Il discobolo di Mirone

UNA VISITA AL MUSEO: Museo nazionale romano di palazzo Massimo

Il Discobolo è una scultura realizzata intorno al 455 a.C. (periodo di congiunzione tra preclassico e classico) da Mirone. La statua originale era in bronzo, oggi è nota solo da copie marmoree dell’epoca romana, tra cui la migliore è probabilmente la versione Lancellotti.

L’opera venne probabilmente fusa per la città di Sparta e rappresentava un atleta nell’atto di scagliare il disco. Dell’opera si conoscono diverse versioni. Tra le più importanti, oltre a quella Lancellotti, ne esiste una integra al British Museum detta Townley che si distingue per un trattamento della testa più adrianeo, dai capelli più lunghi; inoltre lo scultore, possedendo una tecnica più avanzata, ridusse il tronco d’appoggio a lato della figura. Nel Museo nazionale romano si conserva un’altra versione frammentaria, detta di Castelporziano.

L’atleta venne raffigurato nel momento in cui il suo corpo, dopo essersi rannicchiato per prendere slancio e radunare le forze, sta per aprirsi e liberare la tensione imprimendo al lancio maggiore energia. Subito dopo girerà su se stesso e scaglierà il disco, accompagnando il gesto con tutto il corpo. Cicerone scrisse: «Le opere di Mirone non sono ancora vicinissime alla verità, nondimeno non si esiterà a dichiararle belle; quelle di Policleto sono ancora più belle e già veramente perfette secondo la mia opinione».

Gli storici d’arte dell’antichità lodarono Mirone per la sua maestria nel ritmo e nella simmetria. L’espressione di serenità, priva di sentimenti e accennante solo una tenue concentrazione, fu criticata da Plinio.

L’arte greca ebbe come principio estetico quello di rappresentare la bellezza ideale. Gli artisti, come Mirone, scolpirono i personaggi, divinità o atleti, sempre con la stessa cura, seguendo un preciso canone. Partirono dall’osservazione del corpo umano, studiando la posizione della muscolatura e dei movimenti. In seguito, crearono un canone, cioè, un insieme di regole, misure e proporzioni, necessarie alla creazione di figure umane. Gli artisti scolpirono le statue scegliendo posizioni e atteggiamenti equilibrati. Questa caratteristica rispecchia i principi di equilibrio e armonia di tutta la cultura greca. Gli atleti furono i soggetti più rappresentati, insieme agli dei, nella scultura e nella ceramica. L’atleta, era infatti il soggetto che incarnava il concetto di kalokagathìa cioè la bellezza del corpo che è imprescindibile da quella dello spirito. Si tratta, quindi, di un concetto che considera la bellezza fisica come derivante dal valore morale ed etico del soggetto.

LO SPAZIO

Per analizzare spazialmente una scultura occorre considerare che condivide il nostro spazio fisico. Di fronte ad una statua percepiamo il modo nel quale le sue parti invadono lo spazio esterno oppure lo racchiudono. Il Discobolo si espande con il suo lato destro verso l’alto alzando il disco. Invece, nella sua parte destra si ripiega caricandosi di tensione e contraendo lo spazio che viene imprigionato nel triangolo formato dall’incontro del polso con il ginocchio.

LA COMPOSIZIONE

La composizione della statua, se vista frontalmente, descrive due grandi archi. L’arco maggiore parte dal disco e, passando attraverso le spalle e le braccia del Discobolo, termina nel piede sinistro sollevato in prossimità della sua caviglia. L’arco minore, contrario, convesso verso sinistra, parte dalla fronte del Discobolo e termina nel ginocchio destro. La figura piegata del Discobolo forma una linea che somiglia ad una grande serpentina a forma di S. Si parte dal volto si scende lungo il tronco si percorre la coscia destra e infine la gamba sinistra. L’arco che si crea con l’apertura delle braccia ricorda un arco teso per scoccare una freccia.

FONTE @wikipedia

CASTEL DEL MONTE

Quando l’imperatore Federico II costruì questo castello vicino a Bari nel XIII secolo, gli conferì un significato simbolico, come testimoniano l’ubicazione, la precisione matematica e astronomica della disposizione e la forma perfettamente regolare. Un pezzo unico di architettura militare medievale, Castel del Monte è una miscela riuscita di elementi dell’antichità classica, dell’Oriente islamico e del…

Continua a leggere

Area archeologica di Carsulae

Le rovine della città romana di Carsulae si trovano a breve distanza da Terni e dalla cittadina di Sangemini, nota per la presenza di sorgenti di acque minerali. La città nacque lungo la via Flaminia ed in funzione di essa, come centro di aggregazione delle popolazioni preromane residenti sulle colline e nelle campagne vicine: il…

Continua a leggere

Architettura Romanica in Italia
Basilica di San Nicola, BARI

La splendida e maestosa basilica romanica di San Nicola a Bari (Italia) non ebbe delle origini religiose come la maggior parte degli edifici ecclesiastici. Ma era un edificio civile, nel quale abitava il catepano bizantino. Questi era un qualcosa di mezzo fra il governatore dell’Italia bizantina ed il comandante militare. Dal 968, nel contesto delle…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.