Cucina tipica Piemontese BOLLITO MISTO

Alla Sagra del bue grasso che si celebra a Carrù il secondo giovedì antecedente il Natale, il gran bollito alla piemontese trova il suo momento di gloria con i sette pezzi canonici: scaramella, testina, muscolo, lingua, coda, cappone e cotechino. Poiché il cappone si consuma esclusivamente a Natale, nella ricetta che presentiamo è sostituito con la gallina che ovviamente è disponibile tutto l’anno.

Difficoltà Molto facile – Costo Medio

Tempo di preparazione 3 ore 30 Minuti

8 Persone

Ingredienti

  • BAGNET ROSS q.b.
  • BAGNET VERD* q.b.
  • BRODO VEGETALE q.b.
  • CODA 500 grammi
  • COGNA’ q.b.
  • COTECHINO 300 grammi
  • GALLINA PULITA E FIAMMEGGIATA mezza
  • LINGUA DI MANZO 500 grammi
  • MUSCOLO (FESONE DI SPALLA, REALE, TENERONE) 500 grammi
  • SCARAMELLA (BIANCO COSTATO) 500 grammi
  • TESTINA 500 grammi

Preparazione Bollito Misto alla piemontese

Procuratevi tre pentole, di cui una più grande che riempirete con 10 litri d’acqua. Portatela a ebollizione con tutti gli ingredienti per il brodo di cottua.
Travasate quindi tre litri di questo brodo nellaseconda pentola e mettetela sul fuoco. Nel primo pentolone in ebollizione ponete, a fuoco molto alto, scaramella, coda, lingua, muscolo e gallina; dopo una decina di minuti abbassate il fuoco e continuate la cottura per due ore e mezza a coperchio abbassato. Ma la gallina è già cotta in un’ora e 15 minuti: ricordatevi di toglierla dalla pentola e di tenerla in caldo. Ponete, sempre a fuoco molto alto, la testina nella seconda pentola già contenente i tre litri di brodo bollente; dopo 10 minuti abbassate il fuoco e continuate la cottura per tre ore circa.
Con una forchetta bucherellate il cotechino e mettetelo nella terza pentola, in acqua fredda non salata; portate a ebollizione e cuocete per un’ora. Riassumendo: nella pentola grande sono state lessate cinque carni diverse, compresa la gallina, in sette litri di brodo; nella seconda pentola, in tre litri di brodo, abbiamo portato a cottura la testina; nella terza pentola abbiamo cotto il cotechino. È importante seguire questa procedura che a prima vista appare complessa, perché è indispensabile conservare, di ognuno degli ingredienti, la singolarità del gusto: il grasso della testina o le spezie del cotechino non devono intaccare il sapore delle altre carni.
A cottura terminata togliete dalle pentole i pezzi di bollito, sgocciolateli e serviteli caldissimi, affettandoli alla presenza dei commensali e accompagnandoli con le salse (anche se l’intenditore preferirà intingere la carne semplicemente nel sale).
Alla Sagra del bue grasso che si celebra a Carrù il secondo giovedì antecedente il Natale, il gran bollito alla piemontese trova il suo momento di gloria con i sette pezzi canonici: scaramella, testina, muscolo, lingua, coda, cappone e cotechino. Poiché il cappone si consuma esclusivamente a Natale, nella ricetta che presentiamo è sostituito con la gallina che ovviamente è disponibile tutto l’anno.

Cucina tipica della tradizione Novarese
OCA CON LE VERZE

Cucinare l’Oca con le Verze vuol dire servire in tavola un elegante portata di carne, colma di gusto e sapore. Non si tratta di una pietanza convenzionale, ed in più richiede una precisa modalità di cottura per impedire che le carni diventino troppo dure o che rimangano crude. Se però trattate in maniera ottimale il…

Leggi di +

Frittata con i bruscandoli PAT

La frittata con i bruscandoli  è il piatto tradizionale che viene gustato durante la festa di San Marco, il 25 aprile, generalmente festeggiata in Veneto con un pic-nic sulle rive dei fiumi o in qualche bel prato in campagna. Nel VIII secolo, alle origini della festa, la popolazione era povera e questo piatto si poteva preparare semplicemente…

Leggi di +

La cucina IGP
Torta Soffice con Crema all’Arancia Rossa di Sicilia

ECCELLENZA ITALIANA IGP: ARANCIA ROSSA DI SICILIA Come fare la Torta Soffice all’Arancia. Ricetta della Torta Soffice con Crema all’Arancia Tempo 25 minuti preparazione + 35 minuti cottura Persone 8 pax Difficoltà: facile Ci sono ingredienti che fanno subito pensare alla Sicilia. Basta un profumo, un aroma, un colore, per sentirsi immediatamente in uno splendido paesaggio siciliano, circondati…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.