La plastica in Europa

La plastica ha oltre cent’anni, ma non li dimostra. Perché una delle sue caratteristiche peculiari è proprio quella di essere indistruttibile. La produzione di plastica, tuttora quasi interamente (per il 90%) dipendente da materie fossili, impiega il 4-6% di tutto il petrolio e il gas usati in Europa.

A questi vengono aggiunti poi additivi, come coloranti, ritardanti di fiamma, antiossidanti o antistatici, che ne esaltano o ne attenuano le proprietà. Oggi 7 materie plastiche coprono l’85% della domanda totale a livello globale. 3 tipi di plastica coprono il 50% della domanda in Europa.

L’Europa è il secondo maggiore produttore mondiale di plastica dopo la Cina.

Nel 2016 ha prodotto 60 milioni di tonnellate di plastica, che si sono trasformate in 27 milioni di tonnellate di rifiuti. Di queste, solo il 31% è stato avviato al riciclo, mentre il 27% è finito in discarica e il resto è stato avviato al recupero energetico.

Il 40% della plastica europea è destinato agli imballaggi e si trasforma in 16,7 milioni di tonnellate di rifiuti. Nonostante la situazione stia migliorando, il ricorso alla discarica (senza quindi passare per nessun tipo di riciclo) rimane ancora per molti paesi europei la prima o la seconda opzione: è predominante nei paesi balcanici e in alcune aree dell’Est Europa ed è il 50% in Italia, Francia e Spagna.
Ad oggi la domanda di plastica riciclata copre solo il 6% del mercato europeo.

Fonte @WWF.IT

One Spadina Crescent

La ristrutturazione e l’ampliamento di One Spadina Crescent per la Facoltà di Architettura, Paesaggio e Design (DFALD) John H. Daniels dell’Università di Toronto incarna un approccio olistico al design sostenibile. Il progetto si è concentrato sul contesto della città e sui modelli di utilizzo dinamici nel tempo, invece di concentrarsi esclusivamente su quadri di accreditamento…

Leggi di +

FORESTE TEMPERATE

Avvicinandosi all’Europa centrale e occidentale le foreste di conifere si confondono sempre più con alberi caducifogli come il faggio Fagus sylvatica e la quercia Quercus spp., che alla fine diventa la specie dominante. A differenza delle foreste boreali, le foreste temperate hanno per loro natura un sottobosco straordinariamente ricco. Le piante selvatiche crescono in abbondanza…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.