Caciotta di Capra dei Monti Lattari PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Campania

I Monti Lattari costituiscono la dorsale della Penisola Sorrentina, divisa tra la Provincia di Napoli e quella di Salerno. Furono definiti già dagli antichi romani: Montes Lactarii, cioè ricchi di latte, per via delle numerose capre di razza detta “napoletana”, produttrici di un ottimo latte, allevate in questa zona.

Caciotta di Capra

Ancora oggi le capre napoletane, seppure in via di estinzione, pascolano in stato semibrado per i monti Lattari cibandosi di cereali, producendo un latte pregiatissimo, con il quale si confeziona la caciotta ‘e zi’ Maria, o caciotta di capra dei Monti Lattari, un formaggio prodotto da generazioni nel piccolo comune di Pimonte.

È una caciotta fresca o brevemente stagionata, non eccessivamente profumata, caratterizzata da un sapore delicatissimo e tendenzialmente dolce, ideale come ripieno per la pasta fresca e come accompagnamento a salumi o verdure.

Prodotta in varie pezzature, dai 400 g. fino al kilo, in forme che ricordano un tronco di cono o un doppio tronco di cono, oltre che per il suo gusto tipico, fresco e naturale, è apprezzata per la sua particolare leggerezza e il suo basso contenuto calorico. è, dunque, un formaggio che riesce a coniugare il gusto dei sapori antichi con le moderne tendenze della scienza dell’alimentazione che consiglia il consumo di cibi a basso contenuto di calorie e grassi.

Soppressata del Vallo di Diano PAT

All’atto dell’immissione al consumo la Soppressata del Vallo di Diano si presenta di forma riferibile a quella cilindrica, leggermente schiacciata in senso verticale. Ciascuna soppressata è legata in senso verticale ed eventualmente anche orizzontale, con la conseguente formazione tendenziale di 2 o 4 lobi; la sua lunghezza varia da un minimo di 10 ad un…

Leggi di +

Coniglio di Fosso dell’Isola d’Ischia PAT

Il coniglio è il tipico piatto domenicale della tradizione ischitana, tradizionale fin dal suo allevamento, quello del cosiddetto “coniglio di fosso”, documentarie e bibliografiche tramandano che già dal principio del XVIII secolo i contadini scavavano fosse di circa 2 metri di profondità, all’interno delle quali venivano allevati i conigli che, a loro volta, scavavano all’interno…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.