Centro educazionale OREGON ZOO

Stimolare i visitatori a impegnarsi in azioni sostenibili: è la missione del design e delle mostre presso il centro educativo dell’Oregon Zoo.

Oregon ZOO

Il centro, il quinto progetto finanziato dallo zoo bond, fornisce una base di partenza per migliaia di bambini che ogni anno partecipano a campi e corsi e funge da hub regionale, espandendo i programmi per i giovani dello zoo attraverso collaborazioni con gli Stati Uniti Fish and Wildlife e altri partner.

Il centro comprende aule, spazi per riunioni, giardini e una stazione di esplorazione della natura (NESt), che ispira i visitatori a uscire, conoscere la natura e agire per conto della natura.

A dimostrazione del fatto che “le piccole cose contano”, lo zoo offre ai suoi 1,7 milioni di visitatori annuali, mostre interattive che dimostrano come le azioni possono aiutare a mantenere un pianeta sano.

Il centro crea un dialogo tra l’ambiente costruito e naturale, con ogni spazio interno che offre uno spazio esterno visibile e connesso corrispondente.

La struttura intrecciata in legno e acciaio del NESt si ispira ai nidi degli animali creando riparo e ordine nell’ambiente.

Il NESt è il centro di attività a cui i visitatori accedono attraverso grandi porte scorrevoli.

Imparano le storie degli eroi della conservazione locale e accedono al laboratorio di conservazione delle tartarughe e allo zoo degli insetti, dove il più piccolo degli animali può avere il maggiore impatto sull’ecosistema.

All’interno di una piazza all’estremità occidentale dello zoo, il sito stretto e irregolare ha confini curvi di mostre, la ferrovia dello zoo, un percorso pedonale e una ripida collina meridionale.

L’edificio abbraccia la piazza centrale e dappertutto esistono paesaggi di apprendimento.

Ispirati agli esclusivi motivi a spirale prevalenti nei sistemi naturali, due tetti curvi accolgono i visitatori della piazza.

Gli elementi sostenibili, inclusi pannelli solari, piante autoctone, finestre protette dagli uccelli e giardini pluviali, sono progettati per educare il pubblico.

Il centro ha recentemente ottenuto la certificazione LEED Platinum con 82 punti e il premio 2030 COTE di Portland AIA.

“Con una serie completa e integrata di tattiche sostenibili, il design è molto ben pensato”

DIchiarazione della giuria

Comunità


Il centro è stato al centro dell’impegno della comunità nell’ambito del vincolo decennale per la ristrutturazione dello zoo.

Lo zoo ha creato un comitato di pianificazione che rappresenta 20 gruppi di stakeholder locali e regionali (ad esempio, Intertwine Alliance, Portland Audubon Society e distretti scolastici regionali) profondamente collegati agli ambienti naturali, alla sostenibilità e all’istruzione.

Questi gruppi hanno fornito indicazioni sui temi e sui contenuti del centro e, di conseguenza, è diventato un hub regionale per la comunità di conservazione.

Grazie a questa partnership, lo zoo dell’Oregon è diventato il primo zoo del paese ad avere uno specialista interpretativo di pesce e fauna selvatica degli Stati Uniti a tempo pieno, soddisfacendo l’obiettivo dell’agenzia di raggiungere le popolazioni al di fuori dei tradizionali parchi.

Attraverso una serie di 10 workshop, il comitato di pianificazione e le parti interessate hanno guidato il progetto dalla programmazione allo sviluppo del design.

Il K-12 Zoo Camp serve 6.000 studenti all’anno e i programmi Zoo Teen coinvolgono ogni anno 600 studenti in attività di conservazione e istruzione.

La struttura fornisce uffici e spazi per riunioni per i partner della comunità, inclusa una sala polivalente accessibile dall’esterno dello zoo per eventi della comunità.

Il centro offre ai visitatori un ambiente ricco di biodiversità per riposare, mangiare e giocare mentre apprendono il nostro rapporto con il mondo naturale.

Il progetto espande il campus urbano di Northeastern a sud di un importante corridoio ferroviario, ricollegando i diversi quartieri di Fenway e Roxbury con un paesaggio accessibile e un ponte pedonale.

Questo sito è stato selezionato per investire nel quartiere di Roxbury e il progetto ha fatto leva sul maggior numero possibile di manodopera locale nella costruzione.

Un pendio costruito nel piano terra crea un percorso accessibile al ponte sopraelevato mentre protegge il paesaggio dai binari attivi. Scorrendo direttamente nel campus centrale, questo percorso nord-sud si collega a Huntington Avenue e all’area di Fens della collana di smeraldi.

Una sezione restaurata e migliorata del Southwest Corridor Park è integrata con il paesaggio lungo Columbus Avenue, collegando l’edificio con un parco lineare di 4,7 miglia che collega i quartieri di South End, Back Bay, Fenway, Roxbury e Jamaica Plain con ciclismo e jogging e percorsi pedonali.

Questo edificio del campus urbano, situato vicino a più fermate MBTA, ha creato una netta riduzione dei parcheggi incorporando un parcheggio per biciclette interno per circa 100 biciclette con un parcheggio per biciclette esterno aggiuntivo.

Operando alla scala della città, il paesaggio collega il campus e definisce uno dei nuovi spazi pubblici più eccitanti e dinamici di Boston.

ECOLOGIA

Il progetto si trova nell’ecoregione Valley Foothills, in transizione tra la Willamette Valley agricola e le catene montuose di Cascade e Pacific Coast, ricche di foreste.

Il sito si trova su un terreno in forte pendenza e dominato dall’abete di Douglas. Il progetto ha risposto ripristinando il sottobosco nativo con piante endemiche.

Le zone umide native e le piante montane sono state utilizzate per costruire bioswales e strutture di detenzione per l’acqua piovana, replicando l’ecotipo di zone umide boscose dell’ecoregione.

Il centro sostiene la missione dello zoo di ispirare il rispetto per gli animali.

Le mostre dimostrano come le azioni fanno la differenza nell’eredità di un pianeta sano, promuovendo il benessere degli animali, l’alfabetizzazione ambientale e la conservazione.

Una varietà di spazi esterni interattivi – che includono piantagioni autoctone, bioswales, un’area giochi naturale e una zona forestale contemplativa – sono completati dal design bird-friendly dell’esterno dell’edificio.

Le lezioni pratiche nel Wildlife Garden dimostrano come i proprietari di case possono partecipare al recupero dell’habitat attraverso il programma di certificazione dell’habitat del cortile di Portland Audubon.

Il progetto ha ottenuto il credito per l’innovazione LEED bird-friendly. Il laboratorio delle tartarughe mette in mostra gli sforzi di conservazione. I visitatori possono osservare le piccole tartarughe palustri occidentali crescere mentre imparano il nostro ruolo nell’aiutare le specie locali in via di estinzione.

Una volta che le tartarughe sono mature, vengono riportate al loro habitat naturale e monitorate per sicurezza.

ACQUA

Con abbondanti piogge stagionali, il progetto celebra il flusso di acqua piovana attraverso il sito dal giardino interpretativo attraverso giardini pluviali che abbracciano l’ingresso e la nuova piazza ovest.

Il sistema interconnesso di giardini pluviali e fioriere rallenta il flusso dell’acqua piovana e le piante e il suolo filtrano lo sporco, l’olio e le sostanze inquinanti fornendo habitat a piccole creature come le rane del coro che si sono trasferite immediatamente dopo il completamento.

I 27 servizi igienici / orinatoi della struttura, che è il punto di snodo dei servizi igienici per l’intero lato ovest dello zoo, hanno rappresentato la maggiore domanda per l’approvvigionamento idrico comunale.

In risposta, l’acqua piovana dal tetto NESt di 10.300 piedi quadrati viene catturata per il lavaggio e immagazzinata in una cisterna sotterranea da 10.000 galloni.

Tuttavia, i mesi estivi asciutti – la stagione di punta dei visitatori per lo zoo – rappresentavano un problema.

Una caratteristica unica del sito, l’eccessiva secchezza delle acque sotterranee, ha fornito la soluzione alla carenza d’acqua. Risalente agli anni ’50, 2.000 galloni d’acqua sono stati pompati ogni giorno nel sistema delle tempeste della città da una cortina di drenaggio che corre in profondità sotto il sito per la stabilità geologica.

Questa acqua di falda viene ora deviata per integrare il sistema di raccolta, mantenendo la cisterna per tutto l’anno riducendo l’energia utilizzata dalle pompe.

ECONOMIA

Poiché gli edifici sono stati finanziati con fondi pubblici di proprietà e gestiti da un governo regionale, i costi di costruzione e operativi hanno definito il successo del progetto.

Per risparmiare gli spazi, il team ha ridimensionato il programma creando maggiore flessibilità negli spazi educativi e per eventi. Ad esempio, lo spazio per eventi può essere suddiviso in tre classi. Piuttosto che costruire due aule aggiuntive, vengono utilizzate piattaforme rialzate per grandi tende in stile safari.

Grazie al loro collegamento diretto al paesaggio e all’adiacente braciere, sono diventati gli spazi didattici più ambiti.

La missione dello zoo di ispirare l’azione a favore della fauna selvatica ha guidato la scelta dei materiali, tenendo in considerazione i costi.

Ad esempio, è stato scelto un rivestimento esterno in cedro di qualità inferiore per la sua convenienza, pur mantenendo i criteri FSC.

Le vetrate a misura di uccello sono state considerate per l’ingegneria del valore, ma ha prevalso l’impegno dello zoo di fornire un ambiente più sicuro per gli uccelli.

Il premio per le vetrate a misura di uccello è stato compensato dalla sostituzione di un sistema di finestre più economico e dalla riduzione strategica delle finestre apribili.

La riduzione dei costi operativi era un importante criterio di progettazione, consentendo costi iniziali più elevati per i sistemi di acqua ed energia rinnovabile in cambio di risparmi a lungo termine.

Il progetto prevede una riduzione del consumo di acqua potabile del 56% e un consumo energetico nullo previsto.

ENERGIA

L’eliminazione dei combustibili fossili era uno degli obiettivi principali per la progettazione rispettosa del clima.

Sfruttando i miti inverni di Portland, una pompa di calore ad aria (VRF) fornisce una fonte efficiente di calore completamente elettrico, eliminando la necessità di fonti di calore di punta o supplementari.

Durante la progettazione, le partnership locali hanno creato un’opportunità per aumentare il campo solare ed è nato l’obiettivo di energia netta zero. Tuttavia, gli edifici, utilizzati 365 giorni all’anno, hanno un fabbisogno energetico notevolmente superiore rispetto a una tipica aula o ufficio.

Per raggiungere lo zero netto, la modellazione energetica dettagliata era fondamentale per identificare tutti i carichi plug and process e il loro consumo energetico stimato.

Gli habitat degli insetti e delle tartarughe richiedono un controllo climatico specializzato che aumenta i carichi di prese e luci, e le attrezzature del bar servono un elevato volume di clienti.

Il team si è concentrato su altre aree per ridurre l’energia: riscaldamento dell’acqua con pompa di calore radiante e ventilazione a recupero di calore. In base all’efficienza operativa relativa al primo costo, per le aule è stato scelto un sistema passivo manuale (semaforo verde che indica condizioni favorevoli per aprire le finestre e spegnere HVAC) in combinazione con la pompa di calore aerotermica per le aule su finestre automatiche e uno scambio termico geologico sistema di pompaggio.

La strategia di ventilazione passiva è evidente nell’ala dell’aula a carico singolo con porte da garage basculanti.

BENESSERE

Le grandi aperture nelle aule, nel bar e nella sala espositiva del NESt forniscono una ventilazione naturale e un collegamento diretto con l’esterno.

Un vantaggio del motivo a misura di uccello sulle vetrate è la risposta biofila che suscita: una sensazione di riparo pur mantenendo una connessione con l’esterno, simile a nascondersi in un ciuffo di erba alta guardando una savana o guardando fuori attraverso la pioggia torrenziale.

Il centro collega i bambini con il mondo naturale attraverso esperienze pratiche e un’esplorazione approfondita dello zoo. Le attività all’aperto per adulti includono giardinaggio pratico e compostaggio.

Per garantire una buona qualità dell’aria negli ambienti interni sono stati utilizzati materiali a basse emissioni che soddisfano livelli di VOC bassi.

Gli edifici sono stati bonificati secondo LEED. La qualità dell’aria interna viene mantenuta attraverso il monitoraggio della portata dell’aria esterna. Le unità d’aria esterne dedicate garantiscono una qualità dell’aria superiore del 30% rispetto ai requisiti del codice.

Il sistema radiante riscalda e raffredda l’edificio in modo da aumentare il comfort degli occupanti riducendo al minimo il rumore.

I risultati della valutazione post-occupazione indicano i seguenti tassi di soddisfazione: visualizzazioni, 90% soddisfatto; luce naturale, soddisfatto al 100%; temperatura, 87% soddisfatto; e la qualità dell’aria, soddisfatto all’86%.

I sistemi meccanici non hanno un impatto negativo sull’acustica, ma c’è un certo trasferimento di rumore tra gli spazi quando la sala polivalente è divisa.

RISORSE

Il programma per l’ala delle aule ne prevedeva sei. Durante l’esplorazione delle opzioni per ridurre l’uso di materiali da costruzione, carbonio incorporato ed energia operativa, due aule interne sono state eliminate e sostituite con piattaforme esterne in legno per supportare due tende stagionali.

Questa mossa ha risparmiato 1.600 sf di spazio interno e 85.200 libbre di CO2 incorporata, fornendo un’esperienza di campo estivo che sfrutta un collegamento diretto con la natura e l’aria aperta.

Altre strategie per ridurre l’uso di materiale includevano la localizzazione della circolazione all’esterno dell’ala dell’aula, l’esposizione della struttura sopraelevata e l’utilizzo di pavimenti in calcestruzzo durevole che fungono da soletta strutturale e massa termica per il sistema di riscaldamento / raffreddamento idronico radiante.

L’uso di legno locale FSC (63%) è stato considerato prioritario per limitare i tagli netti, limitare le sostanze chimiche pericolose e ridurre l’erosione lungo i fiumi.

La tavolozza di finiture minimale evidenzia la bellezza del legno, connettendosi all’ecologia del luogo e all’economia locale del legno del Pacifico nord-occidentale.

Gli elementi nelle zone di scoperta esterne sono stati realizzati con materiali di recupero.

Il rifugio e i cancelli del giardino della fauna selvatica sono costruiti con legno recuperato dal Museo dell’Elefante dismesso, le finitrici sono state recuperate dall’area picnic di Elephant Plaza e i tronchi nell’area giochi naturale sono stati recuperati in loco.

Cambiamenti

Lo zoo dell’Oregon sostiene che il contenimento delle emissioni di gas serra riducendo le pressioni sulla fauna selvatica aiuta le specie a far fronte meglio ai cambiamenti climatici.

Per supportare la capacità degli ecosistemi e della comunità di riguadagnare vitalità di fronte a disturbi come i cambiamenti climatici, i principi di progettazione resiliente hanno informato la progettazione del centro sia a livello di edificio che a livello di comunità.

A livello di comunità, il centro fornisce un hub regionale per forti programmi di educazione della comunità che costruiscono la comprensione dei sistemi delle risorse naturali e promuovono strategie che proteggono l’ambiente naturale per migliorare la resilienza per tutti i sistemi viventi.

L’edificio e il sito supportano lo zoo ei programmi dei suoi partner nel dimostrare che le azioni di ogni persona, combinate con quelle di familiari, amici, colleghi, vicini e compagni di classe, hanno un effetto cumulativo: piccole azioni intraprese da un gran numero di persone si traducono in cambiamenti sostanziali, rendendo meno opprimente una questione globale.

L’ottimizzazione dell’energia rinnovabile in loco, il fare affidamento su risorse idriche reintegrate ogni anno e l’utilizzo di materiali durevoli sono principi di progettazione resilienti impiegati a livello di edificio.

La ventilazione naturale nelle aule e nelle aree NESt aumenta il livello di sopravvivenza passiva. Lo spazio multiuso e le aule sono progettati con un alto grado di flessibilità.

Scoperte

La valutazione post-occupazione include il consumo di energia e acqua, indagini sugli occupanti e studi osservativi su come vengono utilizzati gli edifici e gli oggetti esposti.

Monitorando l’uso e la produzione di energia, sono stati rilevati diversi problemi di installazione: il campo fotovoltaico è stato installato con cablaggio errato e non produceva a piena capacità (questo problema è stato risolto) e diversi contatori non sono stati installati correttamente (la correzione è attualmente in corso) .

La raccolta dell’acqua piovana e l’uso dell’acqua potabile sono monitorati; i risultati del 2018 hanno rivelato che i servizi igienici vengono utilizzati più spesso del previsto, ma l’uso di acqua potabile è stato più che compensato da volumi maggiori di pioggia catturata e acque sotterranee fastidiose rispetto a quanto previsto.

Una valutazione post-occupazione eseguita nel 2018 ha esplorato il comfort degli occupanti, la qualità dell’aria interna, l’illuminazione, l’acustica, la salute e il benessere, l’estetica e il comportamento degli utenti.

Le lezioni sono state condivise con un pubblico più ampio in collaborazione con il proprietario: al Living Future unConference, il team di progettazione e i partecipanti di Zoo Teens hanno condiviso come capovolgere la dinamica dei workshop delle parti interessate, consentendo ai giovani di guidare, massimizzare le idee creative e integrate coinvolgendo il la prossima generazione in modo significativo.

Al simposio Ecology & Architecture: Bird Safe Design, abbiamo condiviso le lezioni apprese sulla progettazione dell’illuminazione del cielo scuro, la scelta di vetrate e motivi che rispettano gli uccelli e il feedback sul credito pilota LEED.

“Attraverso più misure, questo progetto è stato in grado di mantenere metriche ad alte prestazioni, inclusa l’energia netta zero”

DICHIARAZIONE DELLA GIURIA

Fonte @AIA.ORG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.