FORMAZIONI ERBOSE ARIDE E STEPPICHE

L’Unione europea comprende tre grandi regioni steppiche, la prima nel nordest della Romania, la seconda nel cuore dell’Ungheria e la terza nella penisola iberica.

Seppur diverse per molti aspetti, tutte tre sono soggette a condizioni climatiche estreme caratterizzate da inverni freddi ed estati secche e calde. Ciò spiega la loro conformazione, aperta e talvolta piuttosto austera. In mancanza di alberi il paesaggio è dominato da ampie zone di erba del genere Stipa spp. e Festuca spp. e da altre piante resistenti alla siccità.

La mancanza di ripari naturali si ripercuote fortemente sul tipo di vita naturale presente.

In Ungheria e Romania, piccoli roditori come il citello comune Spermophilus citellus o il più raro citello pomellato Spermophilus suslicus sono onnipresenti, e si rifugiano in tane comuni scavate nelle profondità del soffice terreno. Questi, a loro volta, attirano predatori come la puzzola delle steppe Mustela eversmannii e il sacro Falco cherrug.

Le steppe ospitano anche un certo numero di uccelli tipici della steppa, dalla grande e imponente otarda Otis tarda e la gallina prataiola Tetrax tetrax al più discreto occhione Burhinus oedicnemus e alla grandule Pterocles alchata, che si confondono nel paesaggio grazie al piumaggio color camoscio.

In primavera i cieli si riempiono di un melodioso suono di migliaia di allodole e zigoli, come la calandra Melanocorypha
calandra.

FONTE @NATURA 2000 – Proteggere la biodiversità in Europa

I 7 segreti nascosti delle Foreste!

Le foreste sono state i nostri silenziosi aiutanti. Hanno segretamente giocato un ruolo più importante nella nostra vita quotidiana di quanto pensiamo. Non possiamo condurre una vita sana e produttiva che altrimenti faremmo senza di loro e non possiamo sperare di avere un mondo #ZeroHunger senza il loro aiuto, l’aiuto dei governi, delle agenzie e…

Leggi di +

Antiche Faggete. Patrimonio dell’Umanità UNESCO

Si estendono dalla Emilia Romagna alla Basilicata le dieci Antiche Faggete italiane riconosciute come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO per il loro eccezionale valore naturalistico e per l’incredibile biodiversità che le contraddistingue. Le Antiche Faggete italiane rientrano nel contesto del sito ambientale transnazionale delle “Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d’Europa”.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *