Copyright

La sezione 107 del Copyright Act definisce il fair use come segue:

Giusto uso – Fair Use
La politica alla base della legge sul copyright non è semplicemente quella di proteggere i diritti di coloro che producono contenuti, ma di “promuovere il progresso della scienza e delle arti utili”. Cost. Arte. I, § 8, cl. 8. Poiché consentire agli autori di far valere i propri diritti d’autore in tutti i casi ostacolerebbe effettivamente questo fine, prima i tribunali e poi il Congresso hanno adottato la dottrina del fair use al fine di consentire l’uso di materiali protetti da copyright considerati vantaggiosi per la società, molti dei quali hanno anche diritto a Protezione del primo emendamento. Il fair use non ti consentirà semplicemente di copiare il lavoro di un altro e trarne profitto, ma quando il tuo utilizzo contribuisce alla società continuando il discorso pubblico o creando una nuova opera nel processo, il fair use potrebbe proteggerti.

[I] l fair use di un’opera protetta da copyright, compreso tale utilizzo mediante riproduzione in copie o registrazioni sonore o con qualsiasi altro mezzo specificato da quella sezione, per scopi quali critica, commento, notiziari, insegnamento (incluse copie multiple per uso in classe) , borsa di studio o ricerca, non è una violazione del copyright. Nel determinare se l’uso fatto di un’opera in un caso particolare sia un uso corretto, i fattori da considerare devono includere:

lo scopo e il carattere dell’uso, incluso se tale uso è di natura commerciale o è per scopi educativi senza scopo di lucro;
La natura del lavoro protetto da copyright;
la quantità e la sostanzialità della parte utilizzata in relazione all’opera protetta da copyright nel suo complesso;
e l’effetto dell’uso sul mercato potenziale o sul valore dell’opera protetta da copyright.
Sfortunatamente, non esiste una formula chiara che puoi utilizzare per determinare i confini del fair use. Al contrario, un tribunale valuterà questi quattro fattori in modo olistico per determinare se l’uso in questione è un uso corretto. Affinché tu possa valutare se il tuo utilizzo di un’opera protetta da copyright di un altro sarà consentito, avrai bisogno di una comprensione del motivo per cui si applica il fair use e di come i tribunali interpretano ogni parte del test.

I quattro fattori di fair use

  1. Scopo e carattere del tuo utilizzo

Se utilizzi il lavoro protetto da copyright di un altro a scopo di critica, notiziari o commenti, questo uso peserà a favore del fair use. Vedere Campbell v.Acuff-Rose Music, 510 U.S. 569, 578 (1994). Finalità come queste sono spesso considerate “nell’interesse pubblico” e sono favorite dai tribunali rispetto agli usi che cercano semplicemente di trarre profitto dal lavoro di un altro. Gruppo di criteri in linea contro Diebold, Inc., 337 F. Supp. 2d 1195, 1203 (N.D. Cal.2004). Quando si mette materiale protetto da copyright a un nuovo uso, questo promuove l’obiettivo del copyright di “promuovere il progresso della scienza e delle arti utili”.

Nel valutare lo scopo e il carattere del tuo utilizzo, un tribunale valuterà se il nuovo lavoro che hai creato è “trasformativo” e aggiunge un nuovo significato o messaggio. Per essere trasformativo, un uso deve aggiungere all’originale “con uno scopo ulteriore o un carattere diverso, alterando il primo con una nuova espressione, significato o messaggio”. Campbell, 510 Stati Uniti, 579. Sebbene l’uso trasformativo non sia assolutamente necessario, più il tuo uso è trasformativo, meno dovrai dimostrare sui restanti tre fattori.

Un malinteso comune è che qualsiasi utilizzo a scopo di lucro del lavoro di qualcun altro non sia un uso corretto e che qualsiasi utilizzo senza scopo di lucro sia equo. In realtà, alcuni usi a scopo di lucro sono equi e altri no a scopo di lucro non lo sono; il risultato dipende dalle circostanze. Inizialmente i tribunali presumevano che se il tuo uso fosse commerciale fosse uno sfruttamento ingiusto. In seguito hanno abbandonato tale ipotesi perché molti dei possibili usi corretti di un’opera elencata nel preambolo della sezione 107, come gli usi a scopo di cronaca, sono condotti a scopo di lucro. Sebbene i tribunali considerino ancora la natura commerciale dell’uso come parte della loro analisi, non definiranno ingiusto un uso trasformativo semplicemente perché produce un profitto. Di conseguenza, la presenza di pubblicità su un sito web non condannerebbe, di per sé, la pretesa di un utilizzo corretto.

Se ti limiti a ristampare o ripubblicare un’opera protetta da copyright senza nient’altro, tuttavia, è meno probabile che si qualifichi per la protezione in base a questo punto. Se includi testo, audio o video aggiuntivi che commentano o ampliano il materiale originale, ciò migliorerà la tua rivendicazione di fair use. Inoltre, se utilizzi il lavoro originale per creare una parodia, questo può essere considerato fair use a condizione che la spinta della parodia sia diretta verso l’opera originale o il suo creatore.

Inoltre, se l’opera originale o il tuo utilizzo ha valore di novità, ciò può anche aumentare la probabilità che il tuo utilizzo sia un fair use. Sebbene non esista una dottrina giuridica particolare che specifichi come questo viene valutato, diversi pareri dei tribunali hanno citato l’attualità dell’opera in questione quando si è trovata a favore del fair use. Vedere, ad esempio, Diebold, 337 F. Supp. a 1203 (concludendo “[i] t è difficile immaginare un argomento la cui discussione potrebbe essere più nell’interesse del pubblico”), Norse v. Henry Holt & Co., 847 F. Supp. 142, 147

UNIONE EUROPEA – Direttiva Europea sui Diritti d’Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.