Alici o acciughe marinate PAT pugliese

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Le “acciughe marinate” anche conosciute come “alici marinate” sono un piatto tipico Pugliese diffuso in diverse zone di mare lungo tutta la penisola.

Caratteristiche

Il protagonista assoluto di questo piatto sono ovviamente le acciughe (o alici), un pesce azzurro ricco di sostanze nutritive utili per l’organismo. L’alice è:

  • un pesciolino di 10-15 centimetri di lunghezza;
  • caratterizzato da un profumo delicato;
  • carni sode.

Si riconoscono per la loro particolare colorazione: argentea sui fianchi; bianca sul ventre; verdazzurra sulla schiena. I suoi valori nutrizionali sono molto interessanti e la sua versatilità in cucina la rende protagonista di diverse preparazioni e ricette. Per 100 gr di prodotto edibile contiene ben 16,6 grammi di proteine, apportando solo 96 calorie e soli 2,9 grammi di grassi. Il grasso delle acciughe, inoltre, fa parte degli omega3, considerati lipidi buoni, che contribuiscono a tenere pulite le arterie dal colesterolo. È, quindi, un pesce adatto anche ad essere consumato in un regime di dieta.

Origini

L’alice è un piccolo pesce, che fa parte della famiglia delle Engraulidae. È tipica del Mare Adriatico ed è uno dei più importanti prodotti ittici italiani. Si muove in branco e, solitamente, si tratta di gruppi molto numerosi. È un pesce diurno le ore migliori per pescare le alici, infatti, sono quelle tra la mattina inoltrata e il primo pomeriggio. La pesca delle alici viene fatta tramite le reti, imprigionando i branchi che si spostano per cercare cibo. Le alici si riproducono tra Aprile e Novembre e ogni femmina può produrre fino a 35.000-40.000 uova.

Ingredienti

  • acciughe 500 g;
  • aceto q.b;
  • sale 20 g, circa un cucchiaio;
  • prezzemolo;
  • peperoncini tritati;
  • succo di limone;
  • olio extravergine di oliva.

Preparazione Pulizia e abbattimento

Per cominciare le alici vanno “pulite” ovvero sviscerate e spinate con cura. Successivamente vanno lavate sotto l’acqua. Dopo la pulizia è necessaria l’operazione di abbattimento. Riponete le alici pulite in congelatore a -18° per una giornata per essere sicuri dell’eliminazione di eventuali parassiti presenti nel pesce (questa operazione è indispensabile per consumare qualsiasi tipo di pesce crudo).

Marinatura

Immergete le acciughe in un composto di sale e aceto e le lasciatele a bagno per circa un ora emmezza, il processo di marinatura sarà completo quando le alici saranno sbiancate. Quando avranno assunto un colore biancastro potrete finalmente scolare le vostre aggiughe e servirle a tavola.

Degustazione: Stendete le acciughe su un ampio vassoio e conditele con succo di limoneolio evoprezzemolo e peperoncini tritati.  Le ricette tradizionali delle acciughe marinate solitamente non comprendono i peperoncini tritati come condimento, tuttavia il nostro suggerimento è di provare questo fantastico abbinamento, assicuriamo che non ve ne pentirete.

Si servono come:

  • antipasto, nell’ambito di un pasto a base di pesce;
  • come secondo, accompagnate da una buona frittura o da un contorno fresco di verdura cruda.

Conservazione 

Mettete le acciughe in un barattolo di vetro, immerse in olio extravergine di oliva e riponetele in frigorifero. Le acciughe marinate possono essere conservate in frigo per circa una settimana.  In alternativa potete “congelarle” su un vassoio per poi trasferirle in un sacchetto. In questo modo potrete conservarle un po’ più a lungo, anche se l’ideale è consumare le alici fresche per non perdere gusto e sapore.

FONTE @intavoliamo.it

Ambrosia di limone PAT

L’ambrosia di limone è un liquore antichissimo, tipico della tradizione pugliese, è infatti un prodotto tipico di Rodi Garganico un comune della provincia di Foggia. L’ambrosia di limone più nello specifico è ,un liquore dall’aroma intenso e dal colore giallo paglierino che si ottiene dal limone tipico della zona, il cosiddetto “limone Femminello del Gargano”. La scorza di questo tipico limone è ricca di oli…

Leggi di +

Carne di capra PAT

È una saporita tipicità della tradizione gastronomica del Gargano, tanto che alla carne di capra in acqua e sale Rignano Garganico dedica anche una gustosa sagra nella stagione estiva. In questo periodo la carne di capra infatti è particolarmente saporita, per ragioni biologiche e per l’alimentazione costituita dal timo garganico e da altre erbe selvatiche.

Leggi di +

Carne podolica PAT

La Carne podolica della Murgia e del Gargano è pregiata per le sue caratteristiche organolettiche, tanto da fregiarsi del marchio di origine controllata 5R, al pari degli altri quattro tipi genetici: Chianina, Marchigiana, Maremmana e Romagnola. La carne è ottenuta da bovini liberi di muoversi su ampie superfici da pascolo e risulta qualitativamente superiore per sapore e consistenza rispetto a quella dei…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.