Bomba di riso PAT Emilia Romagna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale dell’ Emilia Romagna

bomba’d ris.

Gli ingredienti principali sono: riso, piccioni e formaggio. E’ un prodotto artigianale che deve essere venduto fresco. La bomba di riso consta di un involucro di riso cotto in forma di pasticcio rosolato e dorato a fuoco lento. All’interno racchiude pezzi di piccione, in precedenza cotto con burro e spezie.

Tradizionalità

Elisabetta Farnese, Regina di Spagna (moglie di Filippo V) ne era particolarmente ghiotta. Pertanto, il suo primo Ministro, Cardinale Giulio Alberoni, di origine piacentina non mancava di proporre la presenza della “Bomba di riso” sulla tavola reale unitamente ai salumi e ai formaggi piacentini. Questa è una antica specialità piacentina che veniva preparata in occasione della festa della Madonna del 15 agosto. L’usanza antica era di cuocere i piccioni interi e disossarli quando venivano messi nella bomba di riso. Nell’ottocento il poeta piacentino Valente Faustini (1858-1922) dedicò a questo gustoso prodotto una poesia in dialetto piacentino.

Referenze bibliografiche:

  • Rapetti A., La scure, del 20 novembre 1938
  • Come si cucina nel piacentino – Til.Le.Co, Piacenza 1967, pag. 18-19
  • Morini M., Piacenza città che piace – E.P.T., 1962 pag. 38
  • Gosetti della Salda, “Le ricette regionali italiane” – Solares, 1967 pag. 442
  • La cucina piacentina ricettario – Til.Le.Co, 1969, pag. 18
  • Santi A., Nuova guida di Piacenza, TEP, Piacenza 1974

Territorio interessato alla produzione

Provincia di Piacenza.

Bel e cot PAT Emilia Romagna

Carne muscolosa di maiale, tutta la golela, testa disossata e senza orecchie, cotenna. Le carni vengono condite con sale grosso, pepe, chiodi di garofano, cannella, noce moscata e zucchero. Queste sono le fasi di lavorazione: si prende la golela, la testa disossata e priva delle orecchie di un suino e la cotenna (dal 30 al…

Continua a leggere

Pane dolce con i fichi PAT Emilia Romagna

Farina bianca, fichi e lievito naturale. Mettere a bagno in acqua calda almeno 3 ore prima se si usano i fichi secchi, scolarli e tagliarli a metà. Amalgamare la farina, il lievito, il sale e l’acqua come per l’impasto del pane; lasciare riposare e lievitare, quindi rompere l’impasto, amalgamare nuovamente, dare la forma di focaccia…

Continua a leggere

Zabaione o zabaglione PAT Emilia Romagna

Lo zabaione è una preparazione che vanta parecchi secoli di storia sul quale vi sono fonti discordanti riguardo alle sue origini ed al suo nome. Una di queste tradizioni racconta che sia stato “inventato” nel 1500 vicino a Reggio Emilia per una casualità. Si narra che il capitano di ventura Emiliano Giovanni Baglioni arrivò alle…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *