Burro Artigianale PAT Campania

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Campania

Ha forma variabile, anche se è solitamente cilindrico o parallelepipedo e si trova in commercio in varie pezzature, per lo più da 125 grammi, 250 grammi o al massimo da 500 grammi. Ha un colore bianco paglierino tendente al giallo avorio. A temperatura di refrigerazione ha consistenza abbastanza soda. Ha un profumo tenue che ricorda il latte appena riscaldato con retrogusto di panna cotta

Osservazioni sulla tradizionalità

Il burro artigianale è sempre stato prodotto nei caseifici artigianali a partire dal grasso del liquido di filatura e dal siero non utilizzato per produrre la ricotta. Raramente veniva prodotto dalla crema ottenuta per centrifugazione del latte. Infatti pochi caseifici erano dotati di macchine scrematrici pertanto il liquido di filatura veniva bollito alla fine della lavorazione e poi il giorno dopo il grasso veniva scremato per affioramento , messo in bidone in frigorifero e poi raggiunta l’acidità giusta si provvedeva alla burrificazione e poi al confezionamento.

Territorio di Produzione

Provincia di Salerno

Triglia rossa di Licosa PAT

Viene pescata nello specchio d’acqua tra Ogliastro Marina e Punta Licosa, nell’Area Marina Protetta di Santa Maria di Castellabate, in un fondale ricco di Posidonia oceanica ad una profondità massima di circa 80 metri. Il Cilento ha, fra le sue caratteristiche particolari, la presenza del Flysch, comune a Sardegna e Corsica, originato da detriti…

Continua a leggere

Tarantiello PAT

le ventresche appena pescate (pancette) di tonni di grandi dimensioni venivano poste intere sotto sale, fino ad assumere una consistenza compatta ed un colore rosso anche molto scuro; quindi venivano conservate in tini di legno immerse in salamoia satura. prima dell’utilizzo venivano liberate dal sale in eccesso, con modalità simili a quelle adoperate per…

Continua a leggere

Stocco PAT

Lo stoccafisso è stato lavorato con la particolare “tecnica napoletana” fin dal 1600 nelle grotte tufacee del territorio campano, le cui caratteristiche permettevano naturalmente di mantenere per molti giorni costante la temperatura e l’umidità al fine di ottenere la giusta reidratazione rendendo l’aspetto del prodotto simile a quello fresco.
Lo stocco o stoccafisso è un…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.