La visita di Silvestro Lega Macchiaioli

UNA VISITA AL MUSEO: MUSEO NAZIONALE d’arte Moderna e Contemporanea ROMA

Silvestro Lega (Modigliana, 8 dicembre 1826 – Firenze, 21 settembre 1895) è stato un pittore italiano. È considerato, insieme a Giovanni Fattori e a Telemaco Signorini, fra i maggiori esponenti del movimento dei macchiaioli.

La Visita di Silvestro Lega olio su tela 31 x 60 cm

L’atmosfera invernale della Visita, del 1868, è resa magistralmente dall’aria tersa e dagli alberi spogli. Davanti a una casa di campagna, due giovani sorelle (vestite allo stesso modo, secondo l’uso dell’epoca) salutano affettuosamente la padrona di casa, appena uscita per accoglierle. A destra, le raggiunge la madre, lievemente attardata. L’abbraccio fra le due donne conferisce un senso di intimità alla scena.

Proveremo insieme a “sentire” e a “vivere” uno dei quadri più belli del purismo italiano ed uno dei più importanti della scuola dei Macchiaioli

La scena è intima e tradizionale allo stesso tempo con due donne (presumibilmente due sorelle in quanto indossano lo stesso abito secondo la moda dell’epoca) che vanno a fare visita ad una terza donna, presumibilmente la padrona di casa, abbracciandola e salutandola affettuosamente. A poca distanza si intravede una quarta donna, presumibilmente la madre delle due sorelle, intenta a raggiungere il piccolo gruppo. Il paesaggio circostante è tipicamente invernale con alberi spogli e con diverse tonalità di grigi che alludono ad un cielo coperto e nuvoloso

FONTE @wikipedia

Itinerari culturali / La città che sale di Boccioni

La città che sale è un dipinto che si ispira alla costruzione di una centrale elettrica nella periferia di Milano Il progresso industriale, tanto amato dai pittori futuristi è qui rappresentato dalla costruzione della centrale elettrica. Umberto Boccioni con La città che sale celebra la crescita industriale della periferia milanese. I tram che passano velocemente, le case in…

Continua a leggere

Venezia. Patrimonio dell’Umanità UNESCO

Fondata dai Veneti nel 500 per fuggire alle invasioni barbariche, intorno all’anno 1000 era già diventata una delle città più potenti d’Europa. Dai primitivi insediamenti di Torcello, Iesolo e Malamocco, la città si è successivamente sviluppata su 118 isole della sua laguna, per divenire un’importante centro politico, culturale e commerciale. A testimonianza del potere della…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.