L’EUROPA DELLA BIODIVERSITÀ

L’EUROPA È UNA TERRA RICCA DI CONTRASTI.

Dai prati fioriti delle Alpi alle dune battute dal vento lungo la costa atlantica, dalle brulle e pianeggianti praterie dell’Ungheria alle rigogliose faggete dell’Europa centrale, dalle acque cristalline del Mediterraneo alle immense torbiere della Lapponia, ce n’è davvero per tutti i gusti.

L’europa della biodiversità

Benché alcuni luoghi siano ancora sperduti e incontaminati, in Europa gran parte dell’ambiente naturale è facilmente raggiungibile e per certi versi familiare e rassicurante, essendo stato modellato da secoli di interazione con l’uomo.

La flora e la fauna europee sono altrettanto affascinanti ma ancora poco conosciute ai più. Eppure, basta poco più di un occhio attento e un po’ di curiosità per iniziare a scoprire la varietà straordinariamente ricca di piante e animali che abitano questo mondo segreto:
allodole che cantano melodiosamente da altezze vertiginose, gruccioni appollaiati su un tronco lungo un ruscello, oche schiamazzanti in riva al mare, aquile imperiose che scrutano il territorio dal ciglio di una vetta, lupi e linci che silenziosamente vagano per antiche foreste, donnole iperattive saltellanti nel sottobosco, scoiattoli che volano nella notte, farfalle colorate che svolazzano sulle loro piante preferite, effimere danzanti sulla superficie di un lago tranquillo, piccole felci aggrappate alla nuda superficie di una roccia. L’elenco sembra non finire mai.

Questa ricca diversità è presente anche sott’acqua. L’Europa è circondata da numerosi mari e oceani tra i più produttivi al mondo. Oltre a una grande varietà di pesci le acque ospitano molte altre strane e meravigliose creature del mare tra cui minuscoli cavallucci marini, coralli rossi e anemoni dai colori sgargianti, tartarughe marine annoiate dal mondo, timide foche monache ed enormi squali elefante.

Probabilmente non esiste altro posto al mondo dove una tale varietà di flora e fauna e paesaggi così diversi si concentrano in un’area tanto piccola. Il continente europeo si estende per circa 10 milioni di chilometri quadrati, che rappresentano meno del 7% della superficie terrestre.

L’Unione europea, con i suoi 27 Stati membri, è addirittura più piccola, con un’area di soli 4 milioni di chilometri quadrati, meno della metà rispetto agli Stati Uniti, pur contando una popolazione molto più nutrita.

FONTE @NATURA 2000 – Proteggere la biodiversità in Europa

L’adozione diffusa di biciclette elettriche, oltre all’espansione dell’infrastruttura per biciclette, può potenzialmente ridurre l’uso dell’auto di un ulteriore 15%. Ciò spinge indietro di 4 giorni l’Earth Overshoot Day.

Le biciclette elettriche hanno iniziato solo di recente ad occupare una parte più ampia del mercato delle biciclette, ma sono vecchie quasi quanto le biciclette stesse. I primi brevetti nel 1890 includono uno di Ogden Bolton negli Stati Uniti, che propose di costruire un motore elettrico direttamente nel mozzo della ruota posteriore della bicicletta. Ma…

Leggi di +

REGIONE LAZIO – L.R. 27 Maggio 2008, n.6

Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia Scarica Legge Regionale LAZIO n.6 2008 in formato PDF SOMMARIOCAPO I DISPOSIZIONI GENERALIArt. 1 (Finalità e oggetto)Art. 2 (Interventi di edilizia sostenibile, architettura sostenibile e di bioedilizia)CAPO II APPLICAZIONI FONDAMENTALI DELLA SOSTENIBILITA’ENERGETICO AMBIENTALEArt. 3 (Sostenibilità energetico ambientale negli strumenti della pianificazione territoriale ed urbanistica)Art. 4…

Leggi di +

Un approccio integrato alla transizione delle città alla NET zero emissioni di carbonio

nel decennio a seguire, le città interessate dovrebbero concentrarsi aumentare le energie rinnovabili e l’elettrificazione del consumo finale di energia, utilizzando la digitalizzazione per integrare i sistemi – ad esempio, da ottimizzare la domanda di energia per una maggiore flessibilità, accelerare la transizione alla mobilità elettrica e decarbonizzazione riscaldamento e raffrescamento. Dovrebbero concentrarsi anche sulla…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *