Castagne PAT del Molise

Alberi di medie e grosse dimensioni, a foglia caduca, con fusto ramificato e chioma espansa. La specie è monoica con infiorescenze femminili inserite alla base di lunghi amenti maschili. Le foglie sono alterne, ellittico-allungate, acuminate, con margine seghettato e più chiare nella pagina inferiore. I frutti (acheni) sono contenuti, in numero di 2-3, entro un involucro spinescente sferoidale “cupola” volgarmente detto “riccio” che, a maturità, diviene bruno e si apre liberando le castagne in esso racchiuse.

View More Castagne PAT del Molise

Lombetto della Sabina e dei Monti della Laga PAT

Lombetto della Sabina e un salume impostato sulla trasformazione dell’intero muscolo lombare e dorsale prelevato dalla sesta vertebra ed oltre. Differenziato nel condimento tra la zona della Sabina (uso dell’aglio strofinato e del vino) e quella dei Monti della Laga (uso del solo pepe nero). Il prodotto, di pezzatura media di 1 Kg, è caratterizzato da forma cilindrica, colore rosso cupo screziato bianco, sapore sapido, stagionatura minima di 4 mesi.

View More Lombetto della Sabina e dei Monti della Laga PAT

Graukäse PAT

Il graukäse è un formaggio con una pasta friabile e granulosa, il cui sapore tende all’acidulo e l’odore è molto pronunciato. Nonostante ciò, si tratta di un formaggio estremamente magro, addirittura il più magro al mondo. Questo perché non viene prodotto direttamente con latte vaccino, ma con il latte “scartato” dalla produzione del burro. Si utilizza il latte delle mucche di razza Pinzgauer/Pustertaler, che viene lasciato scremare e acidificare con una pausa di due giorni.

View More Graukäse PAT

Vini di Sardegna
MOSCATO DI SARDEGNA DOP

Il Moscato di Sardegna bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 14% vol.) presenta un tipico aspetto giallo dorato e spicca per l’intensità del suo aroma caratteristico, abbinato ad un sapore dolce e vellutato. Anche lo Spumante (11,5% vol.) è giallo paglierino, impreziosito però da una spuma fine ed evanescente; l’odore è aromatico, delicato e caratteristico; il sapore è dolce, delicato e fruttato. Le varianti Passito (16% vol.) e Uve stramature (15% vol.), invece, hanno una tonalità che spazia dal dorato all’ambrato, con odore intenso e caratteristico e sapore dolce e vellutato (che si fa più fine nella versione Uve stramature).

View More Vini di Sardegna
MOSCATO DI SARDEGNA DOP

Crisciolette di Cascio PAT

Il biscotto con l’unto ha forma di ciambella, colore dorato e consistenza friabile. Non molto dolce, ha profumo di menta. Si produce tutto l’anno. È un dolce che fa parte della tradizione contadina in quanto era la colazione dei “vignaioli”. Gli abitanti di Civitella Marittima venivano chiamati scherzosamente “bucunti”, perché questo biscotto era prodotto solo in questa zona. Si consuma con vini giovani.

View More Crisciolette di Cascio PAT

Vini di Sardegna
GIRÒ DI CAGLIARI DOP

Il Girò di Cagliari, identificato dalla Denominazione Origine Protetta, è un vino rosso, prodotto anche nella versione Liquoroso e Liquoroso riserva.
Uvaggio
Tutte le tipologie di vino Girò sono prodotte esclusivamente con uve provenienti da vigneti composti dal solo vitigno Girò. Nei limiti del 5%, però, è ammessa anche la presenza di vitigni diversi, purché idonei alla coltivazione in Sardegna.
Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche
Il Girò di Cagliari rosso si presenta con una tonalità rubino più o meno tenue. Ha un odore fine e delicato, abbinato ad un sapore gradevole, che può spaziare dal secco al dolce. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 13,5% vol. Nelle varianti Liquoroso e Liquoroso riserva, invece, il titolo alcolometrico sale fino a 17,5% vol. Questa versione presenta una colorazione rossa con diversi livelli di intensità, che invecchiando tende all’aranciato. L’odore è ugualmente fine e intenso e il sapore gradevole, con uno spettro che va dal secco al dolce.
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione è piuttosto ampia e interessa quattro diverse province sarde: Cagliari, Medio Campidano, Carbonia-Iglesias e Oristano. Si tratta di un’area molto variegata, sia dal punto di vista dei terreni che da quello del clima.
Specificità e note storiche
Il Girò è uno dei vini sardi più longevi e rinomati. Secondo il Mameli, arrivò nell’isola al seguito dei dominatori spagnoli. Il suo successo, però, è legato soprattutto all’amministrazione piemontese del 1700 e alla sua politica viticola.

View More Vini di Sardegna
GIRÒ DI CAGLIARI DOP

Vini di Sardegna
ARBOREA DOP

Il Sangiovese rosso (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) ha un colore rosso rubino, l’odore è intenso e vinoso, il sapore è asciutto, ma morbido, fresco e aromatico. La versione rosata invece (11% vol.) ha un colore rosato tendente al cerasulo, l’odore è delicato, il sapore è asciutto, sapido, armonico e fresco. Il Trebbiano (10,5% vol.) ha un colore giallo paglierino, talvolta con riflessi verdolini, l’odore è tenue e delicato, il sapore è secco o amabile fresco, leggermente acidulo. Il Trebbiano frizzante (10,5% vol.) invece ha spuma fine ed effervescente, il colore è giallo paglierino talvolta con riflessi verdolini, il sapore è secco o amabile e fresco, leggermente acidulo e armonico.

View More Vini di Sardegna
ARBOREA DOP