Frittelle di tagliatelle o pattone PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

Minestra di tagliatelle, uova, farina, parmigiano reggiano, sale, pepe, strutto per friggere. Poiché fa parte della “cucina del riuso”, solitamente si utilizzavano gli avanzi della minestra. Versare la minestra in una ciotola, unire la farina, il formaggio, le uova, sale e pepe. Se l’impasto risulta troppo consistente, diluire con un po’ di latte. Mettere sul fuoco una padella con abbondante strutto e quando sarà bollente versarvi il composto a cucchiaiate. Una volta ben fritte scolare le frittelle su carta assorbente e servire ben calde.

Tradizionalità

Queste frittelle, che nel reggiano vengono chiamate “pattone”, si possono preparare anche con avanzi di altre minestre. A volte per i bambini vengono spolverate con zucchero semolato.

Referenze bibliografiche

  • Gosetti della Salda Anna, “Le ricette regionali italiane”, Milano, La cucina Italiana 1967.

Territorio di produzione

Intera provincia di Reggio Emilia.

Stoccafisso alla Badalucchese PAT

Insegna la storia che per secoli, a partire dal 700 dopo Cristo, i Saraceni fecero scorribande lungo le nostre coste e nel nostro entroterra. Narra la leggenda che gli abitanti di Badalucco riuscirono a resistere a un lungo assedio saraceno grazie alle scorte di stoccafisso e riuscirono, questo è storia, addirittura a respingere sul mare…

Continua a leggere

Farinata di Zucca PAT Liguria

La farinata di zucca si cuoce in forno, come la farinata di ceci, in una teglia bassa, o testo; per la sfoglia si usa farina di grano, acqua e olio extra vergine di oliva; per il ripieno si usa della zucca cruda scolata della sua acqua, parmigiano reggiano, maggiorana o origano a piacere. Stesa la…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *