Africana arte

L’arte africana è un vasto e variegato patrimonio culturale che comprende una gamma diversificata di espressioni artistiche, riflettendo la ricca e complessa storia del continente africano. Si manifesta in molte forme, tra cui sculture, maschere, tessuti, ceramiche, pitture murali, gioielli e molto altro. Questi oggetti non sono solo opere d’arte, ma spesso hanno significati rituali, sociali e funzionali.

Caratteristiche Generali dell’Arte Africana
  • Funzione e Significato:
    • Rituale e Religioso: Molti oggetti d’arte africana sono stati creati per usi rituali o religiosi, come le maschere utilizzate nelle cerimonie di iniziazione, nei rituali funebri, o nelle celebrazioni comunitarie.
    • Commemorativo: Alcuni artefatti, come le statue e i rilievi, vengono utilizzati per commemorare antenati, leader o eventi importanti.
  • Materiali e Tecniche:
    • Gli artisti africani utilizzano una vasta gamma di materiali disponibili localmente, tra cui legno, avorio, metalli (bronzo, oro, ferro), argilla e fibre vegetali.
    • Le tecniche includono l’intaglio, la fusione del metallo, la tessitura, la pittura e la modellazione della ceramica.
  • Stile e Estetica:
    • L’arte africana è caratterizzata da una varietà di stili che variano notevolmente da una regione all’altra. Tuttavia, spesso si possono notare alcune caratteristiche comuni come l’astrazione, la stilizzazione delle forme, la simmetria e l’uso di colori vivaci.
    • La rappresentazione umana è spesso stilizzata e simbolica, con enfasi su certe parti del corpo che hanno un significato culturale particolare.

Principali Tradizioni e Regioni Artistiche

Africa Occidentale

Scultura in Legno: I popoli Yoruba, Igbo e Dogon sono noti per le loro complesse sculture in legno, utilizzate spesso in contesti religiosi e cerimoniali. Bronzi di Benin: I regni di Ife e Benin sono famosi per le loro teste e figure in bronzo, che dimostrano un alto livello di maestria tecnica e artistica.

Africa Centrale

Maschere e Statue: Le maschere dei Fang, dei Kongo e dei Luba sono celebri per la loro bellezza e il loro potere spirituale. Queste maschere sono spesso usate in rituali per comunicare con gli spiriti. Arte Luba: Conosciuta per le sue figure di antenati e oggetti rituali, l’arte Luba enfatizza la bellezza e la dignità umana.

Africa Orientale

Arte Swahili: Influenzata dalle culture araba, persiana e indiana, l’arte Swahili si manifesta in architettura elaborata, gioielli e oggetti di uso quotidiano decorati. Scultura Makonde: La scultura in ebano dei Makonde della Tanzania è rinomata per le sue intricate rappresentazioni di figure umane e animali.

Africa Meridionale

Pittura Rupestre San: I San (Boscimani) sono noti per le loro antiche pitture rupestri, che raffigurano scene di caccia e rituali. Arte Zulu: Include una varietà di oggetti decorati come perline, ceramiche e sculture in legno.

Impatto Globale L’arte africana ha avuto un’influenza significativa sull’arte moderna e contemporanea. Artisti europei del XX secolo, come Pablo Picasso e Henri Matisse, furono ispirati dalle forme e dai concetti dell’arte africana.

L’influenza dell’arte africana sull’arte occidentale, in particolare a partire dal XX secolo, è stata profonda e rivoluzionaria. Molti artisti occidentali hanno trovato nell’arte africana nuove fonti di ispirazione che hanno contribuito a ridefinire i concetti estetici e stilistici delle loro opere. Questa influenza si è manifestata in vari movimenti artistici e ha contribuito a un cambiamento significativo nelle percezioni artistiche occidentali.

L’interesse per l’arte africana in Europa iniziò a crescere verso la fine del XIX secolo, in concomitanza con l’espansione coloniale europea in Africa. Gli artisti occidentali cominciarono a vedere le sculture, le maschere e altri manufatti africani nelle collezioni etnografiche dei musei e nelle esposizioni internazionali.

    Movimenti e Artisti Influenzati
    • Cubismo:
      • Pablo Picasso: Forse l’esempio più celebre di un artista influenzato dall’arte africana. Picasso fu profondamente colpito dalle maschere e dalle sculture africane che vide a Parigi. Questa influenza è evidente in opere come “Les Demoiselles d’Avignon” (1907), dove le figure presentano caratteristiche stilizzate e geometriche che richiamano le maschere africane.
      • Georges Braque: Collaboratore di Picasso e co-fondatore del cubismo, Braque fu anch’egli influenzato dalle forme stilizzate e dai motivi astratti dell’arte africana.
    • Espressionismo:
      • Amedeo Modigliani: Le sculture e i dipinti di Modigliani mostrano un’evidente ispirazione dall’arte africana, soprattutto nelle sue teste allungate e nelle maschere scolpite che richiamano la stilizzazione e la semplicità delle forme africane.
      • Die Brücke: Il gruppo espressionista tedesco Die Brücke trovò nell’arte africana una fonte di ispirazione per rompere con le tradizioni accademiche europee e per esplorare nuove forme di espressione emotiva.
    • Surrealismo e Primitivismo:
      • André Breton: Fondatore del surrealismo, Breton e altri surrealisti erano affascinati dall’arte africana per la sua apparente spontaneità e per l’esplorazione dell’inconscio e del primitivo.
      • Paul Gauguin: Sebbene più noto per la sua ispirazione dalla Polinesia, Gauguin fu anche influenzato dalle arti non occidentali, compresa quella africana, nel suo tentativo di ritrovare un’arte più “pura” e primitiva.
    Astrazione e Stilizzazione

    Gli artisti occidentali furono attratti dall’uso dell’astrazione e della stilizzazione nell’arte africana, che contrastava con il realismo e il naturalismo della tradizione artistica europea. Questa influenza contribuì a un maggiore interesse per le forme geometriche e astratte. L’arte africana spesso enfatizza l’espressività e il simbolismo piuttosto che la rappresentazione accurata della realtà. Questo approccio influenzò gli artisti occidentali a esplorare nuovi modi di esprimere emozioni e idee attraverso simboli e forme stilizzate. L’uso di materiali come il legno, l’avorio e i metalli nell’arte africana, nonché le tecniche di intaglio e fusione, ispirarono gli artisti occidentali a sperimentare con nuovi materiali e metodi.

    L’arte africana ha avuto un impatto significativo e duraturo sull’arte occidentale, rompendo le convenzioni tradizionali e aprendo nuove strade per l’espressione artistica. Questa interazione ha arricchito entrambe le tradizioni, dimostrando il potere del dialogo interculturale nell’evoluzione dell’arte globale.

    Conservazione e Studio Molti musei e istituzioni in tutto il mondo ospitano collezioni di arte africana, contribuendo a preservare e studiare questo ricco patrimonio. Le mostre e le pubblicazioni accademiche hanno aumentato la comprensione e l’apprezzamento dell’arte africana.

    L’arte africana è una testimonianza della creatività e della diversità culturale del continente africano. Attraverso le sue varie forme e stili, essa racconta storie, celebra identità, e conserva tradizioni. L’influenza dell’arte africana continua a essere sentita in tutto il mondo, evidenziando l’importanza di rispettare e valorizzare questo patrimonio culturale unico.

    Itinerari culturali
    La civiltà Mesopotamica ed Egiziana

    Coi Sumeri si sviluppa una grande architettura religiosa, I cui templi assumono la caratteristica struttura a terrazza nota come ziqqurat, sorta di montagna sacra artificiale destinata a collegare il Cielo con la Terra mediante le sue sette terrazze successive dai diversi colori. Ricordiamo i templi di Uruk e la grandiosa Ziqqurat di Ur, eretta durante…

    Continua a leggere

    Enea, Anchise e Ascanio di Bernini

    Il Barocco italiano è caratterizzato dalla sua grandiosità, dalla drammaticità e dalla maestria tecnica, e uno dei capolavori più straordinari di questo periodo è la “Statua di Enea, Anchise e Ascanio” di Gian Lorenzo Bernini. Quest’opera d’arte cattura la grandezza dell’eroe troiano Enea, insieme a suo padre Anchise e suo figlio Ascanio, in un momento…

    Continua a leggere

    Legenda Aurea di Jacopo da Varazze

    Molti artisti s’ispirarono alla Legenda Aurea per le loro opere. Tra questi vi fu Giotto con la Cappella degli Scrovegni a Padova, Piero della Francesca nelle Storie della Vera Croce nella basilica di San Francesco ad Arezzo e Vittore Carpaccio nel ciclo pittorico Storie di Sant’Orsola commissionata dalla scuola devozionale veneziana nominata come la martire per la loro cappella (oggi conservata alla Gallerie dell’Accademia). Per la scuola La Legenda costituì anche fonte di riferimento per…

    Continua a leggere

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *