Latte di Mandorle PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Il latte di mandorla è molto amato in Puglia e grazie alle “mandorle” di ottima qualità presenti sul territorio è possibile produrre la bevanda con delle meravigliose qualità e un gusto eccezionale. Il latte di mandorla si ricava dalla triturazione e spremitura delle mandorle lasciate in acqua ad ammorbidire.

Tradizioni

Poco dopo la sua nascita era abitudine consumare il latte di mandorle a colazione, al posto del latte, nelle famiglie nobili e ricche. Le condizioni non igieniche delle fattorie rendevano il latte di mucca poco amato dai membri dei ceti alti, che volutamente lo lasciavano ai poveri e ai contadini. Oggi in Puglia il latte di mandorla è un prodotto che non manca mai nelle calde giornate estive e nel periodo di Natale.

Curiosità

Il caffè leccese è un tipo di caffè che si ordina al bar. Insieme al classico espresso caldo viene servito il latte di Mandorle in un bicchiere pieno di ghiaccio. Una volta versato il caffè caldo nel bicchiere si mescola tutto e si gusta!

Cotogno e Cotognata PAT

I frutti di colore giallo sono di dimensioni variabili, asimmetrici, maliformi. La buccia del frutto è fittamente ricoperta di peluria che scompare a maturazione . La polpa è facilmente ossidabile, poco dolce e astringente. Non è possibile il consumo allo stato fresco dei frutti: hanno polpa dura anche a maturità. Il frutto è usato per la preparazione di confetture,…

Leggi di +

Cacio PAT

E’ un formaggio prodotto da latte di pecora (o 30% di capra) con bestiame alimentato a pascolo nella zona del Gargano (FG), nel periodi di Dopo Natale, metà febbraio, Dopo Pasqua, maggio. La forma del Cacio è cilindrica con crosta gialla che si inscurisce con la stagionatura, la pasta è giallognola, le facce piane presentano…

Leggi di +

Cece di Nardò PAT

Il Cece di Nardò, oltre alle riconosciute caratteristiche organolettiche è caratterizzato da una spiccata cocibilità. Ha la caratteristica di generare sempre una piccola percentuale di semi bruni e neri (melanici) che in passato venivano eliminati, in quanto leggermente più restii alla cottura, e denominati con il termine “giudei” considerato all’epoca gravemente dispregiativo. Tale difetto (se…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.