Ecco perché l’idrogeno è un ottimo partner per il nucleare e il pianeta

BLOG CLIMA HARSH S. DESAI 20 agosto 2020

Se sei interessato alle notizie sull’energia e sul clima, probabilmente avrai notato un significativo aumento dei titoli che presentano l’idrogeno come potenziale sostituto dei combustibili fossili. Ultimamente vedo molti nuovi rapporti e titoli che indicano il potenziale dell’idrogeno di rivoluzionare molti settori, attraverso applicazioni come veicoli a celle a combustibile, raffinazione di metalli preziosi, combustibili sintetici e persino costruzione di cantieri navali.

Ma ciò che molte di queste storie non dicono – è proprio quello che mostra un nuovo studio dell’Energy Options Network (EON) – è su come l’energia nucleare potrebbe essere il modo migliore per produrre idrogeno verde senza emissioni di carbonio.

Questo è solo un altro motivo per cui l’energia nucleare è importante per qualsiasi soluzione climatica.

L’idrogeno potrebbe svolgere un ruolo importante nella riduzione delle emissioni di carbonio

Se l’idrogeno può essere prodotto senza emissioni di carbonio, può svolgere un ruolo importante nella decarbonizzazione di gran parte dell’economia, compresi i settori dei trasporti e industriale.

Per questo motivo, gode di un supporto quasi universale. In effetti, l’interesse recente per l’idrogeno è salito alle stelle. Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha annunciato un finanziamento di 64 milioni di dollari per dimostrare la produzione, lo stoccaggio e la distribuzione di idrogeno su larga scala attraverso il suo programma H2 @ Scale.

L’Unione europea ha sottolineato l’importanza dell’idrogeno come percorso verso un’Europa a emissioni zero definendo un programma di investimenti per aumentare la produzione di idrogeno con l’energia rinnovabile e lanciando l’Alleanza europea per l’idrogeno pulito per sostenere questi investimenti.

Inoltre, Axios riferisce che dei 54 miliardi di dollari di finanziamenti approvati per l’energia pulita in tutto il mondo, il 19% è per l’idrogeno. “Raramente ho visto, se non mai, una tecnologia che gode di così tanto sostegno politico in tutto il mondo.

I paesi che hanno opinioni completamente diverse sull’energia e sul clima si uniscono tutti nel dire che l’idrogeno è una tecnologia chiave per l’energia pulita “, ha affermato il direttore dell’Agenzia internazionale per l’energia Fatih Birol.


Il nucleare può rendere l’idrogeno e altri settori economici senza carbonio

Poiché la produzione di idrogeno è cresciuta in popolarità, lo è anche il termine “idrogeno verde”, che si riferisce all’uso di fonti rinnovabili per produrre idrogeno.

Ciò rispecchia i mandati e gli impegni che vediamo per ridurre le emissioni nel nostro settore energetico attraverso l’eolico, il solare e altre tecnologie prive di carbonio.

Ma ciò che non viene citato più spesso è il ruolo che l’energia nucleare dovrebbe avere in questo nuovo entusiasmante mercato.

Secondo lo studio di EON, il nucleare può anche servire come la fonte priva di carbonio più economica per il combustibile idrogeno ed essere economicamente competitivo con il gas naturale, che è attualmente il metodo principale per produrre idrogeno, se usato su larga scala.

“Un vantaggio intrinseco rispetto alle tecnologie che producono solo elettricità (come l’eolico e il solare fotovoltaico) è la capacità del nucleare di produrre sia elettricità che calore, che gli consente di sfruttare tutte le opzioni tecnologiche per la produzione di idrogeno”, afferma lo studio.

L’idrogeno privo di carbonio offre ai reattori attuali e nuovi un nuovo, importante mercato

Il mercato dell’idrogeno di oggi supera già i 100 miliardi di dollari e si prevede che crescerà in modo significativo.

Questo mercato rappresenta un’opportunità per le centrali nucleari attuali e nuove. Gli impianti nucleari attualmente in funzione potrebbero continuare a produrre energia senza emissioni di carbonio.

E nuovi reattori potrebbero attrarre investimenti avendo clienti e un mercato già allineati. “A mio avviso, l’idrogeno è oggi dove si trovava il solare 10 anni fa”, ha detto Birol.

Secondo lo studio di EON, soddisfare le esigenze energetiche dell’industria del trasporto marittimo entro il 2050 dal solo nucleare “richiederebbe fino a 650 gigawatt di reattori nucleari avanzati” per la produzione di idrogeno.

I 650 gigawatt necessari per questa porzione del solo settore dei trasporti sono più di sei volte la capacità di tutte le centrali nucleari negli Stati Uniti, quindi in altre parole è grandissimo. Anche l’eolico e il solare giocheranno un ruolo importante nella fornitura di idrogeno, ma questa è ancora un’enorme opportunità per l’industria nucleare.

Se si desidera idrogeno privo di emissioni di carbonio e per proteggere il clima, è necessario il nucleare

Oggi siamo alla ricerca di soluzioni per ridurre le emissioni di carbonio.

L’energia nucleare comprende già quasi il 55% dell’energia priva di emissioni di carbonio negli Stati Uniti ed è vista come una parte fondamentale di qualsiasi soluzione climatica praticabile.

Il potenziale per una partnership nucleare e idrogeno è una scelta naturale e degna di investimenti futuri.

L’utilizzo di tutte le fonti prive di carbonio disponibili, compreso il nucleare, per la produzione di idrogeno cambierà le regole del gioco.

L’idrogeno privo di carbonio alimentato dall’energia nucleare può ridurre ancora di più le emissioni di carbonio, proteggendo il nostro clima e alimentando i futuri settori dei trasporti e dell’industria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.