Lazio
CARCIOFO ROMANESCO DEL LAZIO IGP

SCARICA IN FORMATO PDF DISCIPLINARE CARCIOFO ROMANESCO DEL LAZIO IGP

Carciofo Romanesco del Lazio IGP

Il Carciofo Romanesco del Lazio IGP si divide in due cultivar principali: il “Castellamare” e il “Campagnano”. A differenza di altre tipologie di carciofi, quello Romanesco si contraddistingue per la consistenza carnosa delle sue brattee.

Metodo di coltivazione

Per coltivare il Carciofo, il terreno è adeguatamente preparato con un’aratura di 50-60 cm e l’impianto delle piante avviene da agosto ad ottobre. L’irrigazione può iniziare da agosto e gli interventi di soccorso sono permessi in inverno solo se la stagione è stata particolarmente asciutta. Per garantire un buon raccolto, le piante affette da elementi patogeni sono estirpate dal campo e bruciate. Infine, la raccolta del carciofo, secondo quanto stabilito dall’articolo 5 del disciplinare, è effettuata a mano a partire da gennaio fino al mese di maggio.

Legame tra il prodotto e il territorio

Il Carciofo Romanesco è uno dei simboli della cucina tradizionale romana, ma è conosciuto e amato in tutto il mondo. La zona di produzione del «carciofo romanesco del Lazio» Ł caratterizzata da una situazione climatica omogenea molto favorevole per la coltivazione del carciofo. I fattori naturali, climatici e pedologici sono determinanti nell’attribuire al «carciofo romanesco del Lazio» le sue particolari caratteristiche, alla formazione delle quali contribuiscono anche fattori umani e tecniche tradizionali quali ad esempio la reintegrazione della sostanza organica nel terreno, lasciando i residui colturali previo sminuzzamento e interramento, e quali l’allevamento di un solo carduccio per pianta mediante l’eliminazione degli altri al fine di favorire la crescita del carduccio prescelto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.