Cavolo riccio PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Cavolo a foglia riccia e liscia, Cole rizze, Cul rezz, Colerìzze, Càvele rizze

Il cavolo riccio, meglio noto come cole rizze, è una antica varietà pugliese, che viene coltivata nelle murge meridionali, in provincia di Bari. Nella località di Noci incontra le condizioni idonee per crescere, nonostante terreni poveri e clima caldo. La pianta non supera il metro di altezza, le foglie si presentano incise e frastagliate, ricce o lisce, con cime piccole.

La semina avviene ad agosto, mentre la raccolta cade tra novembre e febbraio. I giovani getti, dal profumo intenso e deciso, rappresentano la parte edibile, che per lungo tempo ha accompagnato i pasti dei contadini di queste terre: fave e cole rizze era un piatto largamente diffuso fino agli anni ‘50, veniva consumato anche freddo, talvolta come merenda durante le faticose ore di lavoro nei campi. Altre ricette tipiche lo propongono cucinato in tempura con la senape, o di accompagnamento nella pasta con i tronchetti. La bassa resa ha portato a un lento declino nella coltivazione del cavolo riccio; ad oggi, vi è un solo produttore che ne conserva la memoria.

Territorio

Bari

Fonte @puglia.com

Sponzali PAT

Con il termine “sponzali” (o “sponsali”, cipollotti) vengono indicate le cipolle che si consumano allo stato fresco e che vengono raccolte prima dell’ingrossamento del bulbo (Allium cepa L.). Con gli sponzali, come quelli rossi di Acquaviva, si prepara il famoso calzone. Il termine deriva dall’aggettivo e sostantivo maschile “sponsale” [dal latino sponsalis, derivato di sponsus (sposo)],…

Continua a leggere

Liquore di alloro PAT

Liquore davvero semplice da realizzare a partire da pochi ingredienti reperibili a basso costo. Chiunque abbia a sua disposizione un piccolo orto può scoprire con estrema facilità quanto sia semplice coltivare piante come l’alloro, le cui foglie hanno una duttilità tale da permettere loro di essere utilizzate per un gran numero di ricette, tra cui appunto anche l’allorino.

Continua a leggere

Fagiolino dall’occhio PAT

Il Fagiolino dall’occhio o Fagiolino pinto è una specie di origine africana ed è presente in Puglia da tempi antichi. Il fagiolino con il seme crema dall’occhio nero è stato ritrovato a Giuliano (una frazione di Castrignano del Capo), a Supersano e Zollino, in provincia di Lecce, dove è conosciuto con il nome locale di…

Continua a leggere

Fave bianche e cicorie PAT

Le fave secche, private della buccia, ovvero della coriacea cuticola esterna, vengono poste a bagno per circa dieci ore, quindi cotte, coperte d’acqua, in pignatta da sole o con qualche “odore” da cucina e olio extravergine d’oliva. Quando acquisiscono l’aspetto di una purea, si levano dal fuoco e si servono in fondine in cui si…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.