Fagiolo dell’Aquila di Pignone PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della LIGURIA

Il fagiolo Aquila è un ecotipo di vecchia data e presente solo nel territorio di Pignone. Varietà di fagiolo rampicante, dal sapore delicato e molto digeribile di colore arlecchino in parte bianco e in parte marezzato, è un fagiolo con l’occhio: all’attaccatura germinativa presenta infatti una macchia di colore grigio cenere con striature scure.

Il seme, di forma tonda leggermente schiacciata, è lungo circa cm 1,5.La coltivazione avviene in terreni alluvionali e durante il ciclo vegetativo è necessaria l’irrigazione almeno tre volte alla settimana. Dopo la raccolta i baccelli migliori vengono selezionati e tenuti in serbo per la semina e il raccolto dell’anno successivo. La maturazione si completa con l’essiccazione dei fagioli sulle areate e soleggiate terrazze. I fagioli secchi vengono quindi conservati all’interno di contenitori ermetici in luoghi bui e asciutti.

Zona di produzione: Pignone (La Spezia)

Curiosità: Il fagiolo dell’aquila, noto localmente anche come fagiolo dell’occhio per la macchietta che lo contraddistingue, è considerato un ecotipo autoctono, quindi non importato dalle Americhe, già noto ai Romani e presente nella loro alimentazione.
Di veloce cottura e di sapore delicato, è ottimo consumato sia verde che secco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.