Il parco fluviale di Rouen in Francia

Nel 2011, la città di Rouen ha lanciato un concorso di gestione del progetto per sviluppare le banchine basse sulla riva sinistra della Senna, tra i ponti Pierre Corneille e Guillaume le Conquérant, e per collegare la penisola di Rollet.

Il terreno dei moli bassi era diventato sterile per le esigenze del porto. Poi l’attività si ritirò, lasciando un vasto territorio abbandonato e un terreno in parte inquinato. Nel corso degli anni, questa grande piattaforma si è trasformata in un enorme parcheggio senza altri usi, tranne che per ospitare la grande fiera di Saint-Romain, un mese all’anno.

Tuttavia, essendo lo spazio generoso e la situazione eccezionale, entrambi questi beni hanno permesso di installare un grande parco ripariale e lineare, di tornare a un terreno fertile, favorevole a fitte piantagioni, e di integrare nuovamente la geografia della Senna, in davanti alla cattedrale e alla collina di Sainte-Catherine.

PArco fluviale di Rouen

Il progetto di In Situ consisteva nello sviluppo di un vero e proprio luogo di divertimento per i rouenesi, ricollegandosi alla storia del sito: questo paesaggio sulle rive della Senna che negli anni era diventato industriale e monofunzionale. La riconquista di questo territorio ha permesso ai residenti lungo il fiume di riappropriarsi di un vasto tratto disponibile nel centro della città e di riconquistare la vicinanza al fiume.

Le sfide del progetto

Una delle principali sfide del progetto è stata quella di affrontare i suoli inquinati: è stato implementato un principio di disinquinamento da batteri al fine di riutilizzare il suolo del sito ed evitarne l’evacuazione in discarica. Una consistente dotazione di terriccio ha anche permesso di ricostituire la terra fertile. Gli alberi si avvalgono di lunghi pozzi di piantagione lineari che ne favoriscono lo sviluppo.

Da monte a valle, il progetto propone una passeggiata in tre sequenze che descrive il graduale passaggio da un paesaggio fluviale a un paesaggio industriale:

  • A monte, il prato di Saint-Sever si apre sulla Senna. I livelli dei posti a sedere consentono l’avvicinamento all’acqua. La sfida principale consiste nell’allestire un’apertura verso l’orizzonte: un vasto prato “impressionista” che offre una vista sulla cattedrale, sul centro storico e sulle colline.

Questo prato ripariale è punteggiato da sdraio e salici che forniscono ombra in estate. Il vocabolario riecheggia il passato industriale del porto: la vecchia linea ferroviaria è conservata e trasformata in un percorso secondario, una rete di sentieri di ciottoli di recupero attraversa il sito. Il prato è il luogo di tutti gli usi: ozio, giochi con la palla, picnic, solarium … ma anche eventi culturali o sportivi.

  • A valle, il backstage di Claquedent offre parchi giochi e piazze più intime tra strisce d’erba e piante perenni: campi di bocce, fitness, scivoli, pale, labirinto di pali di legno. Questa sequenza propone uno spazio più ombreggiato e vegetale.
  • La spianata dei Bargemen combina aree erbose, piantagioni e una spianata minerale giocosa. Giochi urbani: i campi di pallavolo, basket e calcio sono disseminati tra i meleti, piantati in cassonetti come contenitori immagazzinati. Le linee a terra disegnano giochi: labirinto, piste ciclabili e pattini … In mezzo al prato, il grande molo prende in prestito un vocabolario industriale e dà accesso alla banchina, offrendo panorami sulla sponda opposta.

La Promenade in banchina accompagna questo percorso, come prolungamento del lavoro svolto a valle dalla bottega di Jacqueline Osty.

Particolarità del Progetto fluviale

La particolarità di questo progetto paesaggistico risiede anche nella strettissima partnership che si è sviluppata nel tempo con il committente, i servizi tecnici e gli utenti.

Pertanto, il programma del progetto si è evoluto positivamente con il progredire degli studi e delle consultazioni: la fiera di Saint Romain è stata spostata in un altro sito sulle rive della Senna, la strada di accesso dei camion al porto è stata spostata e il parcheggio ha lasciato il posto a un vasto pedone le zone. Molteplici nuovi usi si sono sviluppati e queste rinnovate banchine ora ospitano più eventi.

Questo vasto insieme di spazi pubblici ibridi di quasi 6 ettari combina un porto, una spianata, un parco e una passeggiata su scala cittadina. Percorsi semplici ed elastici, l’abbondanza di piante e lo spazio lasciato ad aree libere e aperte consentiranno un’evoluzione nel tempo.

A Rouen, le basse banchine della riva sinistra sono tornate ad essere un luogo vivace e un formidabile spazio di libertà.

Team / FHY (architetti) + Sol Paysage (ingegneri vegetali) + Les éclaireurs (progettisti illuminotecnici) + Artelia (Bet VRD) + BMF (ingegneri economista)

Fonte @arquitectes.catCrediti foto: Karolina Samborska

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.