Melone
Coltivazione BIO

La coltivazione biologica del melone (Cucumis melo L., 1753) è una tecnica più semplice di quanto sembri a condizione che vengano rispettate alcune regole. Per prima cosa devi sapere che ci sono varietà estive e varietà invernali. Le varietà invernali, come il melone giallo e verde (come il purceddu d’Alcamo), devono essere seminate in campo in tempi diversi e a seconda che si debbano consumare fresche o dopo la conservazione. Quindi cambiano anche i tempi di raccolta.

View More Melone
Coltivazione BIO

Cetriolo
Coltivazione BIO

La coltivazione del cetriolo (Cucumis sativus L.) soprattutto negli orti familiari può fornirci buoni raccolti di questo prodotto da consumare fresco o, per alcune varietà, da lavorarlo come sottaceto. È una pianta abbastanza semplice da coltivare, che necessita comunque di frequenti irrigazioni e di un’attenta coltivazione.

View More Cetriolo
Coltivazione BIO

Zucca
Coltivazione BIO

Per sapere come coltivare la zucca in maniera biologica dobbiamo sapere che con il termine zucca si identificano i frutti di diverse piante appartenenti alla famiglia delle Cucurbitaceae, in particolare alcune specie del genere Cucurbita (Cucurbita maxima, Cucurbita pepo e Cucurbita moschata) ma anche specie appartenenti ad altri generi come la Lagenaria vulgaris o la zucca ornamentale.

View More Zucca
Coltivazione BIO

Basilico
Coltivazione BIO

Come coltivare il basilico in modo biologico Il basilico (Ocimum basilicum, L., 1753) è una pianta originaria dell’India ma perfettamente acclimatata nel clima mediterraneo e in Italia. Per una buona coltivazione biologica, invece, scegli attentamente il sito, il tipo di terreno e l’esposizione.

View More Basilico
Coltivazione BIO

‘Ncandarata PAT

Si prendono le estremità del maiale: orecchie, coda, muso, zampe.
Dopo averle accuratamente lavate e depilate, anche con una leggera bruciatura alla fiamma, si dispongono in un vaso di terracotta alternate a strati d sale a grana grossa. Successivamente si pone su di esse un disco di legno dello stesso diametro della bocca del vaso e si pone sullo stesso una pietra che lo tenga adeguatamente compresso. Il tutto viene depositato in un magazzino fresco per una breve stagionatura.

View More ‘Ncandarata PAT

Melanzana

Per la coltivazione della melanzana (Solanum melongena L.) si deve considerare che il terreno deve essere preparato con una lavorazione molto profonda, non argillosa e con dosi di letame maturo da interrare a 5-6 Kg al mq (con disponibilità di polline il quantitativo non deve mai superare il Kg); tuttavia il concime più apprezzato dalle melanzane è il letame di vacca maturo. Non utilizzare mai l’azoto sia per i suoi effetti negativi sulla nutrizione umana sia perché causerebbe un’eccessiva caduta dei fiori.

View More Melanzana

Agretti

Gli agretti (Salsola soda L.) (detti anche riscoperta, barba di frate, barba di Negus) sono una specie di piante appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae; in questa scheda vediamo come coltivare Agretti in maniera biologica. L’agretti è un ortaggio coltivato sin dall’antichità, per molti secoli una delle varietà di punta della cucina italiana ma come tanti altri ortaggi caduti negli ultimi tempi nella “sordina”, per questo non sono di facile reperibilità.

View More Agretti

Topinambur

Il topinambur, chiamato anche rapa tedesca, topinambur o girasole canadese (Helianthus tuberosus L., 1753), è una pianta coltivata come ortaggio, appartenente alla grande famiglia (tassonomia) delle Asteraceae e al genere helianthus, con un infiorescenza fiorita. È un ortaggio che nasce spontaneamente in varie arie e lungo i fiumi, poco conosciuto ma di facile coltivazione e la cui parte edibile è il tubero.

View More Topinambur