Agricoltura verticale: I 5 motivi per cui migliora gli aspetti nutrizionali degli alimenti prodotti

L’agricoltura verticale ha preso d’assalto le città, consentendo agli abitanti delle città di coltivare prodotti all’interno delle proprie case e agli imprenditori di soddisfare la crescente domanda di quantità più fresche e più elevate di prodotti coltivati ​​localmente. Si sente spesso parlare di fattorie verticali che utilizzano l’acqua in modo sostenibile, il 95% in meno rispetto alla tradizionale raccolta in campo aperto, per fornire raccolti dal sapore superiore.

Ma in che modo questa tecnica di coltivazione fuori suolo influisce sulla salute umana?

1: Raccolta su richiesta al massimo della freschezza

Con il potere di coltivare verticalmente all’interno della propria casa, i consumatori possono ora raccogliere i loro raccolti solo pochi istanti prima del consumo, ottenendo un valore nutrizionale più elevato, verdure dal sapore migliore e uno spreco alimentare significativamente inferiore.

La chiave qui è la freschezza dei raccolti. Il prodotto non deve più percorrere miglia e miglia attraverso paesi o stati per arrivare al tavolo della tua cucina. Questo tempo risparmiato in viaggio è anche valore nutritivo preservato nelle colture. Un altro vantaggio è che non sono necessari conservanti artificiali, come i rivestimenti in cera, per mantenere i prodotti pronti per il consumatore.

2: Crescere in condizioni perfette

Le fattorie verticali generalmente utilizzano l’idroponica o l’aeroponica per far crescere le loro piante in acqua arricchita di sostanze nutritive che può essere attentamente monitorata tramite sensori digitali. Questo grado di controllo sull’apporto di nutrienti alle piante significa che le strategie di fertilizzazione sono progettate per soddisfare le esigenze delle piante per tutti i 14 nutrienti essenziali per le piante durante il periodo di crescita.

I meccanismi di controllo vengono anche utilizzati per bilanciare la temperatura, l’umidità e i livelli di anidride carbonica nella struttura di coltivazione e fornire la combinazione ottimale di questi fattori per la specifica coltura o le colture da coltivare. Poiché le condizioni climatiche non giocano alcun ruolo nel successo del raccolto, i coltivatori hanno una produzione affidabile per tutto l’anno di maggiore quantità e della massima qualità.

3: Adattare lo sviluppo delle varietà genetiche

Progettando semi specificamente per le fattorie verticali indoor – “interamente attraverso l’analisi, non l’editing genetico o gli OGM” – si riesce ad amplificare la resa, l’aspetto, la nutrizione e il sapore delle colture. Il loro sistema di progettazione dei semi adotta un approccio basato sui dati per fornire qualsiasi tipo di varietà genetica, su misura per le esigenze di ciascun cliente.

I semi di oggi vengono ancora allevati per resistere a malattie e parassiti, progettati per lunghi periodi di conservazione e trasporto che non sono così rilevanti per le operazioni di coltivazione verticale indoor. Ciò si traduce in compromessi genetici che riducono il valore nutrizionale. Con questo tipo di coltura possiamo rimuovere queste limitazioni imposte dai semi tradizionali fornendo semi densi di nutrienti ai coltivatori.

4: Coltivazione di alimenti adattati alle esigenze dietetiche

Accanto a cibi freschi e saporiti, c’è stata una crescente domanda e bisogno di alimenti adattati a specifiche esigenze dietetiche.

Prime Delica, ad esempio, ha condotto una ricerca con la Tamagawa University, CCS e Signify per determinare la ricetta leggera ottimale per aumentare i livelli di vitamine e il valore nutritivo della lattuga. La dott.ssa Céline Nicole del team Philips Lighting Research ha studiato in modo simile gli effetti dell’integrale della luce quotidiana (DLI) e della qualità della luce sui livelli di nitrati di rucola e spinaci, insieme ai livelli di vitamina C di rucola e pomodori.

Attraverso l’agricoltura verticale, il Korea Institute of Science and Technology (KIST) ha anche prodotto con successo cavoli a basso contenuto di potassio con un maggiore contenuto di glucosinolati come nuova opzione dietetica per i pazienti con disfunzione renale.

La coltivazione di alimenti con esigenze dietetiche adattate potrebbe quindi fare un’enorme differenza nel garantire un maggiore controllo sulla nostra dieta e permetterci di progettare alternative alimentari come medicine ai prodotti convenzionali.

5: Sicurezza alimentare

Utilizzando ambienti di coltivazione controllati, le fattorie verticali sono intrinsecamente prive di pesticidi nocivi. Grazie all’implementazione dei controlli biologici, non è necessario contaminare le colture con sostanze chimiche potenzialmente tossiche.

Secondo la CEA Food Safety Coalition, “i tradizionali profili di rischio per la sicurezza alimentare associati all’agricoltura convenzionale includono l’esame dei pericoli fisici e microbici dall’uso di acqua, erbicidi e pesticidi e dall’impatto di animali e sottoprodotti di origine animale. Questi non hanno alcun impatto sui coltivatori CEA allo stesso modo, se non del tutto”. Anche se il rischio di contaminazione non è zero all’interno delle strutture CEA (come visto in questa recente notizia), i prodotti coltivati CEA hanno un rischio ridotto di tali eventi.

Rispetto alle tradizionali colture in campo, troviamo che l’EPA regola i pesticidi individualmente e non collettivamente, il che significa che i pesticidi possono avere un effetto cumulativo di carico tossico sulla salute umana.

Gli studi hanno dimostrato che i pesticidi colpiscono maggiormente i lavoratori agricoli e gli applicatori di pesticidi con sintomi come nausea, crampi addominali, diarrea, vertigini, ansia e confusione. Questo lungo elenco di effetti collaterali ci dice che i pesticidi non devono essere presi alla leggera. Di conseguenza, è meglio evitarli a tutti i costi. Fortunatamente, le fattorie verticali ci aiutano a fare proprio questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.