Angelica, Arcangelica

NOME COMUNE: Angelica

NOME SCIENTIFICO: Angelica archangelica L.

FAMIGLIA: Ombrellifere

NOMI POPOLARI: Erba degli angeli, Arcangelica ed Angelica di Boemia

NOMI STRANIERI:

  • (Eng) Angelica
  • (Fra) Angélique officinale
  • (Ger) Engelwurz
  • (Esp) Angélica

DESCRIZIONE E STORIA

DESCRIZIONE BOTANICA

  • Portamento: pianta perenne dal fusto ramificato, striato, robusto e glabro. Alta fino a 1,5m.
  • Foglie: verdi, con la pagina fogliare inferiore più chiara. Ovate e con margine dentato.
  • Fiori: bianchi, gialli o verdastri divisi in ombrelle.

ETIMOLOGIA DEL NOME/STORIA E TRADIZIONI: Largamente usata in passato nella medicina popolare. Molto apprezzata per le sue proprietà tanto da esserle attribuito il nome di “Erba degli angeli” e successivamente “Angelica”. Si narra che l’arcangelo Raffaele sia apparso nei sogni si un uomo, il cui paese era afflitto dalla peste, e abbia rivelato le proprietà di questa pianta. L’uomo seguì le indicazioni dell’arcangelo e la popolazione riuscì così a superare la malattia. Da quel momento in poi l’Angelica fu utilizzata per la cura di malattie infettive, per purificare il sangue e per altri svariati disturbi.

NOTE: Nell’uso culinario, le quantità utilizzate sono prive di rischio.

DOVE SI TROVA

HABITAT: Pianta originaria dal Nord Europa e dall’Asia. Maggiormente diffusa nell’Europa nord-orientale mentre in Italia è abbastanza rara. Si può trovare in luoghi umidi, in prossimità dei ruscelli, in montagna ad alta quota.

TEMPO E MODALITA’ DI RACCOLTA O COLTIVAZIONE: Il seme deve essere seminato appena raggiunge la giusta maturazione, in un terreno umido e in profondità appena comincia l’autunno. All’autunno seguente si trapianta l’intera pianta oppure i germogli di piante di almeno 2 anni di età. Si semina ad intervalli di 60cm l’uno dall’altro. La radice si raccoglie nel primo autunno. I frutti possono essere raccolti dalle ombrelle in estate. Il fusto viene raccolto in estate inoltrata mentre le foglie possono essere raccolte a fine primavera.

UTILIZZO

PARTE UTILIZZATA: radice, frutti e sommità

COME SI USA IN CUCINA: Molto usata nel dolciario, in particolare per la produzione di aperitivi e liquori. Una preparazione particolare è il fusto candito: si tagliano i fusti in pezzettini da 3cm e si cucinano in acqua e zucchero fino a che non si ammorbidiscono. Poi subiscono una seconda caramellizzazione con 500g di zucchero e 250ml di acqua per circa un’oretta. Successivamente si filtra, si fa seccare e si cosparge il tutto con lo zucchero a velo. Conservare in un vaso di vetro con chiusura ermetica.

Agnocasto

Vitex deriva da Vitilium che significa intreccio, in quanto in passato i rami venivano utilizzati per costruire palizzate, intrecciandoli. Agnus e castus hanno il significato di puro, casto e fanno riferimento al fatto che tradizionalmente alla pianta sono attribuite proprietà anafrodisiache, diminuenti la libido. Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia scrive che veniva messo…

Leggi di +

Catiorà, Stachys recta

Portamento: pianta erbacea, con fusto quadrangolare e sottile. Nella sommità si trovano delle sottili spighe caratterizzate da calici ispidi che contengono piccoli frutti neri. Può raggiungere i 40 cm di altezza. Foglie: ovali, opposte di colore verde, caratterizzate da piccoli peli e venature. Fiori: la fioritura delle spighe di colore bianco-giallo con fiori aperti come…

Leggi di +

Cardiaca

Le prime indicazioni terapeutiche e descrizioni di questa pianta risalgono al 1600. Era considerata un ottimo rimedio in caso di crisi epilettiche. NOTE: In passato veniva usata in caso di crisi epilettiche. Molti moderni ricercatori hanno confermato questa proprietà, ma sottolineano il fatto che preparazioni a basso contenuto di alcol manifestano un’attività blanda. L’infuso manifesta…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.