Caruselle sott’aceto PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Infiorescenze di finocchio selvatico sott’aceto, Caruselle allu citu, Finucchiu riestu

Caroselle, o caruselle, un prodotto tipico anch’esso della cucina del sud e del Salento nello specifico, con un nome che deve tutto al fatto che la parte edibile sia soprattutto la giovane infiorescenza della pianta, che si raccoglie soprattutto verso la fine dell’estate. Una pianta tenace, irruenta, che vegeta tra le crepe dell’asfalto, ai cigli delle strade, intrisa di aria salmastra e vicina al mare. La differenza evidente con le piante simili e coltivate, sta soprattutto nelle dimensioni del grumolo, di semi e infiorescenze: la pianta è infatti costituita da germogli su cui sono inserite le foglie, a guaina e base larga, che circondano il fusto.

La carusella, quindi, altro non è che la parte dei germogli giovani appena raccolti (caruso/a, in dialetto salentino, significa proprio ragazzino/a), che se molto teneri vengono consumati anche lessi, o usati soprattutto per insaporire un brodo di carne. Le caruselle possono arricchire una gustosa insalata, possono essere usate come contorno al lesso, farcire pizze e focacce, bruschette e panini. Oltre al gusto unico e fresco, le caroselle sono ricche di proprietà benefiche, digestive e curative. Il finocchio è noto infatti per l’efficacia nell’attività diuretica, antidolorifica e antispasmodica, oltre a rivelarsi degli attimi alleati per le donne nel delicato passaggio alla menopausa.

RICETTA

  • Infiorescenze di finocchetto selvatico
  • aceto
  • sale grosso
  • acqua

Procedimento

Raccogliete le infiorescenze, lavatele con cura e ponetele ad asciugare leggermente su teli di lino. Dopo qualche ora potete inserirle negli appositi vasetti di vetro, lavati e sterilizzati, e copritele con aceto leggermente salato. Un altro procedimento fa sì che le caruselle possano essere anche ricoperte con sale grosso in una coppa, dove vengono lasciate a macerare per qualche giorno. Poi si risciacquano e vengono coperte di aceto nei vasetti.

Territorio

Lecce

Fonte @puglia.com

Zuppa di pesce alla gallipolitana PAT

Questa zuppa, viene considerata la diretta discendente della cosiddetta “zuppa bruna”,  l’antico brodetto degli antichi greci, che ovviamente, negli ultimi secoli, si è arricchita del pomodoro. Ciò che più la contraddistingue e la rende originale è quella spruzzatina d’aceto finale, che ha il compito di rinfrescarne il gusto ed esaltarne il sapore;  proprio questo è…

Continua a leggere

Sfricone PAT

Lo sfricone, è uno di quei piatti dal sapore deciso e inconfondibile, tipico della Puglia, ma di sicuro tipico di Bisceglie. si fa con gli sponsali, che sono cipolle raccolte prima che diventino quelle che tutti siamo abituati a consumare.

Continua a leggere

Pezzetti te cavaddhru PAT

Ma da dove nasce la ricetta salentina dei pezzetti di cavallo al sugo? Questo piatto delizioso nasce dalla forte influenza dell’etnia gitana in Salento. Sin da Medioevo, infatti, popolazioni balcaniche giungevano copiose sulla costa salentina, portando con sé le loro usanze e tradizioni, anche gastronomiche. I rom, infatti, essendo una popolazione nomade, facevano grande uso…

Continua a leggere

Liquore di mirto PAT

Il liquore di mirto, grazie alla cospicua presenza di quest’essenza, è uno dei più rappresentativi della tradizione liquoristica salentina. Originariamente era maggiormente in auge un liquore ottenuto dall’infuso di foglie di mirto, in pratica una soluzione idroalcolica a base di foglie di mirto. Da diversi decenni, complice qualche contaminazione culturale, si è man mano consolidato…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *