Boccione maggiore PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Cicoria amara, amarago, amarone, grugno, lattugaccio, scorzanera trifoliata, lattajolo, ingrassaporci, bell’ommo. “Cequaire all’ammérse”, “cicuredde âmmerse”, “cicuròni”.

Il Boccione maggiore, nome scientifico Urospermum dalechampii, è una pianta perenne della famiglia delle Asteraceae originaria del bacino mediterraneo, diffusa da l livello del mare fino a quota di 1200 metri, lungo i bordi delle strade urbane, i sentieri di campagna, nei terreni aridi e incolti di quasi tutte le regioni d’Italia

Il boccione maggiore è una pianta erbacea perenne con radice fittonante fascicolata lunga circa 10 cm e difficile da estirpare. La parte aerea è un piccolo cespuglio verde alto dai 20 ai 40 cm e composto da un fusto o caule semplice, talvolta con ramificazioni basali e ricoperto da foglie di colore verde intenso.

Le foglie si distinguono in basali inferiori e cauline superiori. Quelle basali, lunghe circa 6 cm, sono pennatosette, roncinato-lirate e picciolate, mentre quelle cauline superiori sono opposte, lanceolate, verticillate a tre e più corte. I fiori sono grandi capolini portati da peduncoli fistolosi e sorretti da un calice squamoso verde. I petali esterni sono ligule dentate lunghe 20 mm di colore giallo solforino; quelli interni sono più corti e screziati di rosso nella parte centrale esterna. I frutti sono acheni lunghi e rostrati con in cima un pappo piumoso e scuro disposto in 2 serie. I semi sono molto leggeri e vengono dispersi dal vento anche a chilometri di distanza dal luogo di produzione.

Le piante di Boccione poichè attirano le coccinelle ed altri insetti entomofagi vengono coltivate per proteggere le colture ortive dagli attacchi dei parassiti. Le foglie più tenere vengono utilizzate cotte come gli spinaci oppure miste ad altre piante spontanee commestibili come cicoria selvatica, crespigno e tarassaco nella preparazione di minestroni e come ripieno di torte rustiche.

TRADIZIONALITÀ

Un proverbio di Manduria (TA) così recita: “Cu li caroti, li erzi, li pasuli e tanti otri verduri, ntra lu minestroni già misu puru nu cicuroni” (“Con le carote, le verze, i fagioli e altre verdure, nel minestrone ho messo anche il boccione”). Nel libro “Erbe mangerecce”, Angiolo Del Lungo (1935) riporta il boccione.

Vito V. Bianco, nel 1989, ha pubblicato “Specie erbacee della flora infestante pugliese utilizzabili come ortaggi e piante da condimento” (Accademia pugliese delle scienze, 46 (2), 11-27).

Nel quadriportico del Monastero di S. Maria della Consolazione di Martano (LE), dove ha sede una comunità monastica rimasta fedele al programma di vita tracciato da San Benedetto nella sua regola (“ora et labora”), è ospitata una mostra di erbe medicinali raccolte in situ a cura di Fra Domenico Palombi.

Il mensile Realtà Nuove (1995) di Mola di Bari ha pubblicato la guida al riconoscimento e ricette delle piante spontanee “I fogghie de fore”.

Territorio

Intera regione Puglia

Pisello nano di Zollino PAT

Con il termine di “Pisello Nano di Zollino” viene identificato un particolare ecotipo locale di pisello (Pisum sativum L.), coltivato da tempo inestimabile su territorio zollinese, che nel corso del tempo ha raggiunto un armonico equilibrio con le particolari condizioni climatiche e pedologiche di questo comune salentino. E’ proprio il raggiungimento di questo equilibrio, che ha…

Continua a leggere

Ambrosia di limone PAT

L’ambrosia di limone è un liquore antichissimo, tipico della tradizione pugliese, è infatti un prodotto tipico di Rodi Garganico un comune della provincia di Foggia. L’ambrosia di limone più nello specifico è ,un liquore dall’aroma intenso e dal colore giallo paglierino che si ottiene dal limone tipico della zona, il cosiddetto “limone Femminello del Gargano”. La scorza di questo tipico limone è ricca di oli…

Continua a leggere

Cervellata PAT

Lunga o corta, ha sempre un sapore unico la Cervellata, salsiccia di bovino e suino, la cui preparazione è un rituale che da secoli si ripete nelle macellerie di Toritto. Le parti più umide delle carni vengono sgrassate, macinate separatamente nel tritacarne e poi miscelate in opportune proporzioni, con l’aggiunta di basilico fresco, aglio, pepe e sale. Prima…

Continua a leggere

Carota di Polignano a mare PAT

In località San Vito, a Polignano a Mare, in provincia di Bari, nelle vicinanze dell’Abbazia, si coltivano circa cinque ettari di tale carota di colore giallo, viola, rosso e arancione. La coltivazione è seguita da pochi agricoltori (sei o sette), alcuni dei quali sono in pensione. La carota di Polignano sta suscitando un grande interesse…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.