Fava Carpino PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Moltissimi sono i prodotti tradizionali della Puglia, rappresentativi di un territorio dal clima mediterraneo e dalle coltivazioni sane e genuine.

Fava Carpino PAT

Proprietà nutrizionali

La fava di Carpino è un legume che fin dai tempi antichi viene considerata un alimento base dell’alimentazione mediterranea.

Si tratta di un prodotto dalle ottime proprietà nutrizionali, in quanto contiene:

  • un ridotto valore calorico;
  • un elevato contenuto di proteine;
  • un elevato contenuto di carboidrati;
  • vitamine, sali minerali ed anche vitamine a volontà.

Questo legume trova le sue condizioni ideali proprio nel territorio di Carpino, dal quale ovviamente prende il nome.

Semina e raccolto

La semina di questo legume, avviene nei mesi di Ottobre e Novembre, non necessita di concimazioni.

Il raccolto, invece avviene nei mesi tra Giugno e Luglio!

Quando le piante ingialliscono, nel mese di Giugno, vengono falciati gli steli su cui cresce la fava e vengono uniti in fasci detti “manocchi” e laciati seccare al sole nel campo.

Il mese seguente, ovvero in Luglio, quando i manocchi raggiungono una grado di secchezza elevato, i manocchi vengono ripuliti dalla paglia e sucessivamente si passa alla fase della “pesa”.

Procedimenti

Si prendono delle tradizionali forche di legno e si procede con la separazione delle fave dalla paglia.

Al fine di eliminare anche le più piccole particelle di paglia, si prendono le fave, e con delle pale di legno si sollevano gettandole in aria.

Molto tempo fa, questo prodotto, si otteneva facendo essiccare i bacelli al sole e poi per la sgranatura, venivano impegnati dei cavalli che vi passavano sopra.

Presentazione

La fava di Carpino è caratterizzata da:

  • una dimensione media;
  • passa da un colore verde nel momento della raccolta fino a un colore bianco giallastro durante la seccatura;
  • ha una buccia molto sottile e friabile;
  • una polpa dal sapore aromatico ed intenso, che contiene sali minerali ed antiossidanti.

Utilizzo

La fava di Carpino viene cucinata tradizionalmente in modo piuttosto semplice, a fuoco lento, in pentole di terracotta.

Molte sono però le ricette in cui è possibile utilizzare la fava di Carpino ed i condimenti abbinabili, proprio come avviene per gli altri legumi.

Ingredienti

Gli ingredienti che ci servono per la zuppa di fava di Carpino sono semplicissimi, ovvero:

  • fave di Carpino;
  • cipolle;
  • acqua;
  • sale;
  • origano;
  • olio extravergine di oliva.

Ricetta

Questa è la preparazione della zuppa semplice:

  • mettiamo in ammollo le fave secche per circa 12 ore;
  • una volta trascorso questo tempo, scoliamole e mettiamole in una padella a cuocere con un soffritto di cipolle per circa 5-6 minuti;
  • successivamente, aggiungiamo dell’ acqua e lasciamo cuocere per altre 2 ore a fuoco lento;
  • la zuppa si condisce con un pizzico di sale, di origano e per finire del buon olio extravergine di oliva.

Questi sono gli ingredienti per le orecchiette con la fava di Carpino per 4 persone.

  • 1 kg di fave di Carpino;
  • 350 gr di orecchiette;
  • 250 gr di ricotta fresca Garganica;
  • 1 cucchiaio di pecorino;
  • prezzemolo fresco;
  • mezza cipolla;
  • sale;
  • pepe nero;
  • olio extravergine di oliva.

Preparazione

La preparazione delle orecchiette è semplice:

  • la sera prima, mettete a bagno le fave di Carpino in acqua fredda;
  • scolatele e mettetele da parte coperte da un canovaccio;
  • in una padella fate rosolare la mezza cipolla, aspettate qualche minuto ed aggiungetevi le fave;
  • prendete un bicchiere di acqua calda ed aggiungetelo alla cottura, aspettate finchè le fave non diventeranno tenere;
  • a fine cottura, potete insaporire con del sale.

In una scodellina a parte, potete creare il vostro “condimento”, ovvero:

  • mescolate insieme la ricotta, il pecorino, un pizzico di sale e di pepe nero;
  • continuate a lavorare il composto fino al raggiungimento di una crema liscia;
  • nel frattempo cuocete le orecchiette, colatele e conditele con le fave di Carpino, la ricotta, il prezzemolo ed anche del finocchietto a pezzettini.

Infine potete servire belle bollenti le vostre orecchiette e vedrete che farete un’ottima figura!

Slow Food

La fava di Carpino, considerata un prodotto tradizionale pugliese da tutelare e valorizzare, gode anche del presidio “Slow Food“, che protegge i piccoli produttori e gli agricoltori di particolari territori e tende a mettere in risalto i prodotti sani e genuini.

Africani PAT

Il dolce tipico della città di Galatina veniva (e viene ancora oggi), preparato dalle massaie del luogo sempre in abbinamento ai dolcetti chiamati “marzapani” per il semplice fatto che i primi richiedono solo l’uso dei tuorli e i secondi l’uso degli albumi.

Continua a leggere

Fiorone di Torrecanne PAT

Fiorone di Torrecanne Si tratta di uno dei prodotti vegetali pugliesi di più “antica tradizione”, al quale sono dedicate la sagra di Pezze di Greco (che si tiene a metà Giugno), e una poesia di Andrea Conversano titolata “Allì culumbrair” (i culumbrair sono i coltivatori del fiorone).

Continua a leggere

Ricotta marzotica leccese PAT

Viene prodotta principalmente nel Salento, in particolare nella provincia di Lecce. Il suo sapore, aromatico e molto intenso, ha conquistato i palati più fini ed è uno dei prodotti tradizionali più importanti della regione. Questa ricotta è detta “marzotica” perché la produzione comincia ai primi di Marzo e continua per tutti i mesi primaverili.

Continua a leggere

Alici o acciughe marinate PAT pugliese

Acciughe marinate o alici marinate Si riconoscono per la loro particolare colorazione: argentea sui fianchi; bianca sul ventre; verdazzurra sulla schiena. I suoi valori nutrizionali sono molto interessanti e la sua versatilità in cucina la rende protagonista di diverse preparazioni e ricette. Per 100 gr di prodotto edibile contiene ben 16,6 grammi di proteine, apportando…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.