Gallina robusta maculata PAT Veneto

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del Veneto

Robusta maculata.

I pulcini alla nascita hanno un colore di fondo scuro con picchiettature chiare, il piumino del ventre è chiaro e sul capo è presente una macchia di color marrone scuro. Il gallo ha piumaggio scuro con punti neri irregolari, ha mantellina bianco-argento e timoniere, remiganti di colore nero. La gallina ha un colore di base bianco-argento con grosse macchie scure diffuse irregolarmente su tutto il corpo. La pelle e i tarsi sono di colore giallo, produce uova a guscio colorato. È una razza medio pesante che si adatta benissimo
ad essere utilizzata per la produzione del “capon de corte”.

Sono animali rustici, a lento accrescimento, che si prestano all’allevamento estensivo all’aperto per la produzione di carni di qualità, come il galletto e il cappone, e anche di uova. L’alimentazione deve variare sia per tipologia che per quantità a seconda dell’età degli esemplari. Per la produzione di capponi, gli esemplari scelti vengono castrati all’età di 6-7 settimane. Le galline producono uova di 55-60g con guscio rosato, che si adattano benissimo al consumo fresco. Dall’allevamento del pollo si ottengono ottime produzioni da consumarsi alla brace, arrosto e al “tocio”. Se i polli vengono castrati, si possono ottenere dei capponi che vengono utilizzati per il brodo o per l’arrosto. È importante anche il consumo delle uova di questa gallina.

Tradizionalità

La “Robusta maculata” è stata selezionata nel 1965, presso la Stazione Sperimentale di Pollicoltura di Rovigo, dall’incrocio tra le razze Orpington fulva e White America. Il suo allevamento si è molto sviluppato negli ultimi anni anche grazie al suo aspetto elegante e per le buone doti di rusticità. È stata inserita nell’elenco delle razze avicole a rischio di estinzione e oggetto di specifica sperimentazione. Le tecniche d’allevamento utilizzate sono del tipo estensivo, prevedendo ampi spazi per il pascolo.

Territorio interessato alla produzione: Veneto

Burro al latte crudo di malga PAT del VENETO

Si presenta di un tipico colore giallo paglierino, che diventa più intenso a giugno, condizionato dalla fioritura nell’alpeggio, e a settembre, mese in cui le vacche producono meno ed il latte è più concentrato. Le particolari specie vegetali del pascolo di montagna influiscono, inoltre, sul profumo e sul gusto del “burro al latte crudo di…

Continua a leggere

Faraona di corte padovana PAT Veneto

La faraona domestica discende da quella africana, ancora presente allo stato selvatico nella zona occidentale dell’Africa e della quale mantiene identica morfologia. I primi ad addomesticarla, nonostante le sue origini africane, furono i Greci, mentre in Italia arrivò grazie ai Romani. Tuttavia, con la caduta dell’Impero questa razza non venne più allevata e si ridusse…

Continua a leggere

Luganega nostrana padovana salsiccia PAT Veneto

La luganega (salsiccia) è un prodotto tipicamente contadino, usualmente consumato nel periodo invernale intercorrente tra l’uccisione del maiale e la maturazione dei salami. Nella tradizione padovana i primi riscontri di questi prodotti si ritrovano fra le ricette Ruzzantiane risalenti al 1530 circa.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *