Serpentone alle mandorle di Sant’Anatolia PAT Lazio

Secondo la leggenda le origini di questo dolce, risalirebbero al 400 d.C., periodo successivo al Martirio di Santa Anatolia avvenuto nel 249 d.C. Risulta, infatti, dai documenti storici che la santa fu chiusa dentro un sacco insieme ad una moltitudine di serpenti velenosi ma il giorno successivo, uscì miracolosamente indenne. Nelle rappresentazioni artistiche dell’epoca, tuttora visibili, il serpente è schiacciato dalla santa come simbolo del trionfo della fede e del bene sul male. Per celebrare questo evento miracoloso, fin dal passato è usanza preparare il Serpentone per la festa della Santa, vergine e martire, Anatolia che si svolge ogni anno il 10 luglio nell’omonimo paese di Sant’Anatolia di Borgorose, a testimonianza del suo martirio, avvenuto nella città di Thiora (attualmente Cartone nei pressi di Sant’Anatolia). Il dolce, dalla forma di serpente, è tradizionale ed esclusivo della frazione di Sant’Anatolia di Borgorose, per secoli tramandato di generazione in generazione

View More Serpentone alle mandorle di Sant’Anatolia PAT Lazio

Da Cocconato a Castagnole Monferrato

L’itinerario che ci apprestiamo a conoscere è uno tra i più vocati nella produzione vitivinicola con vini importanti, legati alla denominazione astigiana come il Moscato, il Grignolino, la Barbera, il Freisa. Iniziamo quindi da Cocconato, comune situato sulle colline astigiane all’altezza di 491 metri, conosciuto come la Riviera del Monferrato per il suo particolare microlima, dove possiamo degustare la pregiata Robiola di Cocconato, un formaggio di latte vaccino a pasta cruda dal sapore dolce in compagnia con un buon calice di Barbera.

View More Da Cocconato a Castagnole Monferrato

Serpette di Sermoneta PAT Lazio

Le Serpette sono il dolce più antico e tipico di Sermoneta. Devono il nome alla caratteristica forma ad S che ricorda una “serpetta”, riferimento chiaro allo stemma (formato dall’onda con l’aquila) della famiglia Caetani di Sermoneta. Si racconta che siano state preparate per la prima volta intorno al 1571 per celebrare la vittoria della Lega Santa, a cui partecipavano anche i Caetani, nella battaglia di Lepanto.

View More Serpette di Sermoneta PAT Lazio

Sciuscella PAT Lazio

Dolce tradizionale natalizio la cui forma richiama quella della carruba; si presenta ricoperto di glassa al cioccolato. L’impasto è costituito da miele, farina, zucchero e cacao, profumato con spezie aromatiche come la cannella e i chiodi di garofano.

View More Sciuscella PAT Lazio

Salame del re PAT Lazio

Il Salame del Re, prodotto tradizionale nella Valle dell’Aniene e, in particolare, nel territorio di Subiaco, affonda le sue origini tra il ‘700 e l‘800, quando veniva prodotto esclusivamente per essere consumato dalle classi nobili, essendo il cioccolato, all’epoca, un prodotto alimentare pregiato e costoso, inaccessibile, pertanto ai ceti medio bassi. Mantiene tale denominazione anche quando, più tardi, diventerà il dolce più consumato in occasioni importanti, quali battesimi e matrimoni. Anche l’Artusi ne dà una ricetta con il nome di salame inglese. Ancora oggi è considerato un prodotto di pregiata fattura e dal gusto inimitabile.

View More Salame del re PAT Lazio

Salavatici di Roviano PAT Lazio

“Ju salavaticu” ha una storia e una tradizione nella civiltà contadina di Roviano. Era un tipo di frittella economica e sbrigativa come si conveniva a persone che non avevano né le possibilità economiche, né il tempo da perdere nella preparazione di cibi elaborati. Le donne, oltre ad occuparsi della casa, ad una certa ora del giorno, dovevano raggiungere il marito che lavorava nei campo fin dall’alba, portando nella “canistrella segnalesca” il frugale pranzo. Nella “canistrella”, insieme alle erbe, alla “pulenna” ed al “fischiotto”, c’erano anche i Salavatici, preparati alla svelta prima di partire per la pianura o la montagna, per la “roscia” o “Ju puzzu ‘e gli Ferrari”.

View More Salavatici di Roviano PAT Lazio

Sentiero Italia CAI PIEMONTE 23° Tappa Rifugio Barbara Lowrie – Villanova Pellice

Rifugio Barbara Lowrie – Villanova Pellice La prima tappa interamente all’interno della Provincia di Torino si presenta abbastanza breve ma con dislivello intermedio e una lunga discesa. Dal Rifugio Barbara si procede inizialmente in direzione nord fino a imboccare il sentiero che conduce verso il Rifugio Willy Jervis attraverso il Rifugio Barant e l’omonimo colle. Poco dopo il valico il Giardino Botanico Bruno Peyronel vale una sosta. Dal Col Barant (2294 m) inizia la discesa che conduce dapprima alla meravigliosa Conca del Pra dove è possibile fermarsi al Rifugio Jervis per una sosta. In seguito il Sentiero Italia imbocca la valle verso Villanova che si può percorrere lungo la strada poderale sulla sinistra idrografica oppure lungo il sentiero sulla destra idrografica.

View More Sentiero Italia CAI PIEMONTE 23° Tappa Rifugio Barbara Lowrie – Villanova Pellice

Raviolo di San Pancrazio PAT Lazio

Si preparano dei piccoli rettangoli di lasagna farciti con la ricotta a sua volta lavorata con lo zucchero, la cannella e l’archemes. Il tutto fritto con abbondante olio extravergine di oliva: ecco come le signore de “Le Coste” preparano i ravioli chiamati, nella lingua locale, “tacconi”.

View More Raviolo di San Pancrazio PAT Lazio