Dolce di San Michele PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’Emilia Romagna

Panna cotta, uova, zucchero, noci, mandorle, pinoli. Si fodera una tortiera con pasta frolla, si versa la panna, uova, zucchero, si cuoce, si sfodera e si copre con noci, mandorle e pinoli

Un po’ di storia

E’ un dolce nato per caratterizzare Bagnacavallo durante la Sagra del paese. Si trova tracce della ricetta del dolce, ora denominato “Dolce di San Daniele”, fin dal lontano sedicesimo secolo, come documentato dalla ricetta scritta in un testo del 1500 custodito nella Biblioteca Comunale di Bagnacavallo. Questa antica ricetta, pur subendo nel tempo alcune variazioni, viene riproposta, come tradizione, nel territorio del Comune di Bagnacavallo nel periodo autunnale, in particolare durante la festa di San Michele, patrono del paese, che si festeggia il 29 Settembre.

Territorio di produzione

Comune di Bagnacavallo.

Pasta sciancà PAT

Streppa e caccialà (Mendatica) e sciancui (Sanremo), sono nomi che vengono dati a una pasta simile alla lasagna, strappata a mano, dall’aspetto impreciso e dal caratteristico sapore casereccio di pasta fatta in casa.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *