Lazio
NOCCIOLA ROMANA DOP

SCARICA IN FORMATO PDF DISCIPLINARE NOCCIOLA ROMANA DOP

Nocciola romana DOP

La DOP Nocciola Romana riguarda i frutti della specie “Corylus avellana”, cultivar “Tonda Gentile Romana”, “Nocchione” e loro eventuali selezioni che sono presenti almeno per il 90%. Sono ammesse le cultivar “Tonda di Giffoni” e “Barrettona” nella misura massima del 10%. Croccante, compatta, e con un intenso aroma, la Nocciola Romana è uno dei prodotti più coltivati nella zona del viterbese e della provincia romana.

Metodo di coltivazione

La nocciola è coltivata nelle tre seguenti modalità: “cespuglio”, “vaso cespugliato” e “monocaule”. Il disciplinare prevede che nei nuovi impianti possono essere presenti 650 piante per ettaro e nei vecchi 150. Ogni anno, le piante sono potate e il terreno è concimato senza forzature. La raccolta inizia il 15 agosto fino al 15 novembre e i frutti sono raccolti da terra ed essiccati fino a raggiungere il 6% di umidità.

Legame tra il prodotto e il territorio

La Nocciola Romana è un prodotto di altissima qualità coltivato nella splendida cornice dei monti Cimini e Sabatini. I monti sono nati da antiche colate laviche e sono ricchi di sostanze essenziali, quali il potassio e altri microelementi favorevoli alla crescita della pianta e alla formazione di sostanze aromatiche nel frutto. Il clima della zona, con temperature medie miti, consente al nocciolo di evitare gelate che potrebbero compromettere la qualità del frutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.