insolite temperature estreme…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *