Sicilia
CAPPERO DI PANTELLERIA IGP

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE CAPPERO DI PANTELLERIA IGP

Il Cappero di Pantelleria IGP deriva dalla lavorazione di capperi della specie botanica “capparis spinosa”, varietà “inermis” cultivar nocellara. Quando è immesso al consumo, il cappero è color verde quasi senape ed emana un forte aroma di sale marino (presente per il 25%), senza presenza di muffa o altri odori estranei.

Metodo di coltivazione

Il disciplinare prevede che le piantine di cappero siano impiantate a circa 2,5 m di distanza lungo la fila e di 2,5 m di distanza tra le file, con una densità di n° 2000 piante per ettaro. Per acquisire l’aroma di sale marino, i capperi sono sottoposti al processo di salatura che avviene nell’isola di Pantelleria. Il procedimento si divide in due fasi: la prima, che prevede l’aggiunta di sale dal 30% al 40% della massa di capperi e il lavaggio per eliminare l’acqua di vegetazione prodotta con la salatura; la seconda, invece, prevede l’aggiunta di sale dal 20% al 25% del peso della massa dopo l’eliminazione dell’acqua di vegetazione.

Etichettatura

Il Cappero di Pantelleria è immesso in commercio con l’etichettatura secondo quanto stabilito dall’articolo 7 del disciplinare che prevede che le diciture “Cappero di Pantelleria” e “Indicazione Geografica Protetta” siano nei medesimi caratteri di stampa, dimensioni, e colorimetria.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE CAPPERO DI PANTELLERIA IGP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.